Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Polinesia

Polinesia: il DNA ci ha dato modo di capire come sia stata inizialmente popolata

La Polinesia è stata popolata grazie ai viaggiatori che migrarono nelle isole sparse nell'arco di 500 anni

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

I viaggiatori raggiunsero le isole della Polinesia, migrando nelle isole del Pacifico per oltre 500 anni, lasciando una traccia genetica delle rotte che seguirono, dicono gli scienziati. I confronti del DNA dei polinesiani odierni indicano che i viaggi marittimi lanciati da Samoa nella Polinesia occidentale si diressero a sud e poi a est, raggiungendo Rarotonga nelle Isole Cook intorno all’anno 830.

Dalla metà del 1100 alla metà del 1300, le persone che avevano viaggiato più a est fino a una serie di piccole isole chiamate Tuamotus aperte a ventaglio per insediare Rapa Nui, conosciuta anche come Isola di Pasqua, e diverse altre isole separate da migliaia di chilometri sul confine orientale della Polinesia. Su ognuna di queste isole, i viaggiatori Tuamotu hanno costruito enormi statue di pietra come quelle per cui è famosa l’Isola di Pasqua.

Questo è lo scenario delineato in un nuovo studio su Nature del 23 settembre del biologo computazionale della Stanford University Alexander Ioannidis, del genetista delle popolazioni Andrés Moreno-Estrada del National Laboratory of Genomics for Biodiversity di Irapuato, in Messico, e dei loro colleghi.

La nuova analisi generalmente si allinea con le stime archeologiche delle migrazioni umane attraverso la Polinesia orientale da circa il 900 al 1250. Lo studio offre uno sguardo senza precedenti sui percorsi di insediamento che si muovevano a zig zag su una distanza di oltre 5.000 chilometri, affermano i ricercatori.

“La colonizzazione della Polinesia orientale è stato un evento straordinario in cui una vasta area, circa un terzo del pianeta, è stata abitata dagli esseri umani in un periodo di tempo relativamente breve”, afferma l’archeologo Carl Lipo della Binghamton University di New York, che non era coinvolto nella nuova ricerca.

Le migliori tecniche di datazione al radiocarbonio applicate ai resti di specie vegetali di breve durata rinvenute nei siti archeologici stanno anche producendo una cronologia della colonizzazione polinesiana vicina a quella proposta nello studio genetico, afferma Lipo.

Nella nuova indagine, i ricercatori hanno identificato segmenti di DNA di origine esclusivamente polinesiana in 430 individui odierni provenienti da 21 popolazioni di isole del Pacifico. Le impronte genetiche specifiche dell’isola hanno permesso agli scienziati di ricostruire i percorsi di insediamento, sulla base dell’aumento di varianti genetiche rare che devono essere risultate da un piccolo gruppo che si è spostato da un’isola all’altra e ha dato origine a una nuova popolazione più ampia con nuove alterazioni del DNA.

I confronti di ascendenza polinesiana condivisa tra coppie di individui su isole diverse sono stati utilizzati per stimare quando si sono verificati gli insediamenti. In una svolta intrigante, l’evidenza del DNA “è coerente con la tradizione della scultura di statue, che sorge una volta in un singolo punto di origine comune, probabilmente le isole Tuamotu”, afferma Moreno-Estrada. L’ascendenza polinesiana su tutte le isole con enormi statue risale all’unica isola delle Tuamotu dove i ricercatori sono stati in grado di ottenere il DNA dei popoli indigeni.

Le Tuamotu comprendono quasi 80 isole situate tra Tahiti a ovest e altre isole a nord e ad est dove i coloni scolpivano statue. Questi ultimi avamposti sono costituiti dalle Isole Marchesi, Mangareva e Rapa Nui. Un’altra isola tardiva dove gli abitanti scolpivano statue, Raivavae, si trova a sud-ovest delle Tuamotu.

Polinesia e Sudamerica

 

Polinesia

I coloni hanno raggiunto l’isola di Mataiva nelle Tuamotu settentrionali intorno al 1110, suggeriscono i ricercatori. I creatori di statue hanno navigato verso nord e verso est da Mataiva o forse altre isole Tuamotu fino all’estremo est di Rapa Nui, alla fine curvando indietro verso ovest prima di arrivare a Raivavae, più o meno nello stesso periodo in cui un precedente studio sul DNA suggerisce che i polinesiani orientali si sono accoppiati con i sudamericani.

Non è chiaro se i sudamericani abbiano attraversato l’oceano in Polinesia o se i polinesiani abbiano viaggiato in Sud America e poi siano tornati. Le conclusioni di Ioannidis e colleghi generalmente supportano scenari precedenti di insediamento della Polinesia, ma esistono alcune disparità tra le loro prove genetiche e precedenti scoperte archeologiche e linguistiche, scrive l’archeologo Patrick Kirch dell’Università delle Hawaii a Manoa in un commento pubblicato con il nuovo studio.

Ad esempio, la nuova analisi del DNA trascura i vasti contatti avvenuti in tutta la Polinesia orientale nelle sue prime fasi di insediamento, afferma Kirch. Le analisi dei dialetti della lingua polinesiana orientale strettamente correlati e le scoperte di strumenti di pietra che sono stati trasportati da un’isola all’altra indicano viaggi e commerci sostanziali in tutta la regione durante quel periodo.

Kirch, che in precedenza aveva suggerito che questi contatti a lunga distanza nelle tradizioni della scultura su pietra della Polinesia orientale influenzassero, chiama la nuova proposta che le persone con un’ascendenza condivisa portassero la scultura su pietra a Rapa Nui e in altre isole “un’ipotesi provocatoria”.

E non c’è ancora una risposta a una delle principali domande riguardanti l’insediamento delle isole, afferma l’antropologa molecolare Lisa Matisoo-Smith dell’Università di Otago a Dunedin, in Nuova Zelanda, che non ha partecipato alla nuova ricerca. Nessuna linea di prova attuale può risolvere il mistero del perché, dopo aver trascorso quasi 2000 anni a Samoa, Tonga e Figi, i polinesiani hanno iniziato a viaggiare per migliaia di chilometri verso est alla ricerca di nuove terre.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

che ne pensi di questa nuova scoperta? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0