Morbo di Parkinson, cellule cerebrali

Parkinson: nuova speranza da un farmaco antitumorale 

Un nuovo studio ha identificato un farmaco antitumorale come trattamento efficace della malattia di Parkinson

Un farmaco antitumorale apre una nuova strada per la cura del Parkinson. Una volta entrati nell’organismo, i farmaci, oltre a svolgere la loro funzione terapeutica, vengono trasformati biochimicamente dall’azione del macchinario metabolico, processo che ne facilita l’espulsione. Questa biotrasformazione comporta una graduale scomparsa del farmaco, che viene convertito nei suoi metaboliti.

Morbo di Parkinson, cellule cerebrali

Rucaparib, il farmaco antitumorale che apre nuove strade terapeutiche per il morbo di Parkinson

Questi, a loro volta, possono raggiungere elevate concentrazioni nell’organismo e manifestare anche un’attività biologica che può essere diversa da quella del farmaco originario. Cioè, i metaboliti e il farmaco coesistono nell’organismo e possono provocare effetti diversi da quelli ottenuti con le singole molecole.

È il caso del Rucaparib, un farmaco utilizzato nella chemioterapia per il cancro alle ovaie l, al seno e, più recentemente, alla prostata, e del suo metabolita, la molecola M324. Rucaparib fa parte di un gruppo di farmaci progettati per trattare diversi tipi di cancro che mostrano alterazioni nella riparazione del DNA. Nello specifico si tratta di inibitori dell’enzima PARP1, coinvolto proprio nel processo di riparazione delle mutazioni nel materiale genetico.

Uno studio


condotto dai ricercatori Albert A. Antolin, del programma Oncobell dell’Istituto di ricerca biomedica Bellvitge (IDIBELL) e ProCure dell’Istituto catalano di oncologia (ICO), e Amadeu Llebaria, dell’Istituto di chimica avanzata della Catalogna (IQAC- CSIC), ha dimostrato che Rucaparib e il suo principale metabolita M324 presentano attività differenziali.

Oubblicato sulla rivista Cell Chemical Biology, l’ articolo ha analizzato Rucaparib e M324, effettuando una previsione computazionale dell’attività del metabolita. L’articolo descrive la sintesi di M324 e il suo saggio biologico, dimostrando che il farmaco e il suo metabolita hanno attività differenziate e agiscono sinergicamente in alcune linee cellulari di cancro alla prostata.

Sorprendentemente, M324 riduce l’accumulo della proteina α-sinucleina (un componente importante dei corpi di Lewy) nei neuroni derivati da pazienti affetti da morbo di Parkinson, una malattia neurodegenerativa caratterizzata da un disturbo del movimento e in cui i neuroni non producono quantità sufficienti del neurotrasmettitore dopamina .

Nello specifico, la sinergia dimostrata tra Rucaparib e M324 nelle linee cellulari del cancro alla prostata potrebbe avere un impatto sugli studi clinici sugli stadi avanzati di questo tipo di cancro. D’altra parte, il fatto che M324 sia in grado di ridurre l’accumulo anomalo di α-sinucleina nei neuroni derivati da cellule staminali di un paziente affetto da Parkinson evidenzia il potenziale terapeutico di questo metabolita e la sua possibile applicazione farmacologica per il trattamento di questa malattia neurodegenerativa.

Questi risultati sono stati ottenuti grazie alla collaborazione dei gruppi IDIBELL e ICO guidati da Miquel Àngel Pujana e Álvaro Aytés, e il gruppo di Antonella Consiglio, dell’IDIBELL e dell’UB.

I ricercatori hanno utilizzato metodi computazionali e sperimentali per caratterizzare in modo completo, e per la prima volta, la farmacologia della molecola M324. Il primo autore del lavoro, Huabin Hu, ha fatto una previsione esaustiva dell’attività differenziale del farmaco originale e del suo prodotto, che si traduce in diversi spettri del modello di fosforilazione delle proteine cellulari.

Carme Serra, del gruppo MCS dell’IQAC-CSIC, ha sintetizzato il metabolita M324, che ha consentito la verifica sperimentale della previsione computazionale nei test biologici e cellulari. I risultati ottenuti potrebbero avere implicazioni per il trattamento clinico con Rucaparib e, a loro volta, aprire nuove opportunità per la scoperta di farmaci.

In sintesi, lo studio punta verso una nuova prospettiva concettuale in farmacologia: quella che considera il metabolismo dei farmaci non come un processo indesiderato che degrada ed elimina la molecola terapeutica dall’organismo, ma piuttosto come un processo che può avere potenziali vantaggi da un punto di vista terapeutico. In effetti, il lavoro evidenzia l’importanza di caratterizzare l’attività dei metaboliti dei farmaci per comprendere in modo completo la loro risposta clinica e applicarla nella medicina di precisione.

Morbo di Parkinson

Un gruppo di ricerca internazionale guidato dal neurologo e scienziato senior del Krembil Brain Institute, il dottor Anthony Lang, ha proposto un nuovo modello per classificare la malattia di Parkinson.

Negli ultimi decenni, i ricercatori hanno scoperto diversi fattori biologici alla base della malattia di Parkinson. I fattori chiave includono un accumulo della proteina α-sinucleina nel cervello, che porta alla degenerazione dei neuroni, e fattori genetici che aumentano il rischio di sviluppare la malattia. Hanno anche iniziato a sviluppare metodi affidabili per testare questi fattori, chiamati biomarcatori, nei pazienti viventi.

Nonostante questi progressi, i medici continuano a diagnosticare la malattia sulla base di caratteristiche cliniche, come la presenza di tremori e altri sintomi motori comuni.

Secondo la Dott.ssa Lang, titolare della cattedra Lily Safra per i disturbi del movimento presso l’University Health Network (UHN), della cattedra Jack Clark per la ricerca sulla malattia di Parkinson e professore presso il Dipartimento di Medicina dell’Università di Toronto, questo approccio tradizionale diagnosticare la malattia di Parkinson non tiene conto dei complessi processi biologici in gioco.

“Sappiamo che il Parkinson esiste nel cervello da uno a due decenni, o più, prima che si presentino le manifestazioni cliniche “, afferma il dott. Lang. “Quindi, crediamo che la ricerca attuale debba essere guidata dai determinanti biologici della malattia, piuttosto che da descrizioni cliniche limitate dei suoi segni e sintomi.”

E aggiunge: “Abbiamo bisogno di un modo radicalmente diverso di guardare a questa malattia”.In un recente articolo pubblicato su Lancet Neurology , il team del Dr. Lang ha proposto un nuovo modello basato sulla biologia per classificare la malattia di Parkinson, chiamato SynNeurGe (pronunciato “sinergia”).

Il modello sottolinea le importanti interazioni tra tre fattori biologici che contribuiscono alla malattia:

la presenza di α-sinucleina patologica nel cervello (S);

evidenza di neurodegenerazione, che si verifica con il progredire della malattia (N); E

la presenza di varianti genetiche che causano o predispongono fortemente una persona alla malattia (G).

Secondo il team, questo sistema di classificazione “SNG” spiega meglio l’eterogeneità biologica della malattia di Parkinson e i molti modi in cui la condizione può presentarsi nei pazienti.

Di conseguenza, il sistema potrebbe aiutare i ricercatori a identificare sottogruppi di pazienti che presentano processi patologici distinti e a sviluppare terapie modificanti la malattia clinicamente significative.

“Dobbiamo riconoscere che il morbo di Parkinson può differire notevolmente da un paziente all’altro. Non abbiamo a che fare con un singolo disturbo”, spiega il Dr. Lang. “Il nostro modello fornisce una visione molto più ampia e olistica della malattia e delle sue cause.”

Irisina, Parkinson

“Con questo nuovo modello, il Dott. Lang sta guidando uno sforzo internazionale davvero fondamentale per ridefinire la complessità biologica della malattia di Parkinson, che porterà a una ricerca più avanzata e ottimizzata in quest’area e, in definitiva, alla medicina di precisione per i pazienti”, afferma il Dott. Jaideep Bains, co-direttore del Krembil Brain Institute dell’UHN.

Il team è fiducioso che questo nuovo modo di guardare alla malattia di Parkinson aiuterà i ricercatori a studiarne le basi molecolari , a distinguerla da altre condizioni neurodegenerative che condividono caratteristiche biologiche comuni e a identificare bersagli per nuove terapie.

Nonostante queste potenziali applicazioni, il Dr. Lang avverte che il modello è destinato esclusivamente a scopi di ricerca e non è pronto per l’applicazione immediata in clinica. Eppure, sta già stimolando la speranza tra i pazienti e la comunità medica.

“La capacità di personalizzare i trattamenti migliora quando è possibile identificare esattamente cosa sta succedendo in un paziente specifico come me”, afferma Hugh Johnston, presidente fondatore del Movement Disorders Patient Advisory Board presso il Krembil Brain Institute dell’UHN, che attualmente vive con la malattia di Parkinson. “Questo nuovo modo di pensare è ciò che stavamo aspettando. È un punto di svolta.”

“Senza guardare alla biologia, non è possibile ottenere risposte. E senza risposte, non avremo i progressi tanto necessari nel Parkinson”, afferma il dott. Lang. “Questo nuovo sistema di classificazione e il futuro progetto di ricerca che ispirerà sono una delle cose più entusiasmanti su cui ho lavorato nella mia carriera.”

A più uomini che donne viene diagnosticata la malattia di Parkinson. Il perché è ancora seguito da un grande punto interrogativo, ma la differenza sessuale è comunque un argomento di crescente interesse per i ricercatori.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Aarhus, guidati dalla professoressa Marina Romero-Ramos, potrebbe aver trovato uno dei pezzi di questo puzzle.

In un articolo recentemente pubblicato su npj Parkinson’s Disease , i ricercatori hanno fatto luce su un recettore specifico chiamato CD163, una proteina espressa principalmente nelle cellule fagocitiche immunitarie del sangue.

La proteina è coinvolta nella risposta immunitaria durante il processo neurodegenerativo associato all’aggregazione dell’a-sinucleina nella malattia di Parkinson, e sembra svolgere un ruolo specifico e protettivo nella difesa dell’organismo contro i danni legati alla malattia.

Parkinson

“Il nostro studio suggerisce che il CD163 è coinvolto nel meccanismo che controlla l’ingresso dei linfociti nel cervello durante la neurodegenerazione”, spiega Romero-Ramos.

La cosa più interessante è che la proteina sembra esercitare un ruolo neuroprotettivo particolarmente rilevante nelle femmine.

I risultati aggiungono quindi nuove informazioni sulla differenza sessuale correlata alla malattia di Parkinson e suggeriscono che alcune delle risposte potrebbero essere espresse nel sistema di protezione del corpo.

“Crediamo che le differenze sessuali osservate nel rischio di sviluppare la malattia di Parkinson, più elevate nei maschi, così come le disparità nella presentazione della malattia tra i sessi potrebbero essere dovute a differenze nella risposta immunitaria”, spiega Romero-Ramos.

Questo studio fornisce la prova che l’aumentata espressione di CD163 nei pazienti con malattia di Parkinson potrebbe essere un meccanismo compensatorio volto alla protezione dei neuroni, specialmente nelle donne. Romero-Ramos spera che lo studio aumenti l’attenzione della ricerca sia sul sistema immunitario che sul coinvolgimento delle differenze sessuali nella malattia.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI