Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Recettore PDGFRA: bloccarlo per trattare i disturbi da SM

In una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Brain and Behaviour è stato scoperto, durante uno studio che riguardava il glioma, che una sovraespressione di un recettore della crescita, il PDGFRA, fosse responsabile grave ipomielinizzazione nei topi, che si manifestava con un equilibrio alterato, tremori degli arti posteriori e della coda. Questa scoperta apre nuove ricerche sulla possibilità di bloccare questo recettore per trattare i sintomi della SM. Non solo, troppo PDGFRA ha interferito con la differenziazione delle cellule progenitrici che danno origine alle cellule che producono la mielina. Le cellule progenitrici, sono note per essere l'origine dei tumori cerebrali come il glioma diffuso della linea mediana. I risultati dello studio hanno suggerito che i meccanismi osservati potrebbero stimolare lo sviluppo del tumore cerebrale in una fase postnatale

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Il recettore del fattore di crescita chiamato PDGFRA si è reso protagonista di uno studio portato avanti da Oren Becher, MD, dell’Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital di Chicago, e colleghi, che hanno scoperto che una sua sovraespressione causava una grave ipomielinizzazione nei topi, che si manifestava come un equilibrio alterato, e tremori degli arti posteriori e della coda. L’ ipomielinizzazione causa la sclerosi multipla e altre malattie.

Recettore PDGFRA

La sclerosi multipla (SM) è una patologia che può colpire il cervello e il midollo spinale, causando un’ampia gamma di potenziali sintomi, inclusi problemi di vista, movimento di braccia o gambe, o problemi di equilibrio.

Si tratta di una malattia permanente che a volte può causare gravi disabilità, anche se occasionalmente può essere lieve.
In molti casi, è possibile trattare i sintomi. L’aspettativa di vita media è leggermente ridotta per le persone con SM ed è più comunemente diagnosticata nelle persone tra i 20 ei 30 anni, sebbene possa svilupparsi a qualsiasi età. È circa 2 o 3 volte più comune nelle donne rispetto agli uomini.

Recettore PDGFRA

sintomi della SM variano ampiamente da persona a persona e possono colpire qualsiasi parte del corpo. I sintomi più comuni sono:

  • Fatica;
  • Difficoltà a camminare;
  • Problemi di vista, come visione offuscata;
  • Problemi di controllo della vescica;
  • Intorpidimento o formicolio in diverse parti del corpo;
  • Rigidità muscolare e spasmi;
  • Problemi di equilibrio e coordinazione;
  • Problemi di memoria;

A seconda del tipo di SM che il paziente manifesta, i sintomi possono andare e venire in fasi o peggiorare costantemente nel tempo.

Per questa ragione la scoperta del recettore PDGFRA, è un passo avanti significativo che potrebbe offrire una nuova direzione promettente nello studio della sclerosi multipla e di altre malattie causate dall’ipomielinizzazione, quando gli assoni dei neuroni non sono sufficientemente coperti da guaine grasse (mielina), che interrompono la comunicazione tra le cellule nervose.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Brain and Behaviour.

Recettore PDGFRA: qualche dettaglio sulla ricerca

Il nostro studio fornisce un nuovo modello per lo studio dell’ipomielinizzazione“, ha affermato il dott. Becher, autore senior dello studio, Rory David Deutsch Malignant Brain Tumor Research Scholar presso la Lurie Children’s e professore associato di pediatria, biochimica e genetica molecolare presso la Northwestern University Feinberg School of Medicinale: “Il blocco di questo recettore potrebbe rivelarsi una nuova strategia per trattare i disturbi della mielinizzazione come la sclerosi multipla. Naturalmente, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i nostri risultati ed esplorare ulteriormente il fenomeno”.

Recettore PDGFRA

Il recettore PDGFRA è stato scoperto mentre si osservavano i potenziali meccanismi di formazione del tumore al cervello. Il Dr. Becher infatti ha sottolineato che l’attuale studio si è concentrato sugli eventi prenatali, il che potrebbe spiegare perché non si sono formati tumori, poiché il tempismo è molto importante nello sviluppo del cancro.

Abbiamo visto che troppo PDGFRA ha interferito con la differenziazione delle cellule progenitrici che danno origine alle cellule che producono la mielina”, ha affermato il dott. Becher. “Queste cellule progenitrici, che continuano a essere generate per tutta la durata della vita umana, sono note per essere la cellula di origine dei tumori cerebrali come il glioma diffuso della linea mediana. I nostri risultati suggeriscono che i meccanismi che abbiamo osservato potrebbero stimolare lo sviluppo del tumore cerebrale in una fase postnatale”.

Recettore PDGFRA

Il glioma è un tipo comune di tumore che ha origine nel cervello. Circa il 33% di tutti i tumori cerebrali sono gliomi, che hanno origine nelle cellule gliali che circondano e supportano i neuroni nel cervello, inclusi astrociti, oligodendrociti e cellule ependimali. I Gliomi sono chiamati intra-assiale i tumori del cervello perché crescono nella sostanza del cervello e spesso si mescolano con il normale tessuto cerebrale.

I sintomi del glioblastoma e altri sintomi del glioma compaiono lentamente e possono essere inizialmente impercettibili. Alcuni gliomi non causano alcun sintomo e potrebbero essere diagnosticati quando si vede il medico per qualcos’altro. Il trattamento per un glioma dipende dalla su gravità. Ci sono quattro gradi di tumori cerebrali; tuttavia, i gliomi sono più spesso indicati come “basso grado” (gradi I o II) o “alto grado” (gradi III o IV), in base al potenziale di crescita e all’aggressività del tumore.

Recettore PDGFRA

Il trattamento per un glioma è personalizzato per il singolo paziente e può includere chirurgia , radioterapia , chemioterapia o osservazione.

Vorrei esprimere la mia profonda gratitudine alla Rory David Deutsch Foundation e alla Lurie Children’s per la loro visione, fiducia e sostegno a questa ricerca“, ha concluso il dott. Becher.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Ritieni che vadano investite risorse per portare avanti gli studi della ricerca che la riguardano? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0