Ossido nitrico

Ossido nitrico legato a diete ricche di grassi, responsabile del cancro

Gli scienziati del Beckman Institute for Advanced Science and Technology sono riusciti a dimostrare, in una recente ricerca, una correlazione tra dieta ricca di grassi legata all'ossido nitrico, e lo sviluppo del cancro. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica ACS Central Science

Una alimentazione poco sana, può prevedere e addirittura acuire lo sviluppo del cancro. In una recente ricerca, gli scienziati del Beckman Institute for Advanced Science and Technology hanno dimostrato che esiste un legame diretto tra la quantità di grasso che caratterizza determinate abitudini alimentari e l‘ossido nitrico, una molecola di segnalazione presente in natura correlata all’infiammazione e allo sviluppo di neoplasie.

Ossido nitrico

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica ACS Central Science.

Ossido nitrico correlato allo sviluppo del cancro: ecco cosa dice la ricerca

Stiamo cercando di capire come sottili cambiamenti nel microambiente tumorale influenzino la progressione del cancro a livello molecolare. Il cancro è una malattia molto complicata“, ha affermato Anuj Yadav, ricercatore associato e coautore principale dello studio.

Ossido nitrico

Yadav ha spiegato che il cancro non riguarda solo poche cellule tumorali, ma piuttosto l’intero microambiente, o ecosistema, del tumore che supporta le cellule: “L’infiammazione può svolgere un ruolo significativo in questo ambiente. Una certa risposta infiammatoria deriva da alimenti altamente trasformati, ricchi di calorie e ricchi di grassi. Volevamo capire i legami tra cibo, infiammazione e tumori a livello molecolare, quindi abbiamo dovuto sviluppare sonde avanzate per essere in grado di visualizzare questi cambiamenti“, ha affermato l’esperto.

Yadav e gli altri coautori della ricerca hanno familiarità con lo studio esistente che collega l’aumento dei livelli di ossido nitrico all’infiammazione del cancro. Dimostrare la connessione tra diete ricche di grassi e livelli di ossido nitrico a livello molecolare ha richiesto lo sviluppo di una sonda molecolare altamente sensibile in grado di eseguire l’imaging dei tessuti profondi.

Una sonda molecolare è costituita da un insieme di atomi o molecole sfruttati per studiare le proprietà delle molecole adiacenti misurando le interazioni tra la sonda e le strutture di interesse. Ma non sono taglia unica, ogni sonda deve essere adattata alle condizioni del suo esperimento.

“Il nostro gruppo è specializzato nella creazione di molecole di design, che ci consentono di osservare le caratteristiche molecolari che sono invisibili ad occhio nudo“, ha affermato Jefferson Chan, professore associato di chimica presso l‘Università dell’Illinois Urbana-Champaign e ricercatore principale dello studio. “Progettiamo queste molecole su misura per scoprire cose che prima non erano note”.

Ossido nitrico

I risultati interessanti della ricerca sono dipesi in gran parte dalla sonda molecolare progettata dal team. Etichettata BL660-NO, questa sonda è la prima del suo genere ad essere utilizzata nell’imaging della bioluminescenza dell’ossido nitrico nel cancro.

I ricercatori hanno utilizzato la sonda per progettare uno studio sulla dieta nei topi, confrontando la tumorigenicità di un gruppo di topi portatori di cancro al seno ai quali è stata somministrata una dieta ricca di grassi (60% delle calorie provenienti dai grassi) e un gruppo di i topi che hanno seguito una dieta povera di grassi (10% di calorie provenienti dai grassi) misurando i livelli di ossido nitrico in entrambi i gruppi.

Come risultato della dieta ricca di grassi, abbiamo visto un aumento dell’ossido nitrico nel microambiente tumorale“, ha affermato Michael Lee, uno ricercatore nel laboratorio Chan e coautore principale di questo studio. “L’implicazione di ciò è che il microambiente tumorale è un sistema molto complesso e abbiamo davvero bisogno di capirlo per capire come funziona la progressione del cancro. Molti fattori possono entrare in questo, dalla dieta all’esercizio fisico, fattori esterni che non conosciamo tenere davvero conto che dovremmo quando prendiamo in considerazione i trattamenti contro il cancro”.

Gli autori hanno sottolineato l’importanza di dimostrare un legame diretto tra una dieta ricca di grassi, i livelli di ossido nitrico e sviluppo di neoplasie. Con questa associazione ora nota, esistono nuove implicazioni per la diagnosi e il trattamento del cancro: “Senza questa tecnologia, non vedresti questo collegamento molecolare mancante”, ha concluso Chan, che è anche ricercatore presso il Beckman Institute. “Ora che sappiamo che questo sta accadendo, come lo preveniamo e come miglioriamo la situazione?”

Ossido nitrico

Secondo i risultati pubblicati su Annals of Oncology:Le previsioni per il 2022 sulla mortalità per tumore indicano che ci sarà una diminuzione del tasso di mortalità per tumore dell’ovaio del 17% circa nel Regno Unito e del 7% circa nell’Unione Europea, rispetto al 2017, grazie principalmente all’utilizzo di contraccettivi orali. In diminuzione anche i tassi di mortalità dei dieci tumori più comuni, tranne che per il cancro al pancreas e al polmone nelle donne. I risultati dello studio sostenuto da Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro, e coordinato dall’Università degli Studi di Milano assieme all’Università degli Studi di Bologna”.

Carlo La Vecchia, docente di Statistica Medica presso l’Università degli Studi di Milano, ha dichiarato: ““L’uso a lungo termine di contraccettivi orali riduce del 40% circa il rischio di cancro alle ovaie nelle donne di mezza età e anziane. Anche altri fattori possono essere parzialmente responsabili, come una riduzione nell’uso della terapia ormonale sostitutiva”.

“Miglioramenti nella diagnosi, nella chirurgia e nell’utilizzo di trattamenti più efficaci, come i farmaci a base di platino negli anni ’80, i taxani negli anni ’90 e, più recentemente, la gemcitabina, la chemioterapia intraperitoneale, bevacizumab e gli inibitori di PARP per le donne con mutazioni BRCA, possono contribuire a una migliore sopravvivenza. Tuttavia, questi fattori sono minori rispetto all’effetto protettivo a lungo termine dei contraccettivi orali. Ci aspettiamo che queste tendenze favorevoli continuino”.

Cosa ne pensi della correlazione tra dieta ricca di grassi e sviluppo del cancro? Dopo aver letto l’articolo, ne parlerai con il tuo medico? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI