Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Come rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco

Secondo una ricerca sviluppata dai ricercatori dell'UT Southwestern e pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Clinical Investigation che ha rivelato come sia possibile rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco intendendo quelle cellule specializzate che conducono l'elettricità per mantenere il battito cardiaco hanno una capacità precedentemente non riconosciuta di rigenerarsi nei giorni successivi alla nascita. Questa nuova importante scoperta porterà allo sviluppo di nuove terapie capaci di rigenerare il muscolo cardiaco

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Quando si parla di rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco si intendono quelle cellule specializzate che conducono l’elettricità per mantenere il battito cardiaco hanno una capacità precedentemente non riconosciuta di rigenerarsi nei giorni successivi alla nascita.

Rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco

A parlarne è uno studio condotto dai ricercatori dell’UT Southwestern che potrebbe portare allo sviluppo di nuove per i disturbi del ritmo cardiaco che evitino la necessità di pacemaker o farmaci invasivi, incoraggiando invece il cuore a guarire autonomamente.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Clinical Investigation.

Rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco: ecco cosa dice la ricerca

I pazienti con aritmie non hanno molte grandi opzioni“, ha affermato il leader dello studio Nikhil V. Munshi, MD, Ph.D., cardiologo e professore associato di medicina interna, biologia molecolare e presso l’Eugene McDermott Center for Human, sezione Crescita e sviluppo. “I nostri risultati suggeriscono che un giorno potremmo essere in grado di suscitare la rigenerazione dal cuore stesso per trattare queste patologie“.

Rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco

Il Dr. Munshi studia il sistema di conduzione cardiaca, un sistema interconnesso di cellule muscolari cardiache specializzate che generano impulsi elettrici e trasmettono questi impulsi per far battere il cuore. Sebbene gli studi abbiano dimostrato che le cellule muscolari cardiache non conduttrici hanno una certa capacità rigenerativa per un periodo di tempo limitato dopo la nascita, con molte scoperte in questo campo guidate dagli scienziati UTSW, si pensava in gran parte che le cellule conduttrici chiamate cellule nodali perdessero ladi rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco durante il periodo fetale.

Ricerche precedenti avevano suggerito che le cellule nodali neonatali perdono qualità simili alle cellule staminali prima della nascita, conferendo loro proprietà rigenerative trascurabili. Tuttavia, ha spiegato il dottor Munshi, le loro capacità rigenerative non erano mai state testate direttamente perché non c’era modo di eliminare solo le cellule nodali nei modelli animali per stimolare la rigenerazione.

Per risolvere questo problema, il dottor Munshi e i suoi colleghi hanno utilizzato l’ingegneria genetica per sviluppare topi le cui cellule del nodo atrioventricolare (AV), situate vicino all’intersezione delle quattro camere del cuore, sono morte quando sono state alimentate con il farmaco per il cancro al seno tamoxifene.

Rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco

Nei topi adulti di questo ceppo a cui è stato somministrato tamoxifene, campioni di tessuto ed elettrocardiogrammi hanno rivelato un danno cardiaco progressivo derivante dalla morte delle cellule del nodo AV nelle settimane e nei mesi successivi. Tuttavia, quando i topi neonati sono stati somministrati con il medicinale, la funzione cardiaca sembrava essere completamente normale in un terzo degli animali, circa un mese dopo.

Dando un’occhiata più da vicino, i ricercatori hanno eseguito elettrocardiogrammi su modelli murini neonati di insufficienza del nodo AV ogni due giorni dopo il trattamento con tamoxifene. Questi test hanno rivelato una lesione iniziale al cuore che gradualmente si è rimarginata in molti degli animali. Sebbene l’esame dei tessuti abbia mostrato che questa guarigione non ha portato a un cuore completamente normale nell’età adulta, era sufficiente che i topi avessero ritmi cardiaci regolari.

Curiosamente, ulteriori indagini hanno mostrato che le cellule cardiache non muscolari erano il tipo di cellula predominante che proliferava dopo la morte delle cellule nodali. Queste cellule sembravano modulare la produzione di proteine ​​che aiutano le cellule del cuore a stabilire connessioni elettriche.

Perché queste proteine ​​sono aumentate e perché solo un terzo circa degli animali ha mostrato la possibilità di rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco rimane poco chiaro, ha spiegato il dott. Munshi. Lui e i suoi colleghi hanno in programma di continuare a studiare i meccanismi molecolari alla base di questo fenomeno per acquisire maggiori conoscenze che potrebbero eventualmente portare a un farmaco in grado di stimolare il percorso di rigenerazione su richiesta per far ricrescere i nodi danneggiati nei pazienti con aritmia.

Rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco

 

Altri scienziati UTSW che hanno contribuito a questo studio sono Lin Wang, Minoti Bhakta e Antonio Fernandez-Perez.

Le malattie cardiovascolari (CVD) sono la principale causa di morte a livello globale. Gli infarti e gli ictus sono generalmente eventi acuti e sono causati principalmente da un blocco che impedisce al sangue di fluire al cuore o al cervello. La ragione più comune di ciò è un accumulo di depositi di grasso sulle pareti interne dei vasi sanguigni che irrorano il cuore o il cervello. Gli ictus possono essere causati da sanguinamento da un vaso sanguigno nel cervello o da coaguli di sangue.

I  più importanti fattori di rischio comportamentali di malattie cardiache e ictus sono una dieta malsana, l’inattività fisica, l’uso di tabacco e l’uso dannoso di alcol. Gli effetti dei fattori di rischio comportamentali possono manifestarsi negli individui come aumento della pressione sanguigna, aumento della glicemia, aumento dei lipidi nel sangue, sovrappeso e obesità. Questi “fattori di rischio intermedi” possono essere misurati nelle strutture di assistenza primaria e indicano un aumento del rischio di infarto, ictus, insufficienza cardiaca e altre complicanze.

Rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco

È stato dimostrato che la cessazione dell’uso del tabacco, la riduzione del sale nella dieta, il consumo di più frutta e verdura, un’attività fisica regolare ed evitare l’uso dannoso di alcol riducono il rischio di malattie cardiovascolari. Le politiche sanitarie che creano ambienti favorevoli per rendere accessibili e disponibili scelte salutari sono essenziali per motivare le persone ad adottare e sostenere comportamenti sani.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Cosa ne pensi di questa importante scoperta sul rigenerare le cellule che promuovono il battito cardiaco? Ritieni importante investire risorse economiche per portare avanti lo studio in questione? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0