Pillola per il Lupus

Pillola per il Lupus: risultati promettenti nei topi

Una delle malattie più conosciute e per le quali, fino ad oggi, non c'era cura, potrebbe subire una svolta, infatti sembrerebbero procedere bene gli studi sulla realizzazione di una pillola per il Lupus

Oggi, o meglio, recentemente, gli scienziati riferiscono di aver iniziato gli studi clinici di fase 2 per una pillola per il Lupus, la quale conterrebbe un composto che, nei topi, non solo previene i sintomi simili a questa malattia, ma inverte anche i segni di danno d’organo causato dalla malattia e previene la morte.

Pillola per il Lupus

Il lupus è una malattia autoimmune che attacca gli organi e può essere fatale, non esiste una cura, quindi i trattamenti attuali mirano a limitare i danni e migliorare i sintomi, con alcune di queste terapie che devono essere iniettate, altre hanno gravi effetti collaterali e molte non sono molto efficaci, ecco perché la possibilità di avere una pillola per il Lupus sarebbe quasi fantascienza.

I ricercatori che hanno preso parte alla realizzazione e allo studio della pillola per il Lupus, presenteranno i loro risultati alla riunione autunnale dell’American Chemical Society (ACS).

“Poche nuove terapie hanno avuto successo, ma crediamo che il nostro composto potrebbe essere un trattamento efficace per il lupus”

afferma Alaric Dyckman, Ph.D.

La malattia colpisce 5 milioni di persone in tutto il mondo, secondo la Lupus Foundation of America, ed i sintomi includono eruzioni cutanee, affaticamento estremo, dolore, infiammazione e deterioramento degli organi, come i reni e il cuore, che possono portare alla morte.

Il lupus si sviluppa quando il sistema immunitario attacca i tessuti del corpo, ed anni fa, i ricercatori hanno iniziato a sospettare che questo processo coinvolgesse i recettori toll-like (TLR) 7 e 8, che sono proteine ​​cellulari che attivano il sistema immunitario quando rilevano l’RNA virale o identificano erroneamente l’RNA di una persona come una minaccia.

“I dati genetici e le valutazioni dei trattamenti iniettabili hanno suggerito che TLR7 e 8 potrebbero essere bersagli farmacologici per il lupus. Ciò che mancava era la capacità di bloccare direttamente questi recettori con piccole molecole che potevano essere assunte per via orale”

afferma Dyckman, quindi nel 2010, lui e altri scienziati del Bristol Myers Squibb (BMS), hanno deciso di sviluppare tali composti.

Gli studi dietro la realizzazione della pillola per il Lupus

Pillola per il Lupus

Nuove opzioni sarebbero benvenute, dal momento che molti pazienti non rispondono completamente ai farmaci attuali. Le due terapie approvate specificamente sviluppate per il lupus riducono l’attività di componenti specifici del sistema immunitario: l’anifrolumab di AstraZeneca blocca un recettore per l’interferone proteico, mentre il belimumab di GlaxoSmithKline riduce la sopravvivenza dei globuli bianchi noti come cellule B.

Altri trattamenti includono steroidi e altri immunosoppressori generali, antimalarici, antinfiammatori e anticoagulanti, tuttavia anifrolumab e belimumab devono essere somministrati per iniezione o infusione, osserva Dyckman, mentre gli steroidi e gli immunosoppressori generali sono associati a problemi di sicurezza e non erano originariamente progettati per trattare il lupus.

I ricercatori BMS hanno iniziato a concentrarsi su un’alternativa adatta esaminando la raccolta di composti dell’azienda per le molecole che potrebbero bloccare la segnalazione di TLR7/8, e questa alternativa potrebbe essere la pillola per il Lupus.

Il team ha modificato le strutture dei colpi iniziali per ridurre l’interazione con altri recettori, migliorare la potenza e consentire il dosaggio orale, ed il composto risultante, “afimetoran”, si lega ai TLR target, inibendone il funzionamento per ottenere un’attività benefica. Come l’anifrolumab, interferisce con l’interferone e, come il belimumab, controlla i danni causati dai linfociti B iperattivi, inoltre inibisce anche la produzione di più citochine proinfiammatorie che causano molti danni ai tessuti nel lupus.

“Con afimetoran, non solo potremmo prevenire lo sviluppo di sintomi simili al lupus nei topi prima dell’insorgenza della malattia, ma potremmo effettivamente invertire i sintomi e prevenire la morte negli animali che erano a giorni o settimane dal soccombere alla malattia”

afferma Dyckman, il quale in seguito aggiunge:

“Non avevamo visto quell’inversione con altri meccanismi che avevamo valutato, quindi eravamo particolarmente entusiasti di questa scoperta”.

Dyckman afferma di ritenere che gli effetti combinati di afimetoran gli diano il potenziale per controllare il lupus così come o meglio dei trattamenti esistenti e lo fanno attraverso una somministrazione orale, invece di richiedere iniezione o infusione.

Il team dello studio dietro la pillola per il Lupus, ha anche scoperto che l’afimetoran si combinava bene con i trattamenti con corticosteroidi nei topi, ciò significa che i pazienti potrebbero essere in grado di utilizzare dosi più basse di steroidi, un pilastro del trattamento del lupus. Dosi più basse sarebbero utili perché gli steroidi hanno effetti collaterali, come aumento di peso, assottigliamento delle ossa, ipertensione e diabete, nonché un aumentato rischio di infezione.

Pillola per il Lupus

Sono stati completati gli studi clinici di fase 1 di afimetoran per valutare la sicurezza nelle persone sane e fare luce sul comportamento del composto nell’organismo. Gli studi hanno mostrato che una pillola per il Lupus, una volta al giorno, potrebbe bloccare quasi completamente la segnalazione attraverso TLR7/8.

E ora è in corso uno studio di fase 2 per testare l’efficacia della pillola per il Lupus nei pazienti che ne sono affetti, anche perché a causa della sua modalità d’azione, dice Dyckman, può funzionare anche in altri disturbi autoimmuni, come la psoriasi o l’artrite.

Il BMS sta testando altri composti contro il lupus, come il deucravacitinib, un inibitore selettivo della tirosin-chinasi 2 (TYK2) orale che sta entrando negli studi di fase 3, ed anche altre aziende stanno facendo progressi, Merck, ad esempio, sta valutando il proprio bloccante orale dei TLR7/8, enpatoran, in studi di fase 2.

Ma il campo affollato non riguarda Dyckman, infatti nonostante gli intensi sforzi per sviluppare nuove terapie negli ultimi decenni, pochi ci sono riusciti, e ancora meno sono riusciti ad ideare una pillola per il Lupus:

“Quindi fare molti tiri in porta è importante. Inoltre, il lupus è una malattia così eterogenea che è improbabile che un singolo approccio fornisca sollievo a tutti i pazienti là fuori”.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Conosci qualcuno e/o sei affetto tu stesso da questa malattia? Cosa ne pensi del possibile utilizzo di una pillola per il Lupus e il suo trattamento? Parliamone qui sotto nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI