Pasti notturni

Pasti notturni: evitarli aumenta la longevità

Secondo una ricerca sviluppata dai ricercatori del Southwestern Medical Center dell'Università del Texas (UT) a Dallas, in Texas, evitare i pasti notturni aumenta la longevità e la possibilità di invecchiare in modo sano. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Science

Ammettiamolo, la spaghettata di mezzanotte è una delle gioie della vita ma purtroppo nuove ricerche sui pasti notturni non la pensano così. Gli scienziati si sono posti la domanda sulla tempistica dei pasti e il loro impatto sulla salute partendo da una ricerca sulla restrizione calorica che ha dimostrato di prolungare la vita e ritardare l’esordio di determinate malattie.

Pasti notturni

Studi sugli animali hanno rivelato che la tempistica della restrizione calorica può avere un effetto dovuto al sistema circadiano, che controlla i cicli quotidiani di fisiologia, metabolismo e comportamenti su come il mangiare. Questo è stato anche collegato all’invecchiamento.

I risultati della ricerca è stato pubblicato sulla rivista scientifica Science.

Pasti notturni: ecco perché evitarli

Ma perché bisogna evitare i pasti notturni?Un team ricercatori del Southwestern Medical Center dell’Università del Texas (UT) a Dallas, in Texas, ha deciso di approfondire l’argomento della tempistica dei pasti e dei suoi eventuali effetti sull’allungamento della vita.

Pasti notturni

Numerose ricerche hanno rivelato che la restrizione calorica aumenta la durata media della vita dei topi. Ma la maggior parte di questi studi ha coinvolto scienziati che hanno somministrato diete ipocaloriche ai topi di laboratorio durante il giorno. A differenza degli umani, infatti, i topi sono notturni, il che significa che si sono evoluti per consumare pasti notturni,
di conseguenza, gli scienziati hanno sfruttato alimentatori automatici per assicurarsi che alcuni dei topi si nutrissero solo durante la notte.

Per determinare se la tempistica dei pasti potesse avere conseguenze sulla longevità  indipendentemente dalla restrizione calorica e dal digiuno, il team di ricerca ha suddiviso gli animali in 6 gruppi: in un gruppo, che fungeva da controllo, gli animali potevano mangiare ad libitum (quanto volevano, quando volevano); i restanti 5 gruppi sono stati sottoposti a diete ipocaloriche (30-40% in meno di calorie) con lo stesso apporto calorico totale ma diversi programmi di alimentazione.

I topi di controllo che hanno mangiato ad libitum hanno avuto una durata media della vita di 800 giorni, mentre i topi con una dieta ipocalorica con cibo disponibile 24 ore su 24 hanno vissuto 875 giorni, ovvero il 10% in più. I topi con dieta ipocalorica che mangiavano solo durante il giorno (la fase inattiva del loro ciclo circadiano) e digiunavano per 12 ore durante la notte hanno vissuto 959 giorni. In altre parole, hanno vissuto quasi il 20% in più rispetto ai controlli.

I topi con una dieta ipocalorica che si sono nutriti  solo durante la loro fase attiva, quindi digiunavano per le restanti 12 ore, hanno vissuto più a lungo: le cavie da laboratorio hanno registrato una durata media della vita di 1.068 giorni, quasi il 35% in più rispetto alle cavie di controllo:Abbiamo scoperto un nuovo aspetto della restrizione calorica che estende notevolmente la durata della vita nei nostri animali da laboratorio“, ha dichiarato l’autore senior Dr. Joseph Takahashi: “Se questi risultati sono validi nelle persone, potremmo voler ripensare se vogliamo davvero quello spuntino di mezzanotte” ha aggiunto riferendosi ai pasti notturni.

Pasti notturni

Il gruppo di scienziati ha anche rivelato che le diete ipocaloriche hanno migliorato la regolazione dei livelli di glucosio e della sensibilità all’insulina, ma i miglioramenti erano maggiori per i topi che mangiavano solo di notte (la loro fase attiva). Questo indica che i topi fossero più sani e invecchiassero più lentamente, ha spiegato il dottor Takahashi .

I ricercatori hanno scoperto che, in tutti i topi, l’invecchiamento ha aumentato l’attività dei geni coinvolti nell’infiammazione e diminuisce l’attività dei geni coinvolti nel metabolismo e nei ritmi circadiani. La restrizione calorica ha rallentato questi cambiamenti legati all’età, ma i topi che hanno mangiato solo una notte hanno raccolto i maggiori benefici.

Poiché l’invecchiamento può essere considerato un progressivo aumento dell’infiammazione, [la restrizione calorica] sta anche ritardando questo aumento dell’infiammazione correlato all’età, che è anche coerente con il ritardare il processo di invecchiamento“, ha affermato il dott. Takahashi.

Questi studi hanno però alcuni limiti. Un’informazione non trascurabile riguarda l’interruzione del sonno che in alcuni tipi può aver provocato una morte prematura. Un altro fattore da considerare è che si è trattato di topi maschi: nelle femmine, gli ormoni ovarici possono fornire una certa protezione contro le interruzioni dei ritmi circadiani. Infine non è detto che i risultati ottenuti con i topi si replicheranno negli esseri umani. Se così fosse, oltre ad applicare la restrizione calorica, bisognerà rinunciare ai pasti notturni, per ottenere il beneficio di un invecchiamento sano.

Pasti notturni

Gli scienziati stanno pensando alla possibilità di sviluppare farmaci che prendono di mira i geni circadiani o le proteine ​​che producono, al fine di imitare i benefici anti-età del mangiare solo durante la fase attiva:Stiamo lavorando su questa idea e cercando farmaci in grado di migliorare l’allineamento circadiano“, ha affermato il dottor Takahashi. “Dita incrociate!”

I pasti notturni inoltre, interferiscono con la capacità del corpo di mantenere i livelli di zucchero nel sangue entro un intervallo sano. Uno studio recente ha scoperto che ciò è stato identificato in particolare nelle p persone con una determinata variazione del gene per il recettore della melatonina. La melatonina è un ormone che aiuta a regolare il ciclo sonno-veglia. Quando i suoi livelli aumentano la sera, questo non solo provoca sonnolenza, ma altera anche la secrezione di insulina, di conseguenza, l’organismo ha più difficoltà a controllare i livelli di glucosio nel sangue dopo i pasti prima di andare a dormire.

Dal momento che molte persone optano per snack ricchi di carboidrati a tarda sera, come patatine, biscotti, caramelle o popcorn, è più probabile che questi snack compromettano il controllo della glicemia e aumentino il rischio di prediabete e diabete“, ha affermato Marian Eid, dietista e fondatrice di A Happy AOneC , che fornisce consulenza ad adolescenti e giovani adulti a cui è stato recentemente diagnosticato il prediabete: ” “Pertanto, consumare pasti e spuntini ricchi di carboidrati all’inizio della giornata promuove un migliore equilibrio di zucchero nel sangue e supporta la prevenzione del prediabete e del diabete“, ha concluso l’esperta.

Avevi già sentito parlare dei benefici della restrizione calorica e dell’evitare pasti notturni? Ne parlerai col tuo medico di fiducia? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI