Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Microbo intestinale induce alcuni tumori al seno?

Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista “Cancer Discovery”, un microbo intestinale, più specificatamente Bacteroides fragilis (ETBF), potrebbe promuovere la progressione metastatica delle cellule tumorali nei dotti mammari dei topi

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista “Cancer Discovery”, un microbo intestinale, più specificatamente Bacteroides fragilis (ETBF), potrebbe promuovere la progressione metastatica delle cellule tumorali nei dotti mammari dei topi. Si tratta di un microbo comunemente correlato allo sviluppo di colite e cancro del colon ma che, a quanto pare, contribuisce allo sviluppo di alcuni tumori al seno.

Microbo intestinale

Microbo intestinale e tumore al seno: qualche dettaglio

Secondo i ricercatori del Johns Hopkins Kimmel Cancer Center e il suo Bloomberg ~ Kimmel Institute for Immunotherapy contro il cancro, le cellule del tessuto mammario esposte a questa tossina conservano una memoria a lungo termine, aumentando il rischio di incidenza di determinate patologie.

Microbo intestinale

Mentre i microbi sono noti per essere presenti nei siti del corpo come il tratto gastrointestinale, i passaggi nasali e la pelle, il tessuto mammario era considerato sterile fino a tempi recenti”, afferma l’autore senior dello studio Dipali Sharma, Ph.D., professore di oncologia alla Johns Hopkins Medicine.

“Nonostante i molteplici fattori di rischio stabiliti per il cancro al seno, come l’età, i cambiamenti genetici, la radioterapia e la storia familiare, un gran numero di tumori al seno si verificano nelle donne che non ospitano nessuno di questi, indicando la necessità di guardare oltre“, ha spiegato Sharma. “Il nostro studio suggerisce un altro fattore di rischio, che è il microbioma. Se il tuo microbioma è perturbato, o se porti microbi tossigeni con funzione oncogenica, questo potrebbe essere considerato un fattore di rischio aggiuntivo per il cancro al seno“.

In laboratorio, il team ha somministrato i batteri ETBF, o microbo intestinale, per via orale a un gruppo di topi. In primo luogo, ha colonizzato l’intestino. Quindi, entro tre settimane, il tessuto mammario del topo presentava cambiamenti osservabili solitamente presenti nell’iperplasia duttale, una condizione precancerosa. 

In ulteriori test, i ricercatori hanno scoperto che i sintomi simili all’iperplasia apparivano anche entro due o tre settimane dall’iniezione di batteri ETBF direttamente ai capezzoli dei topi e che le cellule esposte alla tossina mostravano sempre una progressione tumorale più rapida e sviluppavano tumori più aggressivi rispetto alle cellule non esposto al microbo intestinale.

Le cellule del seno esposte alla tossina per 72 ore hanno conservato un ricordo della tossina e sono state in grado di iniziare lo sviluppo del cancro e formare lesioni metastatiche in diversi modelli murini. I ricercatori hanno anche scoperto che le vie di segnalazione delle cellule Notch1 e beta-catenina sono coinvolte nella promozione dell’EBFT ‘

Lo studio è un primo passo per mostrare il coinvolgimento dell’ETBF nello sviluppo del cancro al seno“, ha affermato il professor Sharma. Saranno necessari ulteriori ricerche per verificare come l’ETBF si muove in tutto l’organismo, se l’ETBF può essere un unico motore per innescare direttamente la trasformazione delle cellule mammarie negli esseri umani e/o se anche altri microbiota hanno un’attività tumorigena per il tessuto mammario: “Dovremmo assolutamente cercare di mantenere un microbioma sano, compreso seguire una dieta sana, fare esercizio e mantenere il corretto indice di massa corporea“, ha specificato lo studioso.

Il lavoro è stato sostenuto dal National Cancer Institute, dalla Breast Cancer Research Foundation e da Bloomberg Philanthropies.

Potrebbe interessarti...

Sony Xperia 10 III

Xperia 10 III di Sony: trapelano le prime immagini e specifiche

Xiaomi

Anche Xiaomi nella lista nera degli USA, ora cosa succede?

Honor

HONOR MagicBook Pro e HONOR Band 6 presto disponibili

Scienze

Gennaio 2021, il buco nell’ozono si è chiuso

Nintendo Switch Pro

Nintendo Switch Pro in arrivo con display OLED secondo un leak

Asus Zenfone 6

Rilasciato l’aggiornamento che porta Android 11 su Zenfone 6

Cosa ne pensi di questa nuova ricerca? Credi che sarà utile nella lotta contro i tumori al seno? Parlacene nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
app gratis

23 gennaio, 2021

GXT 970 Morfix

21 gennaio, 2021

Trust GXT 970 Morfix

Recensione

GXT 877 Scarr

05 gennaio, 2021

Trust GXT 877 Scarr

Recensione

23 dicembre, 2020

Tronsmart Mega Pro

Recensione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0