Musica

Musica: terapia per la demenza e i caregiver

Una squadra di ricercatori della Penn State College of Medicine ha dimostrato il grande potere della musica sia nel lenire gli effetti della demenza, sia nel dare più energia ai caregiver, spesso trascurati nonostante il loro ruolo insostituibile. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica: Journal of Alzheimer's Disease

Durante uno studio, gli scienziati della Penn State College of Medicine si sono resi conto del potere della musica nel trattare i sintomi della demenza. Il ricercatore, asissendo ad un momento ricreativo che comprendeva la musica, in una struttura per anziani, è rimasto colpito dalla gioia di una coppia che ha ballato intorno all’unità di assistenza infermieristica qualificata al ritmo dei successi rock ‘n’ roll della sua giovinezza.

Musica

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica: Journal of Alzheimer’s Disease.

Potere della musica sulla demenza e sui caregiver: ecco quali sono i benefici

“Quello è stato il momento in cui ho assistito per la prima volta al vero potere della musica”, ha dichiarato Bufalini, che ora è un residente di medicina interna presso il Penn State Health Milton S. Hershey Medical Center: “Ho visto una donna tranquilla passare dall’essere seduta su una sedia a interagire passivamente con il suo mondo a una donna vivace che ballava per la stanza. Ho anche visto suo marito godersi ogni passo di quella trasformazione”.

Musica

Bufalini ha osservato quel momento mentre raccoglieva dati durante uno studio di ricerca supervisionato da Daniel George, Professore associato di scienze umane e della salute pubblica al Penn State College of Medicine, e Paul Eslinger, Professore di neurologia e neuropsicologo alla Penn State Health Milton S. Hershey Medical Centro. I ricercatori della facoltà di medicina del College of Medicine sono tenuti a svolgere uno studio di ricerca durante il loro mandato e Bufalini ha lavorato con George ed Eslinger per valutare gli effetti degli interventi musicali personalizzati sulle persone con demenza e sui loro caregiver.

Mentre le ricerche pregresse hanno dimostrato che gli interventi basati sulla musica possono migliorare la qualità dellavita di coloro che convivono con il morbo di Alzheimer e disturbi correlati, i ricercatori hanno affermato che il loro studio sia stato uno dei primi a esaminare attentamente come la musica possa anche giovare agli operatori sanitari, spesso coniugi, figli adulti e fratelli. Gli studiosi hanno rivelato che i caregiver hanno riferito di sentirsi meno sopraffatti dopo aver partecipato alle sessioni di musica.

“I caregiver sperimentano gioie significative ma anche oneri nel prendersi cura dei loro cari e sono trascurati in molti studi”, ha spiegato George: “Il numero dei caregiver, spesso membri della famiglia, continua a crescere con l’invecchiamento del mondo e l’incidenza della demenza. Abbiamo ipotizzato che la musica personalizzata porterebbe a maggiori interazioni interpersonali tra i residenti e i loro caregiver e che favorirebbe un maggiore senso di benessere”.

Secondo i ricercatori, il morbo di Alzheimer e le demenze correlate, che colpiscono 6 milioni di americani ogni anno e 25 milioni di persone nel mondo, possono influenzare in modo significativo non solo la cognizione individuale, ma anche le relazioni familiari. Hanno detto che essere in grado di rimanere in contatto personalmente ed emotivamente attraverso la musica può integrare gli attuali trattamenti farmacologici mentre la malattia progredisce.

Musica

“I ricordi musicali di una persona possono abbracciare molti decenni ed essere associati a esperienze e ricordi di vita chiave”, ha specificato Eslinger: “La musica può innescare quei ricordi e quelle esperienze più automaticamente che attraverso le parole poiché sono state associate in modo emotivo. Quei tipi di ricordi basati sulle emozioni sono più resistenti alla patologia dell’Alzheimer ed è per questo che la musica può ancora suscitarli”.
Sette residenti di una struttura infermieristica qualificata (di età compresa tra 76 e 92 anni) e i loro assistenti (di età compresa tra 53 e 84 anni) hanno partecipato a otto sessioni di intervento musicale in cui i partecipanti hanno ascoltato playlist personalizzate della durata di circa 15 minuti.

 Prima e dopo ogni sessione, i caregiver hanno risposto alle domande sul fatto che si sentissero sopraffatti, utili per il residente e le loro percezioni sulla cura e la condizione del residente. Durante l’intervento musicale, Bufalini ha osservato le coppie per il contatto visivo, il tocco fisico, il sorriso, la respirazione e la postura rilassate e la comunicazione verbale positiva.

Anche se la dimensione del campione della ricerca è risultato piccolo, l’analisi dei dati ha dimostrato che i caregiver hanno riferito di sentirsi significativamente meno sopraffatti dopo aver partecipato allo studio sul potere della musica. I ricercatori hanno anche osservato che ci sono ancora tendenze nelle informazioni raccolte che potrebbero avere implicazioni cliniche. I caregiver hanno dichiarato di sentirsi più positivi e ottimisti e hanno apprezzato maggiormente il loro rapporto con il parente con diagnosi di demenza. I ricercatori hanno anche osservato un aumento del legame tra le coppie.
Musica

“Date le sfide sostanziali nello sviluppo di farmaci per la demenza, gli approcci che coinvolgono i sensi e si connettono con qualcosa di tipicamente umano sono il nostro miglior strumento per supportare la qualità della vita delle persone affette da demenza”, ha affermato George.

Sebbene i ricercatori non abbiano piani immediati per eseguire su larga scala la loro ricerca, sperano che altri possano continuare a esplorare l’uso della musica per migliorare la qualità della vita sia del caregiver sia del paziente assistito, data la forte logica neurologica e socio-emotiva dell’attività. Hanno notato che l’intervento personalizzato potrebbe essere svolto sia all’interno di abitazioni private che a livello istituzionale. Dato il basso costo del progetto, gli studiosi autori dello studio ritengono che possa essere implementato ovunque, comprese le strutture a basse risorse.
“Interventi personalizzati basati sulla musica potrebbero aiutare i caregiver a fornire assistenza alla persona amata che ha una perdita di memoria”, ha concluso Bufalini. “Possono anche migliorare l’esperienza di assistenza riducendo lo stress e il carico del caregiver”.

Cosa ne pensi del potere della musica? È una terapia che hai già sperimentato? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI