Perdita dell’udito: intervenire precocemente è fondamentale

Un team di esperti in perdita dell'udito dell'Università di Yale ritiene quanto sia importante rivolgersi ad uno specialista non appena si presentano i primi sintomi di ipoacusia. Non solo gli esperti consigliano, asseconda della gravità del problema e del suo esordio, sia alla nascita che in età adulta, quale dispositivo sia il più adatto

Naviga tra i contenuti

La perdita dell’udito in genere si verifica gradualmente nel tempo, eppure la maggior parte delle persone non vede un medico fino a quando il problema non interferisce con la loro vita quotidiana. Ma non deve essere così.

Perdita dell'udito

Anche se il problema sta dando solo le prime avvisaglie e si inizia ad avere difficoltà a sentire ciò che le persone dicono, è importante sapere che gli apparecchi acustici e i dispositivi sono migliorati notevolmente e possono essere un buon supporto, non importa quanto lieve o grave possa essere la  perdita dell’udito. Persone di tutte le età, anche tra i 30 ei 40 anni, li hanno e molti di questi dispositivi ora sono così piccoli e discreti da non essere visibili.

“È importante che il tuo udito sia il più integro possibile, proprio come lo è per la tua vista“, ha affermato John Kveton, MD, capo di Yale Medicine Otology & Neurotology e Skull-Base Surgery, specializzato sui disturbi dell’udito e dell’equilibrio dell’orecchio, nonché della gestione dei tumori e delle patologie della base cranica.

Poiché la perdita dell’udito è spesso è associata alla compromissione della vita sociale, al declino cognitivo e persino alla demenza, è importante parlare con uno specialista anche se la perdita dell’udito è lieve, ha spiegato il dottor Kveton. Il tasso di progressione della perdita dell’udito può essere imprevedibile, ma “prima possiamo intervenire, maggiori sono le possibilità che abbiamo di migliorare la qualità della vita del paziente”, ha continuato l’esperto..

Perdita dell’udito: perché è importante intervenire subito

Forse sorprendentemente, la pandemia di COVID-19 ha portato una maggiore consapevolezza al problema dell’ipoacusia: “La salute dell’udito sta davvero vivendo un momento significativo. Il lavoro a distanza durante la pandemia ha reso la comunicazione più difficile e le persone si stanno rendendo conto di quanto sia fondamentale il loro udito“, ha dichiarato lo specialista di Yale Medicine Douglas Hildrew, MD. “Se non riesci a sentire qualcuno su Zoom, spesso non puoi fare il tuo lavoro”.

Perdita dell'udito

La tecnologia si sta evolvendo così rapidamente che, solo negli ultimi cinque anni, ci sono stati enormi progressi nella qualità degli apparecchi acustici e degli amplificatori personali: non solo sono più piccoli, ma hanno anche una qualità del suono superiore, ha aggiunto Arielle Feiman, AuD, a Audiologa clinica di Yale Medicine.

Un esempio è la connettività Bluetooth. Gli utenti sono in grado di trasmettere in streaming tramite Bluetooth ai propri smartphone, consentendo l’input diretto dal proprio cellulare agli apparecchi acustici“. Quindi, quando il telefono squilla, è sufficiente toccarlo e ascoltare il chiamante attraverso l’apparecchio acustico.

La tecnologia Bluetooth si estende anche allo streaming wireless per altre situazioni che storicamente sono state problematiche per le persone ipoacusiche, tra cui l’ascolto di musica, l’ascolto della televisione e la comprensione del parlato in una riunione o in una classe.

Un’equipe di specialisti di Yale Medicine ha mappato gli ultimi apparecchi acustici, suddividendoli in tre categorie per aiutare a gestire diversi tipi di perdita dell’udito.

Perdita dell'udito

Apparecchi acustici. Gli ultimi apparecchi acustici forniscono un suono naturale, un’amplificazione e l’eliminazione del rumore di fondo migliori, secondo Nofrat Schwartz, medico di otologia e neurotologia di Yale Medicine e chirurgo. “La tecnologia degli apparecchi acustici avanza e migliora sempre”, afferma.

Ci sono molti modelli disponibili ed è utile visitare uno studio che offre molte opzioni in modo da poter scegliere quello migliore per il tipo di perdita dell’udito e problemi di stile di vita, ha dichiarato il dottor Kveton. Ad esempio, si potrebbe volere un dispositivo che possa essere adattato al proprio ambiente: indossarlo in un ambiente tranquillo a casa o impostarlo per mascherare il rumore di fondo in un ristorante.

Come vengono indossati. Sipende dall’apparecchio acustico: si potrebbe averne uno indossato dietro l’orecchio, nell’orecchio o nel condotto uditivo. Un apparecchio acustico è un sistema in tre parti alimentato a batteria che include un microfono, un amplificatore e un altoparlante. Il suo compito è amplificare il suono. I suoni viaggiano attraverso il microfono, che viene poi convertito in segnali elettrici.

L’amplificatore aumenta la potenza di quei segnali e li invia all’altoparlante, permettendoti di ascoltarli. gli apparecchi acustici possono aiutare chiunque a qualsiasi età, dai neonati agli adulti, per un’ampia gamma di diversi tipi e gravità della perdita dell’udito. Tradizionalmente, vengono utilizzati nei casi di “ipoacusia neurosensoriale”, causata da danni alle piccole cellule sensoriali (note come cellule ciliate) all’interno dell’orecchio.

Perdita dell'udito

Altri dispositivi di ascolto, chiamati dispositivi di ascolto assistito, possono essere compagni preziosi per gli apparecchi acustici. (Anche le persone che non indossano apparecchi acustici traggono vantaggio da alcuni di essi.) Questi aiutano con la gestione dei suoni quotidiani.

 Esempi sono amplificatori del telefono, innovazioni che aiutano a alleviare l’acufene e sveglie lampeggianti o vibranti o allarmi antincendio. “Questo include cose di cui le persone con perdita dell’udito, in particolare quelle con ipoacusia profonda, dovrebbero essere a conoscenza per sicurezza”, ha affermato il dottor Schwartz.

Dispositivi a conduzione ossea. I dispositivi a conduzione ossea, progettati per le persone con un problema all’orecchio medio che interrompe la conduzione del suono, sono disponibili da anni, ma anche loro si sono evoluti per includere funzionalità Bluetooth e altri miglioramenti dello stile di vita.

“Alcune persone hanno la precedente generazione di questi dispositivi con un dispositivo impiantato chirurgicamente nell’osso dietro l’orecchio, che sporge attraverso la pelle fino a un processore esterno. Una versione più recente è alloggiata quasi completamente sotto la pelle ed è meno appariscente”, ha specificato il dott. Schwartz.

I piccoli dispositivi impiantati lavorano insieme a componenti esterni più o meno visibili, a seconda del tipo di dispositivo a conduzione ossea che viene prescritta. Le versioni di generazione precedente (che sporgono attraverso la pelle) vengono impiantate con una procedura chirurgica che dura circa 7 minuti.

Le opzioni più recenti vanno completamente sotto la pelle, con un dispositivo indossato dietro l’orecchio che si accoppia magneticamente all’impianto. Ciò richiede una procedura chirurgica di 90 minuti in anestesia generale. Dopo circa quattro settimane, il dispositivo può essere attivato e programmato per soddisfare le esigenze del paziente abbastanza rapidamente.

Si tratta di un sistema di distribuzione del suono. Trasferisce il suono tramite vibrazione ossea, bypassando l’orecchio esterno e medio. Attraverso vibrazioni microscopiche, attiva le cellule ciliate della coclea, che è l’organo dell’orecchio interno responsabile dell’udito, per fornire una soluzione uditiva estremamente naturale.

i dispositivi a conduzione ossea sono approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per bambini dai 5 anni in su, così come per gli adulti, e possono aiutare le persone con ipoacusie conduttive e miste. Un paziente può avere una deformità dell’orecchio congenita, come un timpano o un condotto uditivo mancanti, oppure un’infezione può aver causato la perdita dell’udito conduttivo.

Perdita dell'udito

Sebbene a volte il problema di fondo possa essere risolto con la chirurgia ricostruttiva, per molti pazienti un dispositivo di conduzione ossea è molto efficace.Un’altra cosa che si dovrebbe sapere è che i medici hanno iniziato a utilizzare dispositivi a conduzione ossea in pazienti sordi da un orecchio, consentendo una certa compensazione dall’orecchio che può sentire bene. (In alcuni casi, questo è in combinazione con un apparecchio acustico nell’orecchio uditivo.)

Essere in grado di ascoltare con entrambe le orecchie è una parte vitale della nostra capacità di individuare i suoni, nonché di comprendere il parlato e distinguere un oratore dal suono ambientale.

Il suono che arriva da un orecchio non è abbastanza”, dice. E a differenza degli impianti cocleari, che possono richiedere più visite a un audiologo per la programmazione e la messa a punto, i dispositivi a conduzione ossea producono rapidamente un suono naturale“, ha affermato il dottor Schwartz. “Si avvicina molto all’udito normale.”

Impianti cocleari. Gli impianti cocleari sono un altro sistema di erogazione del suono che sta migliorando con il tempo e i progressi tecnologici. Sebbene gli impianti cocleari fossero inizialmente progettati per pazienti funzionalmente sordi, si sono evoluti al punto da essere ora lo standard globale per coloro con scarsa “discriminazione del linguaggio” o capacità di comprendere la parola parlata.

Perdita dell'udito

Piuttosto che ascoltare attraverso un altoparlante, gli impianti cocleari consentono ai pazienti di ascoltare attraverso la stimolazione diretta della coclea. “Il più grande malinteso con gli impianti cocleari è che le persone pensano che forniscano solo un’esperienza uditiva monotona e robotica”, ha dichiarato il dottor Hildrew. “Ma in realtà possono fornire un’esperienza uditiva molto piacevole che colpisce tutte e tre le dimensioni dell’udito: volume, tono e timbro, la qualità o la ricchezza del suono”.

gli impianti cocleari hanno due componenti: il primo componente è il dispositivo interno, che viene impiantato chirurgicamente sotto la pelle in una procedura che richiede in genere un’ora e mezza; il secondo componente è il dispositivo esterno, che viene indossato dietro l’orecchio, simile a un classico apparecchio acustico.

Un processore sonoro esterno rileva il suono e lo trasferisce in modalità wireless attraverso la pelle a un array di elettrodi interno che stimola direttamente il nervo uditivo, inviando così i suoni al cervello per l’elaborazione. Il suono bypassa le aree danneggiate all’interno dell’orecchio interno e va direttamente al nervo uditivo, dove fornisce stimolazione elettronica.

Questi impianti tradizionalmente sono stati utili solo per le persone con ipoacusia bilaterale, grave o profonda, compresi i bambini nati con una profonda perdita dell’udito o le persone anziane che hanno perso l’udito più tardi nella vita. Ora, l’idoneità sia per gli adulti che per i bambini è incentrata sulla discriminazione del linguaggio.

Una persona generalmente si qualifica per gli impianti cocleari una volta che la discriminazione del linguaggio scende al di sotto del 50%. “A quel punto, gli apparecchi acustici avranno benefici limitati perché, sebbene amplifichino i suoni, non sono in grado di migliorare l’effettiva chiarezza del parlato”, ha spiegato la dott.ssa Hildrew.

Una volta che le incisioni sono guarite, gli audiologi lavorano con i pazienti per regolare il volume e il tono, offrendo loro una strategia uditiva unica e personalizzata. Dopo l’attivazione iniziale, la programmazione richiede diverse visite sparse nel corso del primo anno poiché ogni paziente si abitua a sentire i suoni in un modo nuovo. 

Non è necessario imparare di nuovo a sentire”, ha specificato il dottor Hildrew. “È più come farsi un nuovo amico con un forte accento. Tutti parlano la stessa lingua. Potrebbe essere necessario dire loro di ‘rallentare’ un paio di volte mentre ci si conosce. Ma dopo alcuni mesi, l’udito diventa più naturale”.

Come con i dispositivi a conduzione ossea, gli impianti cocleari possono anche aiutare le persone con “sordità unilaterale” o perdita dell’udito in un solo orecchio. Questo è l’unico modo per riabilitare i sordi: “Possiamo regolare l’impianto cocleare per interagire con un apparecchio acustico nell’altro orecchio per una vera esperienza uditiva bilaterale“, ha affermato il dottor Hildrew.

gli audiologi a volte possono regolare gli impianti cocleari da remoto, grazie alla tecnologia della telemedicina. Un’altra cosa da sapere è che ci sono dispositivi di nuova generazione all’orizzonte che presto daranno ai pazienti prestazioni ancora maggiori con i loro impianti. Ad esempio, gli impianti avranno presto piccoli acceleratori lineari situati all’interno del dispositivo esterno. 

Ciò renderà più facile per diverse persone concentrarsi sul campo dell’udito di fronte a loro, riducendo al minimo i suoni dietro di loro: i dispositivi si regoleranno automaticamente e si correggeranno automaticamente ogni volta che una persona gira la testa: “Utilizza algoritmi sofisticati e programmi software per farlo”, ha dettagliato il dottor Hildrew.

Yale è stato un pioniere nel Connecticut con gli impianti cocleari, fornendo il primo impianto cocleare negli anni ’80, e si aspetta che Yale fornirà nuovi prodotti all’avanguardia nei prossimi due anni.

Perdita dell’udito: quale soluzione adottare?

Alcune persone con ipoacusia lieve potrebbero scoprire di stare abbastanza bene con approcci semplici, come la lettura labiale o l’uso di sottotitoli mentre guardano la TV. Se ciò non bastasse, il dottor Kveton suggerisce di parlare sia con uno specialista che con un audiologo: quest’ultimo può fornire ulteriore supporto e sarà abile nello spiegare i tipi di apparecchi acustici e nell’aiutare con eventuali problemi che si presentano.

Perdita dell'udito

Qualsiasi dispositivo prescritto dipende dal tipo di perdita dell’udito subita, dallo stile di vita e da altri fattori: “Alcuni pazienti nascono con una grave perdita dell’udito e hanno bisogno di aiuto precoce. Altri la sviluppano lentamente nel tempo. Ovviamente, quando invecchiamo tra i nostri 60, 70 e 80 anni, il numero di persone con perdita dell’udito che necessita di un qualche tipo di gestione o terapia aumenta”, ha osservato l’esperto.

Un primo semplice passo è sottoporsi a un test dell’udito e prendere sul serio i risultati, ha suggerito il dottor Schwartz. “Molte persone non curano la loro perdita dell’udito , il che è un errore perché è un senso molto importante“, ha continuato. “Trattarlo è molto importante e non dovrebbe essere trascurato”, ha concluso lo scienziato. La parola d’ordine dunque è sempre la stessa: prevenzione. Questa garantisce una migliore qualità della vita e una vita sociale ricca e serena, oltre ad un benessere generale che si ripercuoterà su tutto l’organismo.

Sei attento alla tua capacità uditiva? Dopo aver letto l’articolo, ti senti più stimolato a fare visite di controllo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI