Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

La Nato investe sui robot contro le mine antiuomo

Lo scopo della ricerca e lo sviluppo di robot contro le mine antiuomo è quello di prevenire la mutilazioni degli arti di numerosi civili, in particolare i bambini, e salvaguardare la vita e la salute degli artificieri

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Lo sviluppo di robot contro le mine antiuomo è la nuova frontiera della ricerca che vuole dare il suo contributo per rintracciare gli ordigni inesplosi che ogni anno mietono centinaia di vittime che subiscono la mutilazione degli arti. I più colpiti sono spesso i bambini.

Robot contro le mine antiuomo

Robot contro le mine antiuomo: gli obiettivi

La Nato, insieme all’università di Firenze e ad altre collaborazioni internazionali, lavora da anni a questo interessante progetto. L’ateneo di Firenze, guidato dal professor Lorenzo Capineri, docente di Elettronica presso il Dipartimento di Ingegneria dell’informazione dell’Università di Firenze, contribuisce con la ricerca allo studio di metodi e tecnologie elettroniche utili a rendere più efficiente e sicuro lo sminamento umanitario.

Robot contro le mine antiuomo

Il risultato di tanto impegno è Il risultato è un prototipo di robot innovativo, “UGO-1st”, capace di individuare le bombe inesplose senza mettere a rischio la vita e la salute degli artificieri. La macchina è equipaggiata con 2 diversi tipi di radar: uno a impulsi ad azione rapida, scandaglia il terreno fino alla profondità di alcuni centimetri e arresta il robot non appena rileva un oggetto nel suolo; l’altro, di tipo olografico, sviluppa immagini per indicare all’operatore che tipo di oggetto ha fatto fermare il robot stesso.

Capineri ha spiegato che: “Il nome che gli abbiamo dato, può anche essere letto come abbreviazione della frase “You go first”. Il robot, infatti, può andare effettivamente per primo sulla zona a rischio senza esplodere, grazie alla sua leggerezza. Ma ora la ricerca raddoppia. La Nato, sulla base dei primi promettenti ha finanziato un nuovo progetto dal 2020 al 2023; il titolo è Multi-sensor cooperative robots for shallow buried explosive threat detection – DEMINING ROBOTS è sarà dunque guidato dall’Ateneo fiorentino”.

Lo scopo -continua lo studioso- quindi è quello di consolidare e sviluppare le ricerche per dimostrare la fattibilità di un sistema di rilevamento sicuro di mine terrestri e di ordigni realizzati con materiali non convenzionali”.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Gene Mcr-9: rende i batteri resistenti agli antibiotici

Scienze

Cuore di maiale trapianto in un essere umano

Samsung Galaxy A52

Android 12 su Samsung Galaxy A52: update in arrivo

Honor Magic V

Honor Magic V: il pieghevole firmato Honor è in arrivo

Scienze

Gene MLL4: nuovo bersaglio per il cancro alla pelle

Realme GT 2 Pro

Realme GT 2 Pro: presentazione ufficiale il 20 dicembre

Cosa ne pensi di questo importante investimento della Nato? Pensi che tutti dovrebbero contribuire allo sviluppo di robot contro le mine antiuomo? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0