Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Razzo New Glenn di Blue Origin

Razzo New Glenn di Blue Origin: in orbita non prima del 2022

Il lancio del razzo New Glenn è stato nuovamente rinviato, ma a quanto pare c'è una ragione ben precisa

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Blue Origin sta rimandando il primo lancio del suo razzo New Glenn alla fine del 2022, affermando che ha “ridefinito” lo sviluppo del veicolo di lancio dopo aver perso un contratto chiave del Pentagono lo scorso anno.

Blue Origin ha annunciato il 25 febbraio di aver fissato un nuovo obiettivo nel quarto trimestre del 2022 per il primo lancio del razzo New Glenn dal Launch Complex 36 presso la Cape Canaveral Space Force Station, situazione diversa rispetto alle aspettative, infatti la società aveva inizialmente mirato al lancio inaugurale del razzo New Glenn per il 2020, ma all’inizio del 2020 lo aveva ritardato alla fine del 2021.

Razzo New Glenn di Blue Origin

Jarrett Jones, vicepresidente senior di Blue Origin per New Glenn, ha dichiarato che il programma doveva essere posticipato per motivi tecnici e finanziari a seguito della decisione di agosto della Space Force, ovvero quella di non selezionare New Glenn per la Fase 2 del National Security Space Launch (NSSL) Phase 2 Launch Services Procurement.

“Questo è stato un grande colpo per noi, abbiamo dovuto considerare l’impatto economico”.

ha detto il vicepresidente senior, Jarrett Jones.

Blue Origin ha perso contro United Launch Alliance e SpaceX, che sono stati selezionati come fornitori di lanci spaziali per la sicurezza nazionale dal 2022 al 2027.  Razzo New Glenn di Blue Origin

Non essere stato selezionato è costato miliardi di dollari a Blue Origin, anche perché nell’ottobre 2018, sebbene avesse vinto un accordo per il servizio di lancio da 500 milioni di dollari con l’Air Force, l’LSA (Launch Service Agreement) è stato risolto nel dicembre 2020 dopo che Blue Origin ha ricevuto solo 255,5 milioni di dollari.

Blue Origin ha stimato che non vincere il contratto di appalto quinquennale è costato all’azienda fino a 3 miliardi di dollari di entrate ma, nonostante la battuta d’arresto, Jones ha affermato:

“New Glenn sta andando avanti. Non è mai stata una considerazione non continuare a sviluppare il veicolo per i clienti dello spazio commerciale e civile.

Blue Origin rimane impegnata con il razzo New Glenn e abbiamo le risorse allineate per soddisfare i nostri piani”.

Il futuro di Blue Origin e del razzo New Glenn

Razzo New Glenn di Blue Origin

New Glenn sarà pronto a competere di nuovo per la fase 3 di NSSL quando il prossimo contratto sarà disponibile nel 2024, con Jones che afferma:

“Speriamo di lanciare carichi utili NSSL in futuro e restiamo impegnati a servire la missione di difesa nazionale degli Stati Uniti”.

Dopo la perdita del contratto di Fase 2, Blue Origin ha “ridefinito” la linea temporale e il piano di sviluppo del razzo New Glenn:

“Abbiamo esaminato tutto ciò che era sul tavolo, inclusi finanziamenti e clienti, e abbiamo messo insieme un programma ad alta probabilità in cui abbiamo messo tutte le nostre risorse e distribuito i finanziamenti necessari di cui avevamo bisogno”.

Jones ha citato diversi sviluppi sul percorso critico del razzo New Glenn per soddisfare quella nuova data di lancio, dalla produzione dei grandi serbatoi di propellente per il razzo ai test di radiazione della sua avionica.

L’azienda ha completato una versione di qualificazione della carenatura del carico utile di sette metri, insieme a un adattatore del carico utile, che sarà testato entro la fine dell’anno presso la stazione Plum Brook della NASA in Ohio.

 

Razzo New Glenn di Blue Origin

Blue Origin ha un primo simulatore di fase nella sua fabbrica in Florida che alcuni osservatori hanno intravisto all’inizio di questo mese e, a detta di Jones, “entro le prossime due settimane, le persone inizieranno a vedere qualcosa muoversi”.

L’azienda sta inoltre completando nuove strutture presso l’LC-36, un ex rampa di lancio di Atlas che Blue Origin ha rilevato nel 2015. La costruzione principale della piattaforma è ora in fase di conclusione, con l’attivazione del sistema e l’inizio del checkout, visto che l’aspettativa è che il prossimo anno sarà commissionato.

Quel pad da solo è costato alla società $ 1 miliardo, che fanno parte parte dei $ 2,5 miliardi di investimenti complessivi da parte di Blue Origin in strutture, come la fabbrica del razzo New Glenn appena fuori dai cancelli del Kennedy Space Center e una fabbrica di motori che la società ha completato un anno fa a Huntsville, in Alabama .

Razzo New Glenn di Blue Origin

Jones ha affermato che Blue Origin intende fornire motori BE-4 qualificati per il volo alla United Launch Alliance in tempo per il lancio inaugurale pianificato da ULA del suo razzo Vulcan alla fine di quest’anno, aggiunge inoltre che fanno tentativi e prove regolarmente, oltre ad avere oltre 11.000 secondi di tempo di test accumulato.

Il razzo New Glenn adempirà ai suoi attuali contratti commerciali e perseguirà nuovi contratti di lancio nello spazio civile. La società ha precedentemente annunciato contratti di lancio con Eutelsat, Mu Space, OneWeb, Sky Perfect JSAT e Telesat, inoltre la società ha discusso con loro i programmi di sviluppo rivisti.

Blue Origin intende anche posizionare New Glenn per competere con SpaceX nel mercato del rideshare per piccoli lanci di satelliti.

“Questa è davvero una grande opportunità per noi. Stiamo svolgendo il lavoro di sviluppo per esaminare i diversi adattatori di cui abbiamo bisogno per le diverse dimensioni dei satelliti e per i satelliti riconfigurabili”.

ha detto Jones.

Se sei attratto dalla scienza, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Scienze

I virus possono uccidere le larve di vespa che vengono gestate all’interno di bruchi infetti

Scienze

Troppo consumo di caffè può causare demenza e ictus?

Scienze

Steven Weinberg muore a 88 anni, la fisica perde un titano

Samsung

Samsung 21 FE si nega ai fan, non ci sarà all’evento dell’11 agosto

Scienze

La foresta amazzonica è in crisi: emessa più Co2 che assorbita

Honor

Honor pronta a lanciare il suo primo smartphone pieghevole?

Cosa ne pensi delle scelte di New Glenn? Secondo te potrà davvero competere con SpaceX? Dicci la tua qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Intel e AMD

20 aprile, 2021

Trump Twitter

20 aprile, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0