Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Primo cavo telefonico transatlantico

Primo cavo telefonico transatlantico, sono già 65 anni

Nella rubrica "Questo mese nella storia" andremo a parlare dell'evoluzione delle comunicazioni nella storia, più precisamente di come si è arrivati ad avere il primo cavo telefonico transatlantico che connetteva il Canada alla Scozia, e delle successive evoluzioni

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

L’estensione del servizio telefonico ad altri paesi e continenti era un obiettivo fissato nei primi giorni dei sistemi telefonici, ma in quel periodo non si pensava ancora all’introduzione del primo cavo telefonico transatlantico.

In Nord America, il servizio verso il Canada e il Messico era un’estensione naturale dei metodi a lunga distanza utilizzati negli Stati Uniti ma, la trasmissione attraverso l’oceano verso l’Europa, richiedeva una notevole quantità di ingegno.

Primo cavo telefonico transatlantico

Mentre i cavi telegrafici transatlantici erano in servizio dal 1866, questi stessi cavi non potevano essere utilizzati per la trasmissione vocale, a causa delle limitazioni di larghezza di banda, invece il primo cavo telefonico transatlantico ha fatto uso della radio.

Il servizio regolare via radio tra gli Stati Uniti e l’Europa è stato istituito nel 1927 utilizzando frequenze a onde lunghe nell’intervallo da 58,5 a 61,5 kilohertz e nel primo anno questo sistema ha supportato 11.000 chiamate, mentre poi nel 1929 furono aggiunti circuiti aggiuntivi nella gamma di 6-25 megahertz.

Ci si rese presto conto che il numero di telefonate transatlantiche avrebbe rapidamente superato lo spettro radio disponibile, di conseguenza è stata sviluppata la tecnologia che diede vita al primo cavo telefonico transatlantico, che utilizzava amplificatori o ripetitori posti a intervalli regolari lungo la lunghezza del cavo.

Il primo dispiegamento di cavi sottomarini era stato realizzato in precedenza nel 1921, con un cavo lungo 184 km (114 miglia) tra Cuba e Key West, in Florida, mentre il primo cavo telefonico transatlantico fu posato nel 1956 tra il Canada e la Scozia, in particolare tra Clarenville, nella provincia di Terranova e Labrador in Canada, e Oban, in Scozia, a una distanza di 3.584 km (2.226 miglia).

Primo cavo telefonico transatlantico

Il sistema del primo cavo telefonico transatlantico utilizzava due cavi coassiali, uno per ciascuna direzione, e utilizzava un FDM analogico per trasportare 36 circuiti vocali a due vie.

Con la disponibilità del sistema via cavo, il traffico telefonico transatlantico è aumentato drasticamente, da 1,7 milioni di chiamate nel 1955 a 3,7 milioni nel 1960.

Sei cavi coassiali aggiuntivi, che rappresentano quattro generazioni successive di cavi, sono stati poi posati attraverso l’Oceano Atlantico tra il 1956 e il 1983.

Ogni generazione di sistemi via cavo supportava un numero maggiore di circuiti vocali, con l’ultimo che ne supportava ben 4.200, inoltre, al fine di migliorare la capacità del canale vocale dei sistemi di cavi transoceanici, è stato introdotto un metodo di riduzione dei dati vocali noto come interpolazione vocale a assegnazione di tempo, o TASI.

In TASI le pause naturali che si verificano nel discorso sono state utilizzate per portare altre conversazioni vocali, in questo modo un sistema di cavi coassiali progettato per 4.200 circuiti vocali a due vie potrebbe supportare 10.500 circuiti.

Il primo cavo telefonico transatlantico e i suoi successori

Anche gli sviluppi in fibra ottica hanno avuto un effetto significativo sullo spiegamento del cavo sottomarino, dal 1989 al 2001 sono stati infatti installati un totale di 15 nuovi cavi transatlantici in fibra ottica, insieme a un numero simile di cavi transpacifici.

Il primo cavo telefonico transatlantico ha ovviamente aperto la strada a molti altri cavi sottomarini, soprattutto quelli a corto segmento che sono stati impiegati per collegare vari paesi all’interno di un continente. Dal 1996 molti di questi cavi ottici hanno impiegato amplificatori in fibra drogata con erbio e multiplexing a divisione d’onda, consentendo la trasmissione di dati di altissima qualità a velocità molto elevate.

Uno dei programmi più ambiziosi, il TAT-14, implementato nel 2001 e dismesso lo scorso anno, collegava Stati Uniti, Francia, Germania, Danimarca e Regno Unito con un cavo sottomarino di 15.428 km (9.581 miglia).

Come distribuito, il cavo aveva quattro coppie di fibre e una capacità protetta di 640 gigabit al secondo, corrispondenti a circa 9,6 milioni di circuiti voce e, grazie a tale capacità, la TASI non è era più necessaria per aumentare il numero di circuiti voce su cavo sottomarino.

Più o meno nello stesso periodo in cui venivano installati i successori del primo cavo telefonico transatlantico, si stava studiando un altro metodo di trasmissione, la comunicazione satellitare.

Nel 1962 AT&T in collaborazione con la National Aeronautics and Space Administration (NASA) lanciò il satellite per comunicazioni Telstar in un’orbita terrestre media ellittica, il suo apogeo, o la distanza più lontana dalla Terra, essendo di circa 5.600 km (3.500 miglia).

Telstar 1 fungeva da ripetitore nel cielo, cioè ha semplicemente tradotto tutte le frequenze all’interno della sua larghezza di banda di ricezione nella banda di sei gigahertz, in frequenze nella sua banda di trasmissione di quattro gigahertz.

La larghezza di banda di trasmissione di 32 megahertz di Telstar 1 poteva supportare un segnale televisivo unidirezionale o più conversazioni telefoniche bidirezionali.

A causa della sua orbita bassa, Telstar non era sempre in vista delle stazioni di comunicazione a terra, e questo problema è stato risolto nel luglio 1963 con il lancio del primo satellite di comunicazione geostazionario, Syncom 2, che ha seguito un percorso circolare a circa 35.900 km (22.300 miglia) sopra la Terra. Syncom 2 è stato seguito da una serie di satelliti geostazionari, ciascuno con una capacità maggiore rispetto alla generazione precedente.

Primo cavo telefonico transatlantico

Ad esempio, il satellite Intelsat 11, lanciato il 5 ottobre 2007, che orbita sopra l’Equatore alla longitudine 43° W (appena ad est del Brasile), utilizza 12 transponder attivi in ​​banda C per trasmettere dati digitali sulla maggior parte del Nord e del Sud America e utilizza 18 transponder in banda Ku principalmente per la ritrasmissione di trasmissioni televisive in Brasile.

Sfortunatamente, i satelliti geostazionari, a causa della loro grande distanza dalla Terra, introducono un ritardo del segnale di un quarto di secondo, rendendo a volte difficile la conversazione vocale bidirezionale, cosa che non succedeva con i successori del primo cavo telefonico transatlantico.

Proprio per questo motivo, e anche per la disponibilità di cavi sottomarini ad alta capacità, i satelliti geostazionari non sono più utilizzati per le comunicazioni telefoniche di vettori comuni in gran parte del mondo, tuttavia, poiché le connessioni in fibra ottica non sono disponibili ovunque, i satelliti geostazionari continuano a essere lanciati per supportare il traffico voce e dati.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologia, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Speciale

Come trasferire i contatti in rubrica ad un altro smartphone

Scienze

Sindrome del cuore spezzato: in aumento tra le donne adulte

Speciale

Impara HTML5 CSS3 JavaScript: Copyright con JS

Speciale

Impara HTML5 CSS3 JavaScript: creare uno stile

TOBi

TOBi di Vodafone comodamente su WhatsApp

WhatsApp

Scorciatoie WhatsApp Web

Secondo te quanto è stato determinante il primo cavo telefonico transatlantico nel modificare il modo in cui comunicavamo? Cosa potrebbe, oggi, avere un impatto simile? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0