Paracetamolo con sodio: rischio di infarto, ictus e insufficienza cardiaca

Un team di scienziati guidari dal professor Chao Zeng dello Xiangya Hospital, Central South University, Changsha, Cina, ha evidenziato una correlazione tra assunzione del paracetamolo con sodio e infarto, ictus, insufficienza cardiaca e morte. Lo studio ha osservato un campione di quasi 300.000 pazienti ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica European Heart Journal

Uno studio su quasi 300.000 pazienti registrati presso i medici generici (GPs) del Regno Unito ha dimostrato che il paracetamolo con sodio è correlato ad un rischio significativamente elevato di incorrere in un infarto, ictus, insufficienza cardiaca e morte.

Paracetamolo con sodio
Il paracetamolo contenente sodio era associato a un aumento del rischio di CVD e di mortalità per tutte le cause tra gli individui con o senza ipertensione. Credito: DOI: 10.1093/eurheartj/ehac059

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica European Heart Journal.

Paracetamolo con sodio: ecco perché è pericoloso

Il sodio, uno dei componenti principali del sale, è utilizzato comunemente per aiutare farmaci come il paracetamolo a dissolversi e disgregarsi in acqua. Tuttavia, le formulazioni effervescenti e solubili di compresse da 0,5 g di paracetamolo possono contenere rispettivamente 0,44 e 0,39 g di sodio.

Paracetamolo con sodio

Se una persona assumesse la dose massima giornaliera di due compresse da 0,5 g ogni sei ore, consumerebbe rispettivamente 3,5 e 3,1 g di sodio, una dose che supera l’assunzione giornaliera totale di 2 g raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Esistono altre formulazioni che contengono una quantità decisamente più contenuta di sodio o addirittura assente.

Troppo sale nelle diete è noto per essere un grave problema di salute pubblica ed è associato a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari (CVD) e morte tra i pazienti con pressione alta. Tuttavia, ci sono prove discordanti di un rischio simile per le persone con pressione sanguigna normale e non sarebbe etico condurre uno studio randomizzato controllato per esaminare questo.

I ricercatori, guidati dal professor Chao Zeng dello Xiangya Hospital, Central South University, Changsha, Cina, hanno studiato i dati dell’Health Improvement Network del Regno Unito, che è un database medico elettronico di dati medici di circa 17 milioni di persone. Gli scienziati hanno osservato 4.532 pazienti con pressione alta a cui era stato prescritto paracetamolo con sodio e li hanno confrontati con 146.866 pazienti con pressione alta a cui era stato prescritto paracetamolo senza sodio.

I ricercatori hanno anche confrontato 5.351 pazienti senza ipertensione a cui era stato prescritto paracetamolo con sodio con 141.948 pazienti senza ipertensione a cui era stato prescritto paracetamolo non contenente sodio. I pazienti avevano un’età compresa tra 60 e 90 anni e i ricercatori li hanno seguiti per un anno.

I ricercatori hanno scoperto che il rischio di infarto, ictus o insufficienza cardiaca dopo un anno per i pazienti con pressione alta che assumevano paracetamolo con sodio era del 5,6% (122 casi di CVD), mentre era del 4,6% (3051 casi di CVD) tra quelli che assumevano paracetamolo non contenente sodio. Anche il rischio di morte era più alto; il rischio a un anno era rispettivamente del 7,6% (404 decessi) e del 6,1% (5.510 decessi).

C’era un simile aumento del rischio tra i pazienti senza ipertensione. Tra coloro che assumevano paracetamolo contenente sodio, il rischio di CVD a un anno era del 4,4% (105 casi di CVD) e del 3,7% (2079 casi di CVD) tra coloro che assumevano paracetamolo non contenente sodio. Il rischio di morire era rispettivamente del 7,3% (517 decessi) e del 5,9% (5.190 decessi).

Paracetamolo con sodio

Il Prof. Zeng ha dichiarato: “Abbiamo anche scoperto che il rischio di malattie cardiovascolari e morte aumentava con l’aumento della durata dell’assunzione di paracetamolo contenente sodio. Il rischio di malattie cardiovascolari è aumentato di un quarto per i pazienti con pressione alta che avevano una prescrizione di sodio -contenente paracetamolo, ed è aumentato di quasi la metà per i pazienti che avevano cinque o più prescrizioni di paracetamolo contenente sodio. Abbiamo osservato aumenti simili nelle persone senza pressione alta. Il rischio di morte è aumentato anche con l’aumento delle dosi di paracetamolo contenente sodio. in entrambi i pazienti con e senza pressione alta”.

Il sodio è ampiamente utilizzato nei preparati farmaceutici per migliorare la solubilità e la disintegrazione. Nel 2018, 170 persone su 10.000 della popolazione nel Regno Unito utilizzavano farmaci contenenti sodio, con una percentuale maggiore tra le donne.

In un editoriale che accompagna il documento di ricerca, Alta Schutte, professore di medicina cardiaca, vascolare e metabolica presso l‘Università del New South Wales e The George Institute for Global Health, Sydney, Australia, e Bruce Neal, direttore esecutivo del George Institute, e professore di epidemiologia clinica all’Imperial College di Londra, Regno Unito, scrivono che solo nel Regno Unito nel 2014 sono stati prescritti 42 milioni di medicinali contenenti paracetamolo, con altri 200 milioni di confezioni vendute allo sportello.

Ciò equivale a circa 6.300 tonnellate di paracetamolo vendute ogni anno nel Regno Unito, con una cifra per la Francia vicina a 10.000 tonnellate. Fortunatamente, solo in piccola parte si tratta di formulazioni di paracetamolo con sodio ma, con i farmaci “ad azione rapida” e “frizzanti” che sono sempre più popolari, gli effetti negativi dell’assunzione di sodio correlata ai farmaci sembrano destinati ad aumentare anziché diminuire, hanno spiegato i ricercatori.

Il Prof. Zeng ha affermato che medici e pazienti dovrebbero essere consapevoli dei rischi associati al paracetamolo con sodio ed evitare un consumo non necessario, soprattutto quando il farmaco viene assunto per un lungo periodo di tempo.

Dato che l’effetto antidolorifico del paracetamolo non contenente sodio è simile a quello del paracetamolo con sodio, i medici possono prescrivere paracetamolo non contenente sodio ai loro pazienti per ridurre al minimo il rischio di malattie cardiovascolari e morte. Le persone dovrebbero prestare attenzione non solo per l’assunzione di sale nel loro cibo, ma anche per non trascurare l’assunzione di sale nascosta dal farmaco nel loro armadietto”, ha specificato Zeng.

Paracetamolo con sodio

Sebbene la Food and Drug Administration statunitense richieda che tutti i farmaci da banco debbano etichettare il contenuto di sodio, non è stato emesso alcun avviso sull’effetto potenzialmente dannoso del paracetamolo contenente sodio sui rischi di ipertensione, malattie cardiovascolari e morte. Il nostro i risultati suggeriscono di rivisitare il profilo di sicurezza del paracetamolo effervescente e solubile“.

Gli scienziati Schutte e Neal hanno un’azione urgente nella loro ricerca: “Il peso delle prove rende insostenibile la continua inazione sui farmaci contenenti sodio“, scrivono. “L’uso diffuso di farmaci effervescenti nella popolazione generale e le enormi dosi di sodio che possono essere consumate inavvertitamente da consumatori ignari richiedono un’azione urgente. Particolarmente preoccupante è l’osservazione in alcuni sondaggi che fino al 94% dei consumatori di farmaci gassosi sono autosufficienti -farmaci che utilizzano preparati da banco”.

Vi è un’immediata necessità di tutela dei consumatori contro questi rischi. La strategia più plausibile ed efficace sarà probabilmente l’etichettatura obbligatoria di tutti i farmaci contenenti quantità significative di sodio con l’informazione specifica che il contenuto di sodio è notevole. Nei farmaci e dovrebbe essere presa in considerazione anche l’educazione sulla necessità di evitare farmaci effervescenti, dispersibili e solubili in tutte le circostanze tranne che essenziali”, hanno continuato gli esperti.

I punti di forza dello studio includono le sue grandi dimensioni e il fatto che i ricercatori hanno esaminato le persone con e senza una diagnosi di pressione alta. Le limitazioni includono il fatto che questo è uno studio osservazionale e può mostrare solo che esiste un’associazione tra sale nel paracetamolo e CVD e decessi, piuttosto che il sale causa questi eventi.

 C’era una mancanza di dati sull’assunzione alimentare di sale e sull’escrezione di sale dai campioni urinari e i ricercatori hanno tenuto conto di fattori che potrebbero influenzare i risultati, ma alcuni potrebbero non essere stati presi in considerazione, come i tratti genetici. 

Paracetamolo con sodio

L’uso di paracetamolo da banco non è stato registrato, tuttavia limitando lo studio a coloro che hanno più di 60 anni che si qualificano per le prescrizioni gratuite nel Regno Unito, il rischio è ridotto al minimo e i pazienti potrebbero non aver aderito al farmaco prescritto dai loro medici.

Fai uso di paracetamolo con sodio? Se sì, dopo aver letto l’articolo, ne parlerai col tuo medico? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI