Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Nuovi marcatori genetici per una forma rara di diabete 1

I ricercatori del Children's Hospital di Philadelphia (CHOP) hanno identificato 41 marcatori genetici precedentemente non segnalati per la versione meno comune del diabete di tipo 1. Inoltre, 16 di questi marcatori sono stati collegati al disturbo dello spettro autistico, che potrebbe fare supporre un legame tra le 2 condizioni. Questo importante risultato, porterà allo sviluppo di test diagnostici più specifici e terapie più mirate per tutte le patologie correlate

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Mentre la maggior parte dei casi di diabete di tipo 1 sono classificati come malattie autoimmuni, una percentuale minore di questi pazienti ha il diabete di tipo 1 non immuno-mediato, a volte indicato come diabete di tipo 1 B. I ricercatori del Children’s Hospital di Philadelphia (CHOP) hanno identificato 41 marcatori genetici precedentemente non segnalati per questa versione meno comune del diabete di tipo 1.

Marcatori genetici

Inoltre, 16 di questi marcatori sono stati collegati al disturbo dello spettro autistico in studi precedenti, suggerendo che potrebbe esserci un legame genetico tra le due condizioni.

 I risultati dello studio sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Communications Biology.

Nuovi marcatori genetici: ecco cosa dice la ricerca

Circa il 5-10% dei pazienti caucasici con diagnosi di diabete di tipo 1 ha una diagnosi non autoimmune. Ricerche precedenti hanno ipotizzato che devono essere in gioco diversi meccanismi. In questo studio, i ricercatori e i collaboratori CHOP hanno studiato 18.949 pazienti di origine europea, inclusi 6.599 pazienti con diabete di tipo 1 e 12.323 pazienti del gruppo di controllo.

 Lo studio ha trovato 957 pazienti con bassi punteggi di rischio genetico di diabete di tipo 1 e, attraverso un’analisi incentrata sullo studio di associazione dell’intero genoma (GWAS), questi pazienti hanno contribuito ai 41 nuovi marcatori genetici che abbiamo scoperto per il diabete di tipo 1.  

Due di questi nuovi marcatori genetici individuati sono stati considerati varianti comuni e un marcatore è stato associato alla segnalazione di interferone correlata all’infezione virale con l’influenza, il che supporta i risultati precedenti secondo cui le infezioni virali possono non solo innescare, ma potenzialmente causare alcuni casi di diabete di tipo 1. 

Marcatori genetici

Altri marcatori genetici erano correlati a pancreatite, indice di massa corporea più elevato e obesità, tutte condizioni che aumentano il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1.

“Saranno necessarie ulteriori ricerche per determinare la natura esatta dell’effetto che questi marcatori genetici hanno sullo sviluppo del diabete di tipo 1 e se sono veramente distinti dalle cause genetiche della forma autoimmune della malattia“, ha concluso l’autore senior Hakon. Hakonarson, MD, PhD, Direttore del Center for Applied Genomics al CHOP. Queste rare varianti possono suggerire la possibilità di rari tipi sindromici di malattia che hanno caratteristiche cliniche sia del diabete di tipo 1 che del disturbo dello spettro autistico che non è stato precedentemente identificato”.

Marcatori genetici nel diabete: differenze genetiche aiutano a distinguere diabete di tipo 1 dal diabete 1.5

Un gruppo di scienziati capitanato dal Children’s Hospital of Philadelphia (CHOP) ha individuato una firma genetica che potrebbe aiutare a distinguere una forma di diabete ad esordio nell’età adulta che condivide molte caratteristiche del diabete di tipo 1 (T1D) dal T1D a esordio pediatrico, aprendo la porta a test diagnostici potenzialmente più diretti per la condizione dell’adulto e migliorando le risposte assicurando che i pazienti ricevano il trattamento più efficace.

Lo studio è stato pubblicato online il 16 dicembre 2019 su Diabetes Care.

Questa è la nostra prima visione delle differenze gebetiche tra il diabete autoimmune latente negli adulti e il diabete di tipo 1 nei bambini che possono essere utili dal punto di vista diagnostico”, ha affermato il leader dello studio Struan Grant, Ph.D., Co-Direttore del Center for Spatial and Functional Genomics presso CHOP, insieme a Daniel B. Burke per la ricerca sul diabete. “Abbiamo trovato un mezzo genetico per discriminare tra le due condizioni senza uno screening anti-autocarro costoso e ingombrante“.

Il diabete autoimmune latente negli adulti (LADA) è talvolta indicato come “diabete di tipo 1.5” perché condivide le caratteristiche sia del diabete di tipo 1 che del diabete di tipo 2 (T2D). Come il T1D, la LADA produce autoanticorpi che attaccano le cellule beta del pancreas che producono insulina. Tuttavia, come quelli con diabete di tipo 2, i pazienti con LADA vengono diagnosticati in età adulta e non richiedono insulina al momento della diagnosi.

Marcatori genetici

 Per questo motivo, LADA viene spesso erroneamente diagnosticata come T2D; studi hanno dimostrato che fino al 10% delle diagnosi di T2D sono, infatti, LADA, e di conseguenza i pazienti non rispondono ai trattamenti comunemente inappropriati prescritti loro.

Una precedente ricerca di associazione sull’intero genoma condotto da CHOP ha scoperto che, da un punto di vista genetico, LADA ha più cose in comune con il diabete di tipo 1 che con il diabete di tipo 2. I ricercatori volevano approfondire e cercare differenze genetiche che potessero aiutare a discriminare tra LADA e T1D, il che significa che la diagnosi di LADA potrebbe potenzialmente iniziare con un semplice array di genotipi, piuttosto che con uno screening di autoanticorpi più complesso e costoso.

Per portare avanti questo progetto, Il gruppo di esperti ha deciso di esaminare il complesso maggiore di istocompatibilità (MHC), una regione altamente variabile del genoma che aiuta a guidare il sistema immunitario ed è implicata nel T1D. Studi precedenti hanno dimostrato che quando i ricercatori controllano le varianti genetiche del T1D in una parte dell’MHC, altre varianti associate al T1D compaiono in un’altra parte dell’MHC.

Il team di studio ha applicato tale metodologia sia a una serie di dati T1D che a una coorte di pazienti LADA. Gli scienziati hanno  rivelato che quando si trattava del gruppo T1D, i risultati degli studi precedenti sostenevano: il controllo delle varianti genetiche in una parte dell’MHC ha rivelato varianti in un’altra parte dell’MHC.

Successivamente, i ricercatori non hanno trovato lo stesso effetto con i pazienti con LADA. Durante il controllo delle varianti genetiche nell’MHC in quei pazienti, l’associazione aggiuntiva non è stata osservata all’interno di questa regione chiave, un’importante distinzione genetica tra le due condizioni. Quando un test di sensibilità è stato applicato alle due coorti, i ricercatori hanno ancora visto l’effetto solo nei pazienti con T1D, non in quelli con LADA.

Questo suggerisce che queste associazioni di classe MHC possono essere un discriminatore genetico tra LADA e T1D ad esordio nell’infanzia“, ​​ha affermato Diana Cousminer, Ph.D., genetista presso CHOP e co-autrice dello studio. “Il prossimo passo è guardare a questa associazione in diverse etnie, in particolare di origine africana, dove la prevalenza del diabete ad esordio nell’età adulta può essere significativamente più alta in alcune parti del mondo”.

Marcatori genetici e diabete: studi sul diabete 1.5 possono portare a nuove diagnosi e nuovi trattamenti

Gli scienziati che hanno analizzato una forma di diabete ad esordio nell’età adulta che condivide le caratteristiche con i due tipi più conosciuti di diabete hanno individuato influenze genetiche che possono offrire indizi per una diagnosi e un trattamento più accurati.

l diabete autoimmune latente negli adulti (LADA) è chiamato informalmente “diabete di tipo 1.5” perché come il diabete di tipo 1 (T1D), LADA è caratterizzato da autoanticorpi circolanti, un indicatore che un sistema immunitario iperattivo sta danneggiando le cellule beta che producono insulina del corpo. Ma la LADA condivide anche le caratteristiche cliniche con il diabete di tipo 2 (T2D), che tende ad apparire in età adulta. Inoltre, come nel diabete di tipo 2, i pazienti con LADA non richiedono trattamenti con insulina quando vengono diagnosticati per la prima volta.

Una nuova ricerca pubblicata su BMC Medicine sfrutta l’analisi genetica per dimostrare che la LADA è più vicina al T1D che al T2D. “La diagnosi corretta dei sottotipi di diabete è importante, perché influisce sul modo in cui i medici gestiscono la malattia di un paziente”, ha affermato il co-leader dello studio Struan FA Grant, PhD, ricercatore di genomica presso il Children’s Hospital di Philadelphia (CHOP). “Se ai pazienti viene diagnosticato erroneamente il tipo sbagliato di diabete, potrebbero non ricevere il farmaco più efficace”.

Marcatori genetici

Grant ha collaborato con scienziati europei, guidati da Richard David Leslie dell’Università di Londra, Regno Unito; e Bernhard O. Boehm, dell’Ulm University Medical Center, Germania e della Lee Kong Chian School of Medicine, una scuola medica congiunta dell’Imperial College di Londra e della Nanyang Technological University, Singapore.

Il diabete si manifesta quando i pazienti non possono produrre la propria insulina o non sono in grado di elaborare correttamente l’insulina che producono, il diabete è solitamente classificato in due tipi principali. Il diabete di tipo 1, precedentemente chiamato diabete giovanile, si manifesta generalmente nell’infanzia, ma può anche comparire prima negli adulti. Il diabete di tipo 2, precedentemente chiamato diabete non insulino-dipendente, compare tipicamente negli adulti, ma è aumentato negli ultimi decenni nei bambini e negli adolescenti. Circa il 90% o più di tutti i pazienti con diabete viene diagnosticato con T2D.

Grant e diversi studiosi hanno individuato dozzine di regioni genetiche che aumentano il rischio di diabete, di solito con diverse serie di varianti associate al diabete di tipo 1 rispetto al diabete di tipo 2. L’attuale studio, il più grande studio genetico mai realizzato sulla LADA, ha cercato di determinare come le varianti consolidate associate a T1D o T2D operano nel contesto della LADA.

Il team di studio ha confrontato il DNA di 978 pazienti LADA, tutti adulti del Regno Unito e della Germania, con un gruppo di controllo di 1.057 bambini senza diabete. Un’altra serie di campioni di controllo proveniva da 2.820 adulti sani nel Regno Unito. Tutti i campioni provenivano da individui di origine europea.

I ricercatori hanno calcolato i punteggi di rischio genetico per misurare se i pazienti con LADA avevano profili genetici più simili a quelli dei pazienti con T1D o T2D. Hanno trovato diverse regioni genetiche T1D associate a LADA, mentre relativamente poche regioni genetiche T2D si sono aggiunte al rischio di LADA. Il rischio genetico in LADA da alleli di rischio T1D era inferiore rispetto a T1D a esordio infantile, forse a causa del fatto che LADA appare più tardi nella vita.

Una variante, situata in TCF7L2, che Grant e colleghi hanno dimostrato nel 2006 come uno dei più forti fattori di rischio genetico per il diabete di tipo 2 segnalati fino ad oggi, non ha avuto alcun ruolo nella LADA. “La nostra scoperta che la LADA è geneticamente più vicina al diabete di tipo 1 che al diabete di tipo 2 suggerisce che una parte dei pazienti diagnosticati come adulti con diabete di tipo 2 potrebbe effettivamente avere un diabete di tipo 1 a insorgenza tardiva”, ha affermato Grant.

Grant ha affermato che sono necessari studi più ampi per scoprire ulteriormente le influenze genetiche nella complessa biologia del diabete, aggiungendo: “Mentre continuiamo a integrare i risultati genetici con le caratteristiche cliniche, potremmo essere in grado di classificare più accuratamente i sottotipi di diabete per abbinare i pazienti a trattamenti più efficaci”, ha concluso.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi della scoperta dei nuovi 41 marcatori genetici del diabete 1 dei quali 16 coinvolti nel disturbo dello spettro autistico? Ritieni verosimile che esista una correlazione tra le due patologie? Se sì, approveresti nuovi finanziamenti per sostenere questa nuova strada della ricerca scientifica? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0