Operazioni di microchirurgia

Prime operazioni di microchirurgia interamente supportate da robot

Un'équipe di chirurghi del Center for Musculoskeletal Medicine dell'Università di Münster ha praticato le prime operazioni di microchirurgia col totale supporto di un robot. La nuova tecnologia verrà utilizzata su pazienti con carcinoma mammario che necessitano di ricostruzioni complesse del seno o dopo incidenti in cui i pazienti necessitano di trapianti di tessuto

Una squadra di esperti coordinata dagli scienziati Dottor Maximilian Kückelhaus e Professor Tobias Hirsch del Center for Musculoskeletal Medicine dell’Università di Münster ha praticato le prime operazioni di microchirurgia completamente supportate da robot sull’uomo. I medici hanno sfruttato un metodo operativo innovativo in cui un nuovo tipo di robot operatorio, progettato appositamente per le operazioni di microchirurgia, è collegato in rete con un microscopio robotico.

Operazioni di microchirurgia
Il Dottor Maximilian Kückelhaus presenta il nuovo metodo in una sessione di allenamento a secco. Il robot operativo (a destra) è collegato in rete con un microscopio robotico (a sinistra). Credito: WWU – Peter Leßmann

Questa nuova tecnica ha permesso al chirurgo coinvolto nell’intervento di lavorare all’esterno dall’area operatoria. L’uso di robot per la ricerca clinica è intrapreso in collaborazione con l’ospedale universitario di Münster e la clinica specialistica Hornheide.

Prime operazioni di microchirurgia col supporto di un robot: la nuova frontiera della chirurgia?

Gli esperti hanno iniziato a sfruttare questa tecnica da due mesi. Ad oggi, cinque operazioni di microchirurgia sono state eseguite con successo, e molte altre sono in programma: “Questo nuovo metodo per le operazioni ci consente di lavorare con un grado di delicatezza e precisione molto più elevato rispetto a quanto è possibile con le tecniche operative convenzionali“, ha dichiarato Maximilian Kückelhaus: “Di conseguenza, meno tessuto viene distrutto e i pazienti guariscono più velocemente“.

Operazioni di microchirurgia

Gli specialisti utilizzano il metodo, ad esempio, su pazienti con carcinoma mammario che necessitano di ricostruzioni complesse del seno o dopo incidenti in cui i pazienti necessitano di trapianti di tessuto. Con l’ausilio del robot e del microscopio robotico, i microchirurghi possono unire le strutture anatomiche più fini come vasi sanguigni, nervi o vasi linfatici, che spesso hanno un diametro di soli 0,3 millimetri.

Durante le operazioni di microchirurgia, il robot, il cosiddetto Symani Surgical System, adotta i movimenti della mano umana tramite un campo elettromagnetico e joystick. Il robot esegue i movimenti del chirurgo operante, ridotti di dimensioni fino a 20 volte, tramite minuscoli strumenti e, così facendo, elimina completamente ogni eventuale tremolio presente nelle mani del chirurgo.

Un microscopio robotico è collegato al robot operativo e questo microscopio mostra l’area su cui si opera tramite un visore 3D per realtà aumentata con due monitor ad alta risoluzione. Questo auricolare contiene un binocolo in grado di combinare il mondo reale con informazioni virtuali. In questo modo, i movimenti del chirurgo possono essere registrati e trasferiti al robot, rendendo possibili angoli di visuale anche complicati sull’area che interessa le operazioni di microchirurgia. Inoltre, il chirurgo operativo può accedere a una varietà di menu ed eseguire funzioni con il robot senza usare le mani.

La nuova tecnologia ha anche il vantaggio che i chirurghi operatori possono adottare una postura rilassata, mentre altrimenti devono eseguire operazioni in una postura faticosa per un periodo di diverse ore: “Poiché ora possiamo operare sui pazienti in modo remoto, abbiamo un’ergonomia molto migliore“, ha osservato Tobias Hirsch, che detiene la cattedra di chirurgia plastica presso l’Università di Münster.
Operazioni di microchirurgia
Questo a sua volta ci protegge dalla fatica, e ciò significa che la nostra concentrazione può essere mantenuta per un periodo di molte ore. Nei primi studi sui sistemi, prima che venissero utilizzati nelle operazioni, abbiamo già potuto confermare gli effetti positivi sulla qualità delle operazioni e sull’ergonomia“, ha aggiunto il Dottor Hirsch.

Durante la formazione con studenti e microchirurghi affermati, i medici sono stati in grado di dimostrare che, durante l’utilizzo del sistema robotico nelle operazioni di microchirurgia, la curva di apprendimento, la manipolazione degli strumenti e l’ergonomia hanno dimostrato un miglioramento rispetto alle tecniche operative convenzionali.

Nelle prossime settimane e mesi, Maximilian Kückelhaus e Tobias Hirsch eseguiranno ulteriori operazioni di microchirurgia e, durante l’intervento, raccoglieranno dati che valuteranno negli studi scientifici. Questioni importanti da affrontare sono, in particolare, il miglioramento della qualità delle operazioni di microchirurgia e dell’ergonomia.
Operazioni di microchirurgia
La nostra speranza è che con questo nuovo metodo possiamo non solo eseguire operazioni con un grado maggiore di precisione e sicurezza, ma anche, nel caso delle strutture più piccole, andare oltre i limiti imposti dal corpo umano. Non dover essere al tavolo operatorio può anche significare che un giorno il chirurgo che opera non dovrà più essere fisicamente presente. Un esperto potrebbe essere in grado di eseguire operazioni speciali in una qualsiasi delle diverse località, senza dover viaggiare ed essere lì di persona“, ha concluso Maximilian Kückelhaus.

Cosa ne pensi di questo importante risultato dell’ingegneria biomedica? Il supporto totale di un robot ti dà fiducia? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI