Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Rifiuti elettronici

Rifiuti elettronici: solo il 9% di plastica viene riciclata

La plastica e il suo smaltimento è uno dei problemi maggiori che attanaglia il nostro pianeta, ma a questo si aggiungono anche i rifiuti elettronici, sempre più in aumento negli anni

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

L’acquisto di un gadget realizzato con plastica riciclata anziché con materiali nuovi di zecca potrebbe sembrare un investimento rispettoso dell’ambiente, ma fa ben poco per ridurre i cumuli di inquinamento da plastica e rifiuti elettronici che stanno distruggendo l’ambiente e finiscono ovunque, anche in i nostri stessi corpi.

Rifiuti elettronici

Pensa all’inquinamento da plastica come a una vasca traboccante nel tuo bagno, afferma Josh Lepawsky, professore alla Memorial University di Terranova che mappa il movimento internazionale dei rifiuti elettronici.

“Se ci entrassi, probabilmente la prima cosa che faresti sarebbe chiudere il rubinetto, non prendere un secchio e una scopa, se pensi al secchio e alla scopa come riciclaggio. Non significa, non usare un secchio e una scopa. Ma questo non significa chiudere il rubinetto.”

dice Lepawsky. Chiudere il rubinetto equivale a fermare la produzione di articoli in plastica e cercare di ripulire un disordine crescente non risolverà la radice del problema né limitare i rifiuti elettronici.

Ridurre gli sprechi significa ridurre i consumi, ed è qualcosa che non può essere risolto con nuove offerte di prodotti appariscenti, anche se questi prodotti sono realizzati con materiali riciclati, le aziende devono vendere meno prodotti che, in primo luogo, durino più a lungo in modo che i gadget non siano così usa e getta, così da non produrre troppi rifiuti elettronici.

Incoraggiare il riciclaggio può effettivamente ostacolarlo.

I rifiuti elettronici creano oceani di plastica

La portata del problema della plastica è enorme, a partire dal 2017 infatti gli esseri umani avevano prodotto 8,3 miliardi di tonnellate di plastica (per fare un confronto, un rinoceronte pesa circa 1 tonnellata), gran parte della quale può persistere nell’ambiente o nelle discariche per centinaia di anni.

Rifiuti elettronici

Il riciclaggio ha fatto poco per fermare quel caos, una ricerca ha scoperto infatti che solo il 9% dei rifiuti di plastica è mai stato riciclato, a discapito del fatto che le persone riversano ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di plastica nell’oceano, dove potrebbe finire in enormi distese di spazzatura, nel ghiaccio artico, nelle pance della vita marina per poi tornare all’interno dei nostri corpi.

“Non possiamo riciclare la nostra via d’uscita da questo problema: la riduzione acuta dei prodotti in plastica, riciclati o meno, è la soluzione. ​

Anche la produzione di nuovi articoli in plastica che utilizzano alcune di queste materie plastiche oceaniche come materia prima si tradurrà in un aumento netto dell’inquinamento da plastica.”.

Prendi il nuovo “Ocean Plastic Mousedi Microsoft, che ha un guscio realizzato con il 20% di plastica riciclata.

Qualsiasi potenziale guadagno ambientale che potrebbe derivare da quel 20% di materiale riciclato potrebbe potenzialmente essere spazzato via se l’azienda vendesse il 20% in più di mouse, afferma Lepawsky.
È una trappola che gli economisti ecologisti descrivono come “effetto rimbalzo” o “paradosso di Jevon“.

Per avere il massimo impatto, i prodotti dovrebbero essere realizzati con materiali riciclati al 100%, ma questo è quasi impossibile con la plastica, motivo per cui è abbastanza tipico per le aziende utilizzare solo una piccola percentuale di plastica rimaneggiata nei loro prodotti, e di conseguenza i rifiuti elettronici aumentano.

Rifiuti elettronici

La qualità della plastica si deteriora ad ogni utilizzo e, per questo motivo, è difficile creare una nuova bottiglia da una vecchia bottiglia o un nuovo mouse da un vecchio mouse.

Il mouse di Microsoft, ad esempio, ha richiesto all’azienda di creare una nuova resina plastica che è solo in parte plastica riciclata e combina anche quelle perline di plastica riciclata con nuova plastica.

Ciò significa che è usato per realizzare qualcosa che non richiede plastica di alta qualità, le bottiglie di plastica, ad esempio, vengono spesso trasformate in fibre sottili utilizzate nella moquette e nel vello.

Anche usare il 30 o il 40% di plastica sporca nel mouse probabilmente non sarebbe fattibile, secondo Claire Barlow, vice capo del dipartimento di ingegneria dell’Università di Cambridge, specializzata in ingegneria dei materiali e sostenibilità industriale.

Secondo lui, la qualità della plastica sporca non è abbastanza buona, e potrebbe non avere la resistenza o la durata richieste per il prodotto, o potrebbe essere semplicemente troppo difficile da elaborare, ecco perché la plastica fresca viene utilizzata per compensare la differenza.

Tutti quei punti deboli con la plastica rendono anche più difficile riciclare qualcosa che è già stato realizzato con materiali riciclati, dopo di che arriva un punto in cui la plastica non può più nemmeno essere riciclata e, quando raggiunge quel punto, viene in genere incenerita o inviata alle discariche, andando ad aumentare il mucchio di rifiuti elettronici e non.

Greenwashing di plastica per camuffare i rifiuti elettronici

Microsoft è tutt’altro che sola quando si tratta di fare nuove affermazioni ambientali con materiali riciclati. Logitech ha dato una grande spinta per vendere articoli con plastica riciclata post-consumo, e Samsung sta persino realizzando cinturini per orologi con materiali “riciclabili” e presumibilmente eco-compatibili, inclusa la buccia di mela.

Rifiuti elettronici

La tendenza si estende anche molto al di fuori della tecnologia per il confezionamento di alimenti, la moda e persino i giocattoli.

Diversi fattori potrebbero guidare questa tendenza anche perché la vastità del problema della plastica, e dei rifiuti elettronici, lo ha portato all’attenzione di più consumatori.

La plastica, che è prodotta con combustibili fossili, è anche legata a un’altra crisi ambientale che è venuta alla ribalta più di recente, ovvero il cambiamento climatico, senza contare che ricerche recenti mostrano che gli acquirenti stanno pensando di più alla sostenibilità dei marchi che acquistano, per evitare di creare rifiuti elettronici.

Le aziende tecnologiche sono state sottoposte a molte pressioni ultimamente per i danni che arrecano all’ambiente, in particolare per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico, le emissioni di gas serra, i rifiuti elettronici e l’uso dell’acqua.

I dipendenti di Microsoft, Amazon, Google e altri giganti della tecnologia hanno pubblicato lettere che spingono le loro aziende a smettere di inquinare e a smettere del tutto di lavorare con le aziende di combustibili fossili ma, sebbene le aziende abbiano annunciato passi più piccoli come utilizzare più materiali riciclati o compensare completamente le proprie emissioni, non hanno accettato di soddisfare le richieste più ambiziose dei propri dipendenti.

Rifiuti elettronici

Senza chiudere il rubinetto per i rifiuti elettronici e di plastica, le azioni più piccole potrebbero equivalere a un semplice greenwashing, un termine usato per descrivere gli sforzi per far sembrare qualcosa (come un marchio) più ecologico di quanto non sia in realtà, sorvolando sul reale danno ambientale per cui è responsabile.

Un esempio di greenwashing, secondo Barlow di Cambridge, è l’emergenza della plastica di origine biologica che può essere altrettanto dannosa o addirittura peggiore della plastica tradizionale.

“C’è un grosso punto interrogativo su quelli. Quando indaghi, a volte va bene, ma la maggior parte di loro è greenwash”

afferma Barlow.

La maggior parte delle materie plastiche di origine biologica, realizzate con cose come il mais anziché il petrolio, non sono ancora biodegradabili, pertanto aumentare le colture da cui derivano questi materiali potrebbe effettivamente portare a un maggiore consumo di acqua ed emissioni di gas serra rispetto alla plastica tradizionale.

Termini vaghi come “riciclabile” sollevano anche bandiere rosse per gli esperti. Razer ha annunciato all’inizio di quest’anno l’obiettivo di realizzare tutti i suoi prodotti con materiali riciclati o riciclabili entro il 2025, ma molte cose potrebbero essere riciclabili in teoria ma non in pratica, come le buste di plastica per le spedizioni di Amazon.

La maggior parte dei programmi di riciclaggio municipali in realtà non li accetterà, quindi i consumatori devono portare l’imballaggio nei punti di raccolta per poterle riciclare, ma poche persone lo fanno davvero, almeno secondo un sondaggio del gruppo di difesa dell’oceano Oceana.

Rifiuti elettronici

Un’azione significativa sul problema della plastica richiederà cambiamenti molto più grandi. Quando le aziende cercano di affrontare enormi problemi come il cambiamento climatico e l’inquinamento da plastica con piccoli annunci sul riciclaggio e sulle modifiche ai singoli dispositivi, Lepawski afferma:

“Si sta rosicchiando i bordi, trattando i sintomi e non i sistemi”.

Il Product Stewardship Institute e altri sostenitori dell’ambiente stanno spingendo per politiche che costringano le aziende ad assumersi maggiori responsabilità per ciò che accade ai dispositivi che vendono dopo che i clienti hanno finito con loro. Le aziende sarebbero tenute a ritirare i rifiuti elettronici o ad assumersi i costi associati al loro smaltimento responsabile.

In assenza di tali politiche, i comuni e i contribuenti finiscono per sostenere l’onere finanziario o l’ambiente paga il costo finale se è lì che finiscono questi rifiuti elettronici.

I programmi di riciclaggio municipali si stanno ancora riprendendo dallo shock globale del 2018 quando la Cina ha smesso di accettare la maggior parte dei beni riciclabili e, senza nessuno a cui vendere plastica sporca, alcuni programmi di riciclaggio porta a porta negli Stati Uniti hanno chiuso o hanno iniziato a inviare più materiali alle discariche e agli inceneritori.

Gli esperti tuttavia temono che un mercato caldo per i materiali riciclati potrebbe mantenere gli incentivi e le infrastrutture per la produzione di più plastica, indipendentemente dal fatto che siano riciclati o meno. Microsoft ha collaborato con Saudi Basic Industries Corporation (SABIC), una consociata della compagnia petrolifera Saudi Aramco, per il suo Ocean Plastic Mouse.

Rifiuti elettronici

Big Oil ha cercato di spingere il suo business della plastica come una linea di reddito in crescita mentre gli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra tagliati nel suo business del carburante.

La nuova pagina Web di Microsoft per l’Ocean Plastic Mouse dice ai consumatori che possono riciclare il loro vecchio mouse inviandolo a Microsoft, anche se c’è un disclaimer in fondo che dice che il suo programma di riciclaggio è disponibile solo in alcuni paesi.

I consumatori preoccupati per l’ambiente farebbero meglio a tenere il loro vecchio mouse piuttosto che riciclarlo e acquistarne uno nuovo, afferma Sydney Harris, responsabile delle politiche e dei programmi presso il Product Stewardship Institute.

“Stanno creando una nuova domanda per un nuovo prodotto appariscente di cui non ho bisogno perché ho un mouse perfettamente funzionante in questo momento. Questo non è sostenibile, intrinsecamente. Dovrei tenermi aggrappato al mouse finché non è allo stremo e smette di funzionare.”

afferma Harris.

Ma anche questo può essere difficile da fare quando le aziende rilasciano continuamente nuovi dispositivi che potrebbero essere incompatibili con i vecchi accessori, come nuovi laptop o telefoni con jack per cuffie mancanti e design diversi per i caricabatterie, tutte modifiche che creano ulteriori rifiuti elettronici.

Rifiuti elettronici

Quando le aziende tecnologiche progettano cose che diventano rapidamente obsolete, provocano un altro disastro crescente, che si traduce in rifiuti elettronici. I rifiuti elettronici contengono materiali oltre alla plastica come il mercurio e il piombo che possono essere tossici per le persone e per l’ambiente.

I paesi ricchi come gli Stati Uniti inviano gran parte dei loro rifiuti elettronici all’estero, dove spesso finiscono in impianti di riciclaggio improvvisati che possono mettere a rischio la salute dei lavoratori.

L’attenzione al riciclaggio post-consumo sposta in definitiva la responsabilità dalle aziende ai loro clienti, e ciò non porterà mai al tipo di cambiamento profondo e sistemico necessario per arginare i problemi dei rifiuti nel mondo, afferma Lepawsky, per poi aggiungere:

“L’azione dei singoli consumatori non sarà mai all’altezza della portata del problema. In realtà è molto utile per i marchi mantenere l’attenzione a valle sui rifiuti post-consumo, perché significa che l’occhio normativo viene tenuto lontano dal loro processo di produzione”.

In genere in tutti i settori, vengono generati molti più rifiuti durante il processo di produzione, prima che un prodotto arrivi sul mercato, rispetto alla spazzatura che i consumatori buttano via.

Ci sono molte altre cose che le grandi aziende tecnologiche potrebbero voler nascondere agli occhi indiscreti delle normative: dalle preoccupazioni sulla privacy e sulla moderazione ai dipendenti che si fanno avanti su pregiudizi e abusi ma, ehi, almeno possono dire di aver riciclato qualcosa, giusto?

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologia, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

 

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Secondo te quale sarebbe la soluzione migliore per poter limitare i rifiuti elettronici? Come potrebbero le aziende ovviare a tutti quegli sprechi? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0