Farmaco inibitore del citocromo P450 8B1, obesità, sovrappeso, pillola vibrante, GLP-1

Obesità materna: prole maschile avrà problemi di salute da adulta 

Un nuovo studio ha dimostrato che le donne con obesità in stato interessante possono partorire figli maschi che in età adulta avranno importanti problemi di salute

I maschi nati da donne con obesità materna hanno maggiori probabilità di essere sovrappeso alla nascita e di sviluppare complicazioni metaboliche in età avanzata, tra cui malattie del fegato e diabete. La colpa è in parte del modo in cui gli ormoni sessuali maschili attivano i percorsi nel fegato in via di sviluppo.

Farmaco inibitore del citocromo P450 8B1, obesità, sovrappeso, pillola vibrante, GLP-1

Questo è quanto emerge da un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università dell’Australia del Sud (UniSA) che esaminano l’impatto dell’obesità materna sulla segnalazione degli androgeni nel fegato fetale.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Life Sciences.

Obesità materna: quali rischi corre il nascituro?

I feti maschi di donne incinte con obesità hanno segnali diversi che vengono attivati dagli ormoni sessuali maschili nel fegato, che li incoraggiano a dare priorità alla crescita a scapito della loro salute.

La dottoressa Ashley Meakin, ricercatrice dell’UniSA, afferma che gli androgeni conferiscono agli uomini le loro caratteristiche maschili e sono cruciali nel loro sviluppo, ma se ce ne sono troppi, i feti maschi diventano troppo grandi, causando non solo problemi alla nascita, ma influenzando anche la funzionalità epatica da adulto.

I feti femminili esposti a un eccesso di testosterone da una gravidanza con obesità sono programmati per disattivare la via degli androgeni nel fegato, limitandone la crescita e riducendo i rischi di disturbi metabolici in età adulta.

“Sappiamo che ci sono differenze sessuali nei disordini metabolici in età avanzata in risposta all’obesità materna”, afferma il dott. Meakin.

“Gli uomini sono più inclini alle malattie del fegato grasso non alcoliche e al diabete da adulti se la loro madre con obesità durante la gravidanza e il loro peso alla nascita è superiore a 4 kg.

“Sono geneticamente programmati per dare priorità agli androgeni perché supportano lo sviluppo delle caratteristiche maschili, comprese le dimensioni, ma troppi androgeni fanno male.”

L’autrice principale dello studio, la professoressa Janna Morrison, responsabile del gruppo di ricerca Early Origins of Adult Health presso UniSA, afferma che si tratta di un sottile equilibrio per le donne che ricevono la giusta alimentazione durante la gravidanza per garantire condizioni ottimali affinché il loro bambino non ancora nato possa prosperare.

“Ci sono anche rischi che la prole sia malnutrita durante la gravidanza”, afferma. “Se sei troppo piccolo, troppo grande, nato troppo presto o maschio, sei più vulnerabile agli esiti negativi più avanti nella vita. Hai bisogno della gravidanza Riccioli d’oro: devi essere della taglia giusta, nato al momento giusto.”

Il professor Morrison afferma che, se la società non cambierà il suo approccio alla nutrizione, la battaglia per ridurre l’obesità e i problemi di salute ad essa associati sarà una dura battaglia, dal grembo materno fino all’età adulta.

“Come società, dobbiamo affrontare urgentemente il problema dell’obesità. Se ai bambini venisse insegnata fin da subito l’importanza di un’alimentazione sana, ciò si estenderebbe anche all’età adulta, anche durante la gravidanza, dove la giusta alimentazione è così importante.”

Il dottor Meakin afferma che nel frattempo gli integratori che affrontano gli squilibri nutrizionali in gravidanza potrebbero fornire al feto le migliori possibilità di sviluppo ottimale.

Questo studio sulla segnalazione degli androgeni nel fegato fa parte di una serie di studi del professor Morrison e colleghi che studiano l’impatto della sottonutrizione e della sovranutrizione materna e obesità sulla placenta, sul cuore, sui polmoni e sul fegato.

Farmaco inibitore del citocromo P450 8B1, obesità

L’articolo, “L’obesità materna influisce sulla segnalazione degli androgeni nel fegato fetale in modo specifico per il sesso”, è scritto da ricercatori dell’Università dell’Australia Meridionale, dell’Università del Wyoming e dell’Università del Queensland. In questo studio, sono stati ottenuti campioni di tessuto dai feti di babbuini gravidi obesi ospitati presso il Texas Biomedical Research Institute negli Stati Uniti. I tagli cesarei sono stati effettuati a 165 giorni.

Un ulteriore studio pubblicato sul FASEB Journal ha identificato perturbazioni metaboliche nel fegato e nel muscolo scheletrico di giovani primati non umani che seguivano diete normali le cui madri avevano obesità durante la gravidanza.

Per lo studio, sono state ottenute biopsie tissutali da 19 figli post-puberali di madri che erano state alimentate con una dieta occidentale e che erano obese durante la gravidanza, e da 13 animali di controllo nati da madri non obese alimentate con una dieta standard. Tutta la prole ha seguito una dieta sana dopo lo svezzamento.

I ricercatori hanno identificato 58 metaboliti significativamente alterati nel fegato e 46 nel muscolo scheletrico dei figli di madri con obesità durante la gravidanza, con 8 metaboliti condivisi tra entrambi i tessuti. Sono state identificate diverse vie metaboliche da questi metaboliti disregolati. Queste differenze nei metaboliti non sono state osservate nei campioni di sangue prelevati dagli animali.

“Questo studio è entusiasmante per due ragioni: in primo luogo mostra che l’esposizione a un ambiente malsano nell’utero ha conseguenze sulla salute a lungo termine e diversi organi e tessuti vengono colpiti in modi diversi.” ha detto l’autore corrispondente Michael Olivier, Ph.D., della Wake Forest University School of Medicine. “In secondo luogo, la nostra analisi suggerisce che non è possibile analizzare semplicemente campioni di sangue per capire cosa sta succedendo nel fegato o nei muscoli.”

La prole nata da topi che hanno fatto attività fisica durante la gravidanza aveva meno probabilità di aumentare di peso dopo aver consumato una dieta ricca di grassi più avanti nella vita. Sebbene studi precedenti abbiano dimostrato che l’esercizio fisico svolto da femmine con obesità apporta benefici alla loro prole, questa è la prima ricerca a dimostrare che lo stesso vale anche per le femmine senza obesità che fanno esercizio fisico.

“Sulla base dei nostri risultati, raccomandiamo alle donne, siano esse obese o affette da diabete, di fare esercizio regolarmente durante la gravidanza perché ciò apporta benefici alla salute metabolica dei loro figli “, ha affermato Jun Seok Son, uno studente di dottorato presso la Washington State University che ha condotto lo studio. studio.

Son presenterà le nuove scoperte all’incontro annuale dell’American Physiological Society durante l’ incontro di biologia sperimentale del 2019 che si terrà dal 6 al 9 aprile a Orlando, in Florida.

I ricercatori hanno esaminato la prole di topi che eseguivano 60 minuti di esercizio fisico di intensità moderata ogni mattina durante la gravidanza. La prole nata da topi che non facevano esercizio è stata usata come gruppo di controllo .

Allo svezzamento, la progenie dei topi sottoposti a attività fisica ha mostrato livelli aumentati di proteine associate al tessuto adiposo bruno rispetto al gruppo di controllo. Questo tipo di tessuto converte il grasso e lo zucchero in calore. I ricercatori hanno anche osservato temperature corporee più elevate nel gruppo che faceva esercizio, indicando che il loro tessuto adiposo bruno era più efficiente – o aveva una funzione termogenica più elevata – che ha dimostrato di prevenire l’obesità e i problemi metabolici.

Dopo lo svezzamento, i piccoli hanno seguito una dieta ricca di grassi per otto settimane. I topi del gruppo che faceva esercizio non solo hanno guadagnato meno peso con la dieta ricca di grassi, ma hanno anche mostrato meno sintomi di malattie metaboliche come il diabete e la malattia del fegato grasso .

Obesità

“I nostri dati suggeriscono che la mancanza di esercizio fisico nelle donne sane durante la gravidanza può predisporre i loro figli all’obesità e alle malattie metaboliche associate, in parte attraverso la compromissione della funzione termogenica”, ha affermato Son.

I ricercatori intendono effettuare ulteriori studi per comprendere meglio i meccanismi biologici responsabili del miglioramento della salute metabolica nei figli delle madri che hanno fatto attività fisica.

È stato dimostrato che l’esercizio fisico durante l’infanzia promuove la salute a lungo termine e può contrastare il rischio di sviluppare il diabete derivante dall’avere un padre obeso.

Questo è secondo una ricerca pubblicata su The Journal of Physiology . L’insulina è un ormone che controlla i livelli di zucchero nel sangue e le persone con bassa sensibilità all’insulina non rispondono all’insulina come normale, il che si traduce in un aumento dei livelli di zucchero nel sangue. Ciò può portare al diabete di tipo 2.

I figli di padri con una dieta ricca di grassi o obesi hanno maggiori probabilità di avere una bassa sensibilità all’insulina. Questa nuova ricerca indica che l’esercizio fisico precoce nella vita inverte l’effetto negativo di questa bassa sensibilità all’insulina in età adulta per i bambini e quindi può contrastare il rischio di diabete.

Lo studio condotto dalla Victoria University di Melbourne, in collaborazione con l’Università di Melbourne, ha coinvolto l’allevamento di ratti maschi obesi con ratti femmine sane. I loro figli sono stati sottoposti ad allenamento fisico solo per 4 settimane dopo lo svezzamento e poi sono stati valutati da adulti in termini di risposta al glucosio e all’insulina, funzione dei muscoli scheletrici e struttura del pancreas.

I figli di padri obesi presentavano una ridotta sensibilità all’insulina dell’intero corpo e dei muscoli scheletrici e una ridotta secrezione di insulina. L’esercizio precoce in questi figli ha prevenuto in età adulta gli effetti negativi causati da una dieta ricca di grassi nei loro padri . È importante notare che l’esercizio precoce non ha avuto effetti positivi sul pancreas. Questo è stato molto interessante poiché il gruppo aveva precedentemente dimostrato che i ratti nati piccoli per l’età gestazionale, come gli esseri umani, avevano problemi al pancreas da adulti ma in questo caso, l’esercizio fisico nei primi anni di vita dei ratti ha prevenuto i problemi al pancreas.

Lo studio è limitato in quanto i ricercatori non hanno determinato a quale età iniziano le alterazioni dello stato di salute dell’individuo e quando avvengono questi cambiamenti. Ciò aiuterebbe a determinare i periodi ottimali durante l’infanzia in cui dovrebbero essere introdotti interventi preventivi.

Farmaco inibitore del citocromo P450 8B1, obesità, sovrappeso

I ricercatori intendono esaminare quali geni vengono attivati e disattivati per determinare la relazione tra la dieta paterna e l’esercizio fisico della prole, nonché il modo in cui l’esercizio fisico e la dieta paterna possono influenzare la fisiologia della prole. Hanno anche in programma di esaminare se effetti simili si verificano nei mammiferi più grandi che hanno tassi di sviluppo più simili a quelli umani.

Il dottor Filippe Falcão-Tebas, il primo autore, e il professor Glenn McConell, autore senior dello studio, hanno commentato i risultati: “L’obesità dovuta a una dieta ricca di grassi nel padre può avere un effetto negativo sul metabolismo della prole”. . Il nostro studio ha dimostrato che l’esercizio fisico effettuato solo nei primi anni di vita della prole può avere effetti benefici a lungo termine sulla loro salute normalizzando la sensibilità muscolare all’insulina in età adulta. È necessario svolgere ulteriore lavoro, inclusa la comprensione di quali geni vengono attivati e disattivati per causare questi cambiamenti”.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI