Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Nuovi immunoterapici: più sicuri ed efficaci contro il cancro

I farmaci immunoterapici stanno garantendo risultati incoraggianti nella cura del cancro ma purtroppo per alcuni individui risultano essere troppo tossici poiché oltre ad attaccare il tumore, l'immunoterapia attacca anche i tessuti sani. In un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Science Advances, è stato descritto un nuovo approccio basato su tecniche sia della chimica che dell'ingegneria immunitaria che attacca soli il tumore senza intossicare l'organismo

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

I farmaci immunoterapici stanno garantendo risultati importanti nella lotta contro il cancro, ma sono così forti che possono essere tossici per il resto del corpo umano. L’idea alla base dei farmaci immunoterapici è semplice: i medici iniettano nel paziente speciali tipi di farmaci, in particolare proteine ​​come anticorpi e citochine preparate o modificate in laboratorio, attivando così le cellule immunitarie del soggetto coinvolto (cellule T, NK e così via) e aiutano queste cellule a combattere il tumore. In buona sostanza, i farmaci immunoterapici funzionano come un potente cocktail che rafforza il sistema immunitario del paziente.

Immunoterapici

“Dopo essere stati prescritti da un medico, i farmaci immunoterapici vengono somministrati per via endovenosa”, afferma Li Tang, capo del Laboratorio di biomateriali per l’immunoingegneria presso la School of Engineering dell’EPFL.Una volta all’interno del corpo, la terapia si diffonde ovunque, non solo dove si trova il tumore o in eventuali metastasi. Il problema è che le proteine ​​nei farmaci sono così forti da danneggiare i tessuti sani“.

Molti dei trattamenti immunoterapici già disponibili si sono dimostrati altamente efficaci contro il cancro negli studi preclinici, ma spesso non possono essere usati per salvare le persone perché sono troppo tossici per il resto del corpo. “I trattamenti che vengono utilizzati oggi nei pazienti sono stati attenuati, quindi sono meno potenti“, afferma Tang. “Questo li rende più sicuri, ma anche meno efficaci nel distruggere i tumori Il nostro obiettivo è mantenere tutta la potenza dell’immunoterapia”.

Tang e il suo team hanno quindi sviluppato un metodo in base al quale le proteine ​​dell’immunoterapia vengono attivate solo quando entrano nei tessuti tumorali. Il team dell’EPFL è uno dei pionieri a sviluppare questo tipo di tecnologia attraverso un approccio chimico universale. “Siamo stati in grado di raggiungere questo obiettivo grazie al nostro approccio interdisciplinare“, ha dichiarato Tang. “Il nostro metodo si basa su tecniche sia della chimica che dell’ingegneria immunitaria”.

Immunoterapici

 La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Science Advances.

Nuovi immunoterapici: ecco cosa dice la ricerca

Yu Zhao, ricercatore presso il laboratorio di Tang, ha iniziato utilizzando le proprietà chimiche intorno ai tumori. “Il microambiente tumorale è diverso dal resto del corpo. Il pH è più basso, il che significa che è più acido e ha un alto potenziale riducente“, ha affermato Zhao che ha usato queste informazioni, già note agli scienziati, per sviluppare una sorta di scudo polimerico per i farmaci proteici che li avrebbe lasciati viaggiare innocui attraverso il corpo fino a raggiungere il tumore.

Immunoterapici

Per creare uno scudo, ho prima sviluppato legami chimici sensibili agli stimoli che si attaccano alla superficie delle molecole proteiche, come piccoli uncini“, ha spiegato Zhao. “Poi ho preso dei polimeri, che sono lunghe catene di molecole, e li ho “agganciati” ai legami delle molecole proteiche. Una volta attaccati alla superficie della proteina, i polimeri li avvolgono, come uno scudo protettivo”.

Quello scudo è progettato per rompersi quando esposto all’ambiente chimico unico nel tessuto tumorale. Tang spiega: “Le reazioni chimiche nel microambiente tumorale rompono i legami sulla superficie della proteina, rimuovendo così lo scudo polimerico. I farmaci proteici sono quindi liberi di attivare selettivamente i linfociti che combattono il cancro del paziente nel tessuto tumorale “.

Immunoterapici

Zhao ha impiegato diversi anni di ricerca e innumerevoli esperimenti per trovare la giusta combinazione chimica per il nuovo metodo. E probabilmente ci vorranno ancora diversi anni, insieme a una notevole quantità di fondi, prima che il metodo sia potenzialmente utilizzato clinicamente per curare il cancro.

Nuovi immunoterapici: le cellule T staminali potrebbero mi aiutare l’immunoterapia nella cura del cancro

In una ricerca dello Yale Cancer Center, gli studiosi hanno dimostrato che le cellule T staminali all’interno di alcuni linfonodi potrebbero essere combattenti naturali del cancro. Prendere di mira queste cellule T, che sono un tipo di globuli bianchi, con farmaci immunoterapici potrebbe aumentare il numero di malati di cancro che rispondono al trattamento.

Immunoterapici

I risultati dello studio sono stati riportati sulla rivista scientifica Science Immunology.

“Le terapie che utilizzano il sistema immunitario per distruggere il cancro sono state un punto di svolta per i pazienti con tumori polmonari e di altro tipo“, ha affermato Nikhil Joshi, Ph.D., Assistant Professor of Immunobiology, membro del Center of Immuno-Oncology at Yale Cancer Center e autore senior dello studio. “Ma non tutte le persone rispondono ai farmaci immunoterapici, quindi era importante per noi scoprire il ruolo di queste cellule T speciali nella crescita del tumore “.

Durante la ricerca gli scienziati hanno sviluppato in un primo momento un nuovo modello animale in cui potevano osservare le cellule T staminali nei tumori nel corso di diversi mesi di crescita del tumore e determinare come sopravvivono le cellule T staminali.I ricercatori hanno così scoperto che le cellule T staminali non persistono nel tumore per molto tempo, il che significa che vengono rifornite da qualche altra parte del corpo.

Immunoterapici

 I linfonodi vicini, un organo immunitario contenente molte di queste cellule T staminali, stavano reintegrando l’offerta. Ogni tanto, alcune cellule T staminali lasciano il linfonodo e viaggiano verso il tumore. Ciò mantiene il tumore fornito di nuove cellule T che combattono il cancro. I ricercatori ritengono che questo sia importante per rallentare la crescita del cancro. Un’analisi delle cellule immunitarie isolate da pazienti con cancro del polmone ha confermato che le cellule T staminali si trovano nei linfonodi vicino al polmone.

“Le cellule T nei tumori si esauriscono, ma i risultati del nostro studio mostrano che le cellule T staminali all’interno dei linfonodi vicini non subiscono esaurimento durante il decorso della malattia”, ha affermato Kelli A. Connolly, ricercatore presso lo Yale Cancer Center e autore principale dello studio. “Questo potrebbe essere un importante progresso terapeutico in quanto viene preservata la possibilità di rispondere all’immunoterapia“.

“Siamo concentrati sullo sviluppo di terapie che attiveranno le cellule T staminali nel linfonodo vicino e le porteranno nella lotta contro il cancro“, conclude Joshi. “Abbiamo in programma di continuare questo lavoro e concentrarci su come migliorare queste risposte terapeutiche per aiutare i pazienti”.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Tesla

Robot umanoide di Tesla: il probabile lancio nel 2022

PayPal

PayPal lancia il suo servizio di criptovaluta in UK

Realme Book

Realme Book in arrivo il 18 agosto con CPU Intel

Polizia di Stato

1518: Come ottenere informazioni sulla viabilità stradale

Cosa ne pensi di questi nuovi farmaci immunoterapici? Ritieni che sia importante dedicare risorse economiche a questi nuovi approcci terapeutici? Se fossero disponibili in Italia, saresti disposto a provarli? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0