Ozono

Perdita della memoria: cosa succede nella mattia di Alzheimer

Un'equipe di ricercatori dell'Istituto di Biomedicina di Siviglia (IBiS), guidato dai ricercatori Francisco Gómez Scholl e Amalia Martínez Mir hanno studiato la probabile causa della perdita della memoria nei soggetti colpiti da morbo di Alzheimer. Questo importante risultato apre nuove frontiere per lo sviluppo di farmaci mirati e performanti. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Experimental Neurology

Naviga tra i contenuti

I membri del gruppo Disfunzione sinaptica e malattia dell’Istituto di Biomedicina di Siviglia (IBiS), guidato dai ricercatori Francisco Gómez Scholl e Amalia Martínez Mir, hanno recentemente pubblicato i risultati della loro ricerca sull’Alzheimer che interessa la perdita della memoria. I dati ottenuti suggeriscono che l’accumulo di un frammento della proteina sinaptica neurexina nel cervello adulto provoca specifica perdita della memoria. Il lavoro è stato svolto in collaborazione con il gruppo guidato da José María Delgado García presso la Divisione di Neuroscienze dell’Università Pablo de Olavide.

Perdita della memoria
Schema sulla perdita della memoria nella malattia di Alzheimer. Generazione di topi transgenici NrxnCTF. A) Disegni schematici che mostrano l’elaborazione proteolitica di Nrxns da parte di metalloproteasi e PS (a sinistra) e il transgene NrxnCTF con tag HA utilizzato in questo studio (a destra). Sono indicate le regioni riconosciute dall’HA e dagli anticorpi cito-Nrxn. LNS, dominio della globulina legante la laminina/neurexina/ormone sessuale; TM, regione transmembrana. B) Rappresentazione che mostra l’approccio genetico per l’espressione di NrxnCTF nel proencefalo. C) Espressione di NrxnCTF nei tessuti proencefalici di linee di topi NrxnCTF. L’espressione di NrxnCTF è stata analizzata nella corteccia, nell’ippocampo e nello striato mediante esperimenti di Western-blot con anticorpi HA e cito-Neurexina, come indicato. I lisati di singole linee di topo transgenico CaMKIIα-tTA e TRE-NrxnCTF sono stati analizzati come controlli aggiuntivi. Credito: DOI: 10.1016/j.expneurol.2021.113896

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Experimental Neurology .

Perdita della memoria nell’Alzheimer: ecco cosa dice la nuova ricerca

Il contributo del team di ricercatori, guidato da Francisco Gómez Scholl e Amalia Martínez Mir, è un passo preliminare nello studio della proteina nei campioni dei pazienti al fine di prevenirne l’accumulo e, di conseguenza, i sintomi associati. I dati sperimentali sono stati ottenuti da un modello animale con topi creato dai ricercatori che riproduce l’accumulo del frammento proteico durante la malattia.

Perdita della memoria

 I ricercatori si sono concentrati sullo studio di un frammento della proteina sinaptica neurexina, nota negli ambienti scientifici come NrxnCTF. Questo frammento si accumula in caso di mutazione nei geni della Presenilina responsabili delle forme familiari della malattia di Alzheimer.

 Il team di esperti ha osservato che il loro accumulo sperimentale nel cervello adulto del modello animale innesca specifici difetti di memoria, tra gli altri. Questi modelli sperimentali di malattia sono importanti per l’identificazione dei meccanismi patogeni e fondamentali per la progettazione di terapie efficaci.

I ricercatori hanno osservato in studi comportamentali che l’accumulo di questa proteina produce una perdita di memoria associativa che dipende dall’amigdala del cervello.

 In collaborazione con José María Delgado, dell’Università Pablo de Olavide di Siviglia, sono state studiate le connessioni sinaptiche dalla corteccia prefrontale all’amigdala utilizzando registrazioni elettrofisiologiche nei topi. Questi esperimenti hanno dimostrato che l’accumulo di NrxnCTF produce anche difetti nella plasticità presinaptica.

Il morbo di Alzheimer è un disturbo cerebrale che distrugge lentamente la memoria e le capacità di pensiero e, infine, la capacità di svolgere i compiti più semplici. Nella maggior parte delle persone con Alzheimer, i sintomi compaiono per la prima volta più tardi nella vita. Le stime variano, ma gli esperti suggeriscono che più di 6 milioni di americani, la maggior parte dei quali di età pari o superiore a 65 anni, possono avere la demenza causata dall’Alzheimer.

L’Alzheimer è la causa più comune di demenza tra gli anziani. La demenza è la perdita del funzionamento cognitivo – pensare, ricordare e ragionare – e delle capacità comportamentali in misura tale da interferire con la vita e le attività quotidiane di una persona. La demenza varia in gravità dallo stadio più lieve, quando sta appena iniziando a influenzare il funzionamento di una persona, allo stadio più grave, quando la persona deve dipendere completamente dagli altri per l’aiuto con le attività di base della vita quotidiana.

Perdita della memoria

La perdita della memoria è in in genere uno dei primi segni di deterioramento cognitivo correlato all’Alzheimer. Alcune persone con problemi di memoria hanno una condizione chiamata decadimento cognitivo lieve (MCI). Con MCI, le persone hanno più problemi di memoria del normale per la loro età, ma i loro sintomi non interferiscono con la loro vita quotidiana. Anche difficoltà motorie e problemi con l’olfatto sono stati collegati all’MCI. Le persone anziane con MCI sono maggiormente a rischio di sviluppare l’Alzheimer, ma non tutte lo fanno. Alcuni potrebbero anche tornare alla normale cognizione.

I primi sintomi dell’Alzheimer variano da persona a persona. Per molti, il declino degli aspetti cognitivi non di memoria, come la ricerca delle parole, i problemi visivi/spaziali e il ragionamento o il giudizio alterati possono segnalare le primissime fasi della malattia. 

I ricercatori stanno studiando i biomarcatori (segni biologici della malattia presenti nelle immagini cerebrali, nel liquido cerebrospinale e nel sangue) per rilevare i primi cambiamenti nel cervello delle persone con MCI e nelle persone cognitivamente normali che potrebbero essere maggiormente a rischio di Alzheimer. Sono necessarie ulteriori ricerche prima che queste tecniche possano essere utilizzate in modo ampio e di routine per diagnosticare l’Alzheimer nell’ufficio di un medico.

Nelle persone con Alzheimer ad esordio precoce, la causa potrebbe essere una mutazione genetica. L’Alzheimer ad esordio tardivo nasce da una serie complessa di cambiamenti cerebrali che possono verificarsi nel corso di decenni. Le cause probabilmente includono una combinazione di fattori genetici, ambientali e di stile di vita. L’importanza di uno qualsiasi di questi fattori nell’aumentare o diminuire il rischio di sviluppare l’Alzheimer può variare da persona a persona.

 I progressi nelle tecniche di imaging cerebrale consentono ai ricercatori di vedere lo sviluppo e la diffusione di proteine ​​amiloidi e tau anormali nel cervello vivente, nonché i cambiamenti nella struttura e nella funzione del cervello. Gli scienziati stanno anche esplorando le primissime fasi del processo della malattia studiando i cambiamenti nel cervello e nei fluidi corporei che possono essere rilevati anni prima della comparsa dei sintomi dell’Alzheimer. I risultati di questi studi aiuteranno a comprendere le cause dell’Alzheimer e renderanno più facile la diagnosi.

Perdita della memoria

Gli scienziati stanno anche analizzando come i cambiamenti nel cervello legati all’età possono danneggiare i neuroni e influenzare altri tipi di cellule cerebrali per contribuire al danno dell’Alzheimer. Questi cambiamenti legati all’età includono atrofia (restringimento) di alcune parti del cervello, infiammazione, danni ai vasi sanguigni, produzione di molecole instabili chiamate radicali liberi e disfunzione mitocondriale (una rottura della produzione di energia all’interno di una cellula).

Infine, La maggior parte delle persone con sindrome di Down sviluppa l’Alzheimer. Ciò può essere dovuto al fatto che le persone con sindrome di Down hanno una copia extra del cromosoma 21, che contiene il gene che genera l’amiloide dannosa.

Il nuovo studio sulla perdita della memoria nei pazienti colpiti da morbo di Alzheimer apre nuove frontiere per lo sviluppo di farmaci che trattino il problema. Se le terapie fossero già fruibili sul mercato, saresti disposto a sperimentarle? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI