0

0

Neuralink V2: il chip cerebrale di Elon Musk si aggiorna

Musk ha twittato che il suo Neuralink V2 ci lascerà a bocca aperta. Ma quanto è vicino a metterci dentro i chip del computer?

0

0

Consigliato da iCrewPlay

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Elon Musk ha recentemente ospitato il Progress Update di Neuralink per l’estate del 2020 (che puoi trovare nel video subito qui sotto) il quale ha affrontato le innovazioni e il percorso del dispositivo cerebrale promesso dall’azienda che migliorerà le capacità cerebrali dell’essere umano, oltre a svelare il Neuralink V2, un’enorme chiave verso il futuro del dispositivo che incorporerà l’innovazione di Neuralink.

Neuralink si sta ora preparando per fornire la prima interfaccia cervello-macchina al mondo che consentirà agli esseri umani di superare le classifiche e di andare a pari passo con le intelligenze artificiali. Elon Musk ha presentato un nuovo dispositivo che cucirà il tuo cervello dall’interno per fornire agli esseri umani la migliore tecnologia per il potenziamento neurologico, il Neuralink V2.

Neuralink e Musk non hanno esitato a fornire tutto ciò di cui il loro dispositivo ha bisogno. Dal dispositivo stesso al suo software e persino la macchina che “cucirà” cervelli umani insieme ai micro fili che sono un elettrodo largo 5 micron. Neuralink si è messo nelle loro mani per essere all’avanguardia nella neurochirurgia con la macchina “da cucire” che presto installerà gli aggiornamenti sul cervello umano.

Neuralink V2

Il Neuralink V2 di Elon Musk è in grado di incorporare fino a 1.024 elettrodi follemente sottili che miglioreranno il cervello e gli daranno la spinta di potenza di cui ha bisogno per competere con i robot e l’intelligenza artificiale senza i suoi ospiti. I nostri colleghi di End Gadget riferiscono che l’azienda è attualmente in grado di “cucire”, con il Neuralink V2 e gli elettrodi, fino alla superficie corticale del cervello.

Neuralink sta ancora lavorando alla nuova versione del dispositivo per immergersi più in profondità nel cervello e cucire se stesso in altre regioni responsabili e integrate nelle funzioni più complesse del corpo umano.

Neuralink Link 0.9 –la svolta della nuova versione

L’aggiornamento dei progressi dell’azienda per il 2020 con il nuovo Neuralink V2 ha sostituito la vecchia versione dell’interfaccia cerebrale annunciata la scorsa estate con il suo nuovo e compatto chip chiamato “Link 0.9”.

Prima, il collegamento tra il chip ed il cervello, consisteva in un dispositivo che inviava un paio di fili che si ramificano e si fissano nel cervello, inoltre il dispositivo precedente sarebbe dovuto entrare da dietro le orecchie di una persona.

Neuralink V2

L’attuale iterazione del chip cerebrale, Link 0.9, sarà invece un oggetto circolare compatto di 23 mm x 8 mm che assomiglia a una moneta, sebbene di dimensioni più spesse. Secondo Musk, questo chip sarà responsabile del monitoraggio della salute generale della persona, inclusi i cambiamenti di temperatura, movimento e persino un dispositivo di allarme precoce che avviserà una persona di un imminente infarto o ictus.

Questa versione compatta “a filo con il cranio” –come la definisce Musk– del Neuralink V2 sarà impercettibile o invisibile. Il dispositivo sarà in grado di funzionare per un’intera giornata nella sua piena capacità della batteria e all’occorrenza si caricherà anche in modo induttivo, come uno smartwatch, oltre al fatto che pare possa bastare la ricarica notturna per avere l’autonomia sufficiente ad affrontare l’intera giornata.

Neuralink V2 e le ultime cose da sapere

Il Link 0.9 del nuovo Neuralink V2 si collegherà agli elettrodi che verranno cuciti nel cervello di un paziente che collegherà quindi le funzioni più complesse. Questo nuovo dispositivo è anche in grado di trasmettere una velocità megabit ad alta velocità fino a dieci metri.

Neuralink V2

Il nuovo design di Link 0.9 sarà anche rimovibile e facile da staccare dal cervello umano su richiesta. Il team non ha ancora condotto prove umane per il chip e la “macchina da cucire”, ma su animali come topi, scimmie e persino maiali.

Le scimmie tuttavia, tra tutte le cavie, erano le più vicine agli umani nelle prove del Neuralink V2, questo probabilmente in quanto sono i nostri predecessori nella Teoria dell’evoluzione di Charles Darwin. Il tentativo dell’azienda sui primati è avvenuto a luglio ed hanno affermato di avere avuto risultati soddisfacenti e davvero performanti, ecco perché i piani sulla sperimentazione umana si stanno velocizzando.

Presto, gli esseri umani indosseranno le procedure di test di Neuralink, utilizzando le capacità di installazione di 1.024 elettrodi della macchina da cucire Neuralink V2 e collegandola con il nuovo chip Link 0.9.

Neuralink V2

Non è la prima volta che proviamo a comunicare direttamente con le macchine. La ricerca sulle interfacce cervello-macchina è in corso dagli anni ’20 con ottimi risultati.

Tra i vari risultati di BMI (brain machine interfaces) ci sono quelle che aiutano i paraplegici a camminare, aiutano gli amputati a muovere le protesi degli arti o a ritrovare il senso del tatto, o aiutano i pazienti colpiti da ictus a riprendersi e a comunicare con la sindrome locked-in.

Il momento di Musk sotto i riflettori neurologici potrebbe tuttavia essere di breve durata. Un certo numero di organizzazioni di ricerca e università stanno già sviluppando sistemi propri. Diamine, anche DARPA sta esaminando la tecnologia. Detto questo, Musk ha confermato che la Food and Drug Administration statunitense ha concesso l’approvazione per i test di “dispositivi innovativi” a luglio.

Cosa ne pensi di questo sviluppo scientifico? Secondo te si avrebbero più effetti negativi o positivi? Dimmi la tua qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x