Stress cellulare, tumore al pancreas stadio 1, riparazione delle cellule tumorali, farmaci antitumorali tossici

Nanomedicine: dosi basse e frequenti migliorano la risposta del cancro 

Una nuova ricerca capitanata da Rakesh K. Jain, direttore degli EL Steele Laboratories for Tumor Biology presso il Massachusetts General Hospital e Andrew Werk Cook Professor of Radiation Oncology presso la Harvard Medical School, ha dimostrato che la somministrazione di nanomedicine a dose più basse e frequenti, aiuta a contrastare anche i tumori più difficili da trattare. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of Controlled Release

La nanomedicina fa un passo avanti nella lotta contro il cancro e propone la somministrazione di nanomedicine a dosi più basse e frequenti rispetto ai protocolli standard, che si sono dimostrate più efficace nel trattamento delle neoplasie. La nanoparticelle infatti, somministrate senza questa nuova tecnica, nonostante promettessero di migliorare le terapie contro i tumori, non davano le stesse garanzie di sopravvivenza garantita dai classici cicli di chemioterapia.

Nanomedicine

La nanomedicina e la terapia metronomica sono state considerate due approcci diversi per curare il cancro. La nostra analisi suggerisce che questi due approcci possono essere visti utilizzando lo stesso quadro unificato delle strategie per migliorare il trattamento”, ha Rakesh K. Jain, Ph. D., Autore della ricerca sulle nanomedicine e direttore degli EL Steele Laboratories for Tumor Biology presso il Massachusetts General Hospital e Andrew Werk Cook Professor of Radiation Oncology presso la Harvard Medical School.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of Controlled Release.

Nanomedicine contro il cancro: ecco come agisce la nuova somministrazione

Il Professor Rakesh K. Jain ha spiegato che la terapia metronomica sembra aiutare a normalizzare il microambiente tumorale, il che significa che aiuta a correggere alcune delle anomalie che si sviluppano attorno ai tumori che proteggono la neoplasia e ne favoriscono la crescita e la diffusione.

Tumori resistenti, nanomedicine

Ad esempio, mentre il cancro può inviare segnali che compromettono il normale flusso sanguigno e bloccano le risposte delle cellule immunitarie (entrambi i quali li rendono difficili da trattare), la terapia metronomica sembra migliorare la funzione dei vasi sanguigni e l’attivazione immunitaria all’interno di un tumore. Recenti studi preclinici suggeriscono che i nanomedicinali possono causare cambiamenti simili nel microambiente tumorale.

In questo studio, abbiamo ipotizzato che le formulazioni di nanoparticelle, dato il rilascio controllato del loro carico utile e il lungo tempo di circolazione del sangue, possano innescare la stessa cascata di attività della terapia metronomica“, ha affermato Jain.

Utilizzando un quadro matematico e esperimenti condotti sui topi, il team ha dimostrato che entrambi gli approcci possono fungere da “strategie di normalizzazione” per influenzare il microambiente tumorale e migliorare i trattamenti contro il cancro.

 Inoltre, nei topi con carcinoma mammario triplo negativo o fibrosarcoma, Doxil, una delle nanomedicine approvata per il trattamento del carcinoma mammario metastatico e costituita da doxorubicina incapsulata in una sfera lipidica, somministrata attraverso un programma metronomico, potrebbe superare la resistenza tumorale tipica della somministrazione di Doxil un programma di dosaggio standard. Un programma metronomico ha anche migliorato l’efficacia della combinazione di Doxil più un tipo di immunoterapia chiamato inibitore del checkpoint immunitario.

La nanoimmunoterapia, che combina nanomedicine e immunoterapia, ha un alto potenziale per potenziare le risposte al cancro dei pazienti e, per questo motivo, è urgente comprendere i meccanismi di resistenza e lo sviluppo di strategie per migliorare la nanoimmunoterapia nel seno e in altri tipi di cancro“, ha spiegato il co-autore Triantafyllos Stylianopoulos, Ph.D., direttore del Cancer Biophysics Laboratory e professore associato presso l’Università di Cipro.

Nuovo trattamento contro il cancro, nanomedicine

 “I risultati di questo lavoro potrebbero essere una base per la pianificazione di futuri studi clinici per migliorare l’efficacia dei regimi di nano-immunoterapia“, ha concluso l’esperto.

I risultati suggeriscono che la combinazione di nanomedicine e programmazione metronomica può portare a un potente attacco contro tumori difficili da trattare. Agendo insieme per normalizzare il microambiente tumorale, queste due strategie offrono ai farmaci una migliore possibilità di raggiungere le cellule tumorali e mirarle in modo efficace.

I coautori dello studio includono Fotios Mpekris e Myrofora Panagi (Università di Cipro), Chrysovalantis Voutouri (Massachusetts General Hospital) e James W. Baish (Bucknell University)

La nanomedicina è l’applicazione della nanotecnologia che ha dato la spinta per l’innovazione del settore medico-sanitario. Utilizza le proprietà sviluppate da un materiale alla sua scala nanometrica 10-9 m che spesso differiscono in termini di fisica, chimica o biologia dallo stesso materiale su scala maggiore.

Inoltre, la dimensione nanometrica è anche la scala di molti meccanismi biologici nel corpo umano che consentono alle nanoparticelle e ai nanomedicinali o nanomedicine di oltrepassare eventuali barriere naturali per potersi inserire in nuovi siti di consegna e per interagire con il DNA o piccole proteine ​​a diversi livelli, nel sangue o all’interno degli organi, tessuti o cellule.

A scala nanometrica, il rapporto superficie-volume è tale che le proprietà della superficie stanno diventando un parametro intrinseco delle potenziali azioni di una particella o di un materiale. Il rivestimento delle particelle e la funzionalizzazione delle loro superfici (anche su più livelli) si presentano in questo modo notevolmente comuni per aumentare la biocompatibilità della particella stessa e il suo tempo di circolazione nel sangue, nonché per garantire un legame altamente selettivo al bersaglio desiderato.

La nanomedicina ha il potenziale per consentire la diagnosi precoce e la prevenzione e per migliorare in modo importante la diagnosi, il trattamento e il follow-up di molte malattie tra cui il cancro, ma non solo. Complessivamente, la nanomedicina ha oggi centinaia di prodotti in fase di sperimentazione clinica, che coprono tutte le principali malattie comprese quelle cardiovascolari, neurodegenerative, muscoloscheletriche e infiammatorie.

Farmaci personalizzati, nanomedicine

Coprendo le tecnologie in tutte le aree sanitarie, la nanomedicina sta già rappresentando circa 80 prodotti commercializzati, che vanno dalla nano-consegna e farmaceutica all’imaging medico, alla diagnostica e ai biomateriali.

Eri a conoscenza dei progressi della nanomedicina? Se fosse necessario, vorresti sperimentare il nuovo protocollo terapeutico basato su nanomedicine somministrate a livelli più bassi e frequenti? Ti ispira fiducia quest’ trattamento terapeutico o trovi più rassicuranti i cicli standard di chemioterapia? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Mauro Casagli

Ho un tumore polmonare in chemioterapia, quando questa terapia potrà d’essere applicata?

2
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI