Meditazione, anziani, menopausa

La meditazione favorisce il benessere degli anziani

Diverse ricerche scientifiche hanno confermato gli effetti benefici della meditazione sugli anziani

Seguire un programma di meditazione di 18 mesi può migliorare il benessere degli anziani, secondo un nuovo studio randomizzato e controllato condotto da un team internazionale co-guidato dall’University College di Londra (UCL).

Meditazione

I risultati dello studio sono stati pubblicati su PLOS ONE.

Meditazione: ecco come agisce sugli anziani

I risultati della ricerca mostrano che la meditazione può migliorare la consapevolezza, la connessione con gli altri e la comprensione profonda delle persone.

Meditazione

Anche se l’addestramento alla meditazione non ha conferito benefici significativi su due misure comunemente utilizzate del benessere psicologico e della qualità della vita , i ricercatori affermano che i loro risultati potrebbero rivelare limiti nei metodi esistenti per monitorare il benessere.

L’autore principale Marco Schlosser (UCL Psichiatria e Università di Ginevra) ha dichiarato: “Con l’invecchiamento della popolazione globale, è sempre più cruciale capire come possiamo supportare gli anziani nel mantenere e approfondire il loro benessere psicologico.

Nel nostro studio, abbiamo testato se l’allenamento meditativo a lungo termine può migliorare importanti dimensioni del benessere. I nostri risultati suggeriscono che la meditazione è un approccio non farmacologico promettente per sostenere la fioritura umana in tarda età”.

Lo studio è il più lungo studio randomizzato di allenamento alla meditazione condotto fino ad oggi ed ha esplorato l’impatto di un programma di meditazione di 18 mesi sul benessere psicologico di oltre 130 persone sane di lingua francese di età compresa tra 65 e 84 anni.

Lo studio, condotto dal ricercatore principale, professor Gaël Chételat, si è svolto a Caen, in Francia. Lo studio è stato condotto dal gruppo di ricerca edit-Aging (Silver Santé Study) che coinvolge UCL, Inserm, Università di Ginevra, Université de Caen Normandy, Lyon Neuroscience Research Center, Università di Liegi, Technische Universität Dresden e Friedrich Schiller University Jena.

I ricercatori hanno confrontato un programma di meditazione, che includeva un modulo di consapevolezza di nove mesi seguito da un modulo di gentilezza amorevole e compassione di nove mesi, erogato tramite sessioni di gruppo settimanali (della durata di due ore), pratica quotidiana a casa (almeno 20 minuti) e una sessione di meditazione. giornata di ritiro, con un gruppo che ha seguito corsi di lingua inglese (come gruppo di confronto) e un gruppo di controllo senza intervento.

Il team ha scoperto che l’allenamento alla meditazione ha avuto un impatto significativo su un punteggio globale che misura le dimensioni del benessere quali consapevolezza, connessione e intuizione. La consapevolezza descrive un’attenzione intima e distratta ai propri pensieri, sentimenti e ambiente circostante, che può supportare un senso di calma e profonda soddisfazione.

La connessione cattura sentimenti come rispetto, gratitudine e parentela che possono supportare relazioni più positive con gli altri. L’intuizione si riferisce alla conoscenza di sé e alla comprensione di come pensieri e sentimenti partecipano nel modellare la nostra percezione e di come trasformare modelli di pensiero inutili relativi a noi stessi e al mondo.

I benefici dell’allenamento alla meditazione su una misura stabilita della qualità psicologica della vita non erano superiori all’allenamento in lingua inglese, mentre nessuno dei due interventi ha avuto un impatto significativo su un’altra misura ampiamente utilizzata del benessere psicologico.

I ricercatori suggeriscono che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che queste due misure stabilite non coprono le qualità e la profondità della fioritura umana che può potenzialmente essere coltivata da un allenamento meditativo a lungo termine, quindi si perdono i benefici per la consapevolezza, la connessione e l’intuizione.

Il programma non ha portato benefici a tutti allo stesso modo, poiché i partecipanti che avevano riportato livelli più bassi di benessere psicologico all’inizio dello studio hanno mostrato miglioramenti maggiori rispetto a quelli che avevano già livelli di benessere più elevati.

La coautrice Dott.ssa Natalie Marchant (UCL Psichiatria) ha dichiarato: “Speriamo che ulteriori ricerche chiariranno quali persone hanno maggiori probabilità di trarre beneficio dall’allenamento meditativo , poiché potrebbe conferire benefici maggiori ad alcuni gruppi specifici. Ora che abbiamo la prova che la meditazione La formazione può aiutare gli anziani, speriamo che ulteriori perfezionamenti in collaborazione con colleghi di altre discipline di ricerca possano rendere i programmi di meditazione ancora più vantaggiosi”.

Meditazione

L’autore senior Dr. Antoine Lutz (Centro di ricerca sulle neuroscienze di Lione, Inserm, Francia) ha affermato: “Mostrando il potenziale dei programmi di meditazione, i nostri risultati aprono la strada a programmi più mirati ed efficaci che possono aiutare gli anziani a prosperare, mentre cerchiamo di andare avanti”. andare oltre la semplice prevenzione delle malattie e dei problemi di salute, adottando invece un approccio olistico per aiutare le persone nell’intero spettro del benessere umano”.

Meditazione: può prevenire la demenza?

Seguire un programma di meditazione per 18 mesi può migliorare l’attenzione e le capacità di regolazione socio-emotiva delle persone sopra i 65 anni, secondo un nuovo studio co-condotto da un ricercatore dell’UCL.

Meditazione

I ricercatori però non hanno identificato alcun impatto significativo della meditazione sul volume e sul funzionamento delle strutture cerebrali studiate, rispetto ai gruppi di controllo, quindi il potenziale per prevenire la demenza rimane poco chiaro, riferiscono in JAMA Neurology .

L’autrice senior congiunta, la Dott.ssa Natalie Marchant (UCL Psichiatria), ha dichiarato: “I nostri risultati sono promettenti, poiché la meditazione sembra migliorare il benessere degli anziani, conferendo benefici all’attenzione e alla regolazione delle emozioni.

“Anche se le nostre scansioni non hanno rivelato alcun miglioramento nella struttura o nella funzione del cervello, continueremo a monitorare questo gruppo di persone per studiare se alcuni benefici potrebbero richiedere più tempo per emergere.”

L’allenamento mentale mirato a regolare lo stress e l’attenzione, come la meditazione consapevole , ha già dimostrato di essere utile nella gestione degli aspetti cognitivi ed emotivi dell’invecchiamento, in particolare per ridurre lo stress, l’ansia e la depressione.

Recenti ricerche hanno riportato che le regioni cerebrali dell’insula e della corteccia cingolata anteriore sono particolarmente sensibili all’allenamento meditativo, così come ai processi di invecchiamento. Queste regioni interconnesse sono coinvolte nell’autoconsapevolezza e nell’elaborazione e regolazione dell’attenzione, delle emozioni e dell’empatia. Nei giovani adulti , è già stato dimostrato che la meditazione modifica queste aree del cervello strutturalmente (in termini di volume) e funzionalmente, in particolare nel cervello degli esperti di meditazione con diverse migliaia di ore di pratica alle spalle.

Ricerche precedenti avevano scoperto che negli anziani esperti in meditazione, il volume della materia grigia e il metabolismo del glucosio (un processo fisiologico essenziale per una buona funzione cerebrale) erano più alti rispetto alle persone che non meditavano.

Per il presente studio, un team di ricercatori del gruppo di ricerca europeo Medit-Aging, che coinvolge Inserm, Université de Caen Normandy, UCL, Lyon Neuroscience Research Center, Università di Liegi e Università di Ginevra, ha esaminato il potenziale fisiologico, cognitivo e beneficio emotivo della meditazione negli anziani.

Nello studio clinico Age-Well che ha coinvolto 136 partecipanti di età pari o superiore a 65 anni senza malattie note, i ricercatori hanno misurato l’impatto di un intervento di meditazione di 18 mesi sul volume dei tessuti e sulla perfusione (processo fisiologico che fornisce a un organo le sostanze nutritive e l’ossigeno necessari per il suo funzionamento). metabolismo) dell’insula e della corteccia cingolata anteriore. Hanno anche esaminato specifici parametri cognitivi e socio-affettivi.

I partecipanti sono stati assegnati a tre gruppi per confrontare il potenziale beneficio della meditazione con diversi tipi di interventi. Il primo gruppo ha seguito il protocollo di intervento meditativo (meditazione consapevole, gentilezza amorevole e meditazione compassionevole), il secondo gruppo (il gruppo di “controllo attivo”) ha seguito un periodo di formazione in lingua inglese, e il terzo gruppo (il gruppo di “controllo passivo”) ) non ha fatto seguito ad alcun intervento.

Dopo 18 mesi di intervento, i ricercatori non hanno riscontrato cambiamenti significativi nel volume o nella perfusione della corteccia cingolata o dell’insula nel gruppo di meditazione rispetto ai gruppi di controllo.

L’autore principale, il dottor Gaël Chételat (Inserm e Université de Caen Normandy), ha affermato: “Il fatto che non siano state osservate differenze anatomiche tra questi due gruppi potrebbe indicare che mentre la meditazione può modificare il volume dei cervelli più giovani e più plastici, 18 mesi di allenamento alla meditazione non sono sufficienti a modificare gli effetti dell’invecchiamento.

Inoltre, mentre i risultati della misurazione del volume sono strettamente negativi, quelli della perfusione mostrano un trend a favore della meditazione che potrebbe essere interessante esplorare con tempi di intervento più lunghi e/o con un campione di popolazione più ampio.”

Il gruppo di ricerca condurrà quindi un follow-up quadriennale dei partecipanti, per indagare sui potenziali effetti a lungo termine. Al contrario, sono state osservate differenze significative nelle misure comportamentali tra il gruppo di meditazione e il gruppo di apprendimento dell’inglese, con una migliore regolazione dell’attenzione e delle capacità socio-emotive nei partecipanti al gruppo di meditazione.

Meditazione

Il primo autore congiunto Antoine Lutz (Centro di ricerca sulle neuroscienze di Lione) ha dichiarato: “Qui la pratica della meditazione sta mostrando il suo reale beneficio sulla salute mentale degli anziani, con un miglioramento significativo dei parametri specifici del benessere e della realizzazione, ma anche della mantenimento delle capacità attenzionali e socio-emotive, come riportato dai partecipanti.”

Misure e analisi più specifiche saranno condotte nell’ambito dello studio Age-Well per migliorare la comprensione di questi meccanismi. Queste analisi potrebbero essere utilizzate per identificare le misure più sensibili alla meditazione e per studiare i meccanismi alla base dei suoi effetti.

Meditazione: farlo regolarmente migliora l’attenzione in età avanzata

Sessioni di meditazione regolari e intense nel corso della vita potrebbero aiutare una persona a rimanere attenta e concentrata anche in età avanzata. Questo è secondo il più ampio studio longitudinale condotto fino ad oggi su un gruppo di praticanti di meditazione. Pubblicata sullo Springer Journal of Cognitive Enhancement , la ricerca valuta i benefici che le persone hanno ottenuto dopo tre mesi di allenamento alla meditazione a tempo pieno e se questi benefici vengono mantenuti sette anni dopo.

Meditazione

L’autore principale Anthony Zanesco, ora presso l’Università di Miami negli Stati Uniti, avverte tuttavia che sono necessarie ulteriori ricerche prima che la meditazione possa essere sostenuta come metodo infallibile per contrastare gli effetti dell’invecchiamento sul cervello.

Questo studio fa seguito a un lavoro precedente dello stesso gruppo di ricercatori dell’Università della California, Davis, nel 2011, che ha valutato le capacità cognitive di 30 persone che meditavano regolarmente prima e dopo un ritiro di tre mesi allo Shambhala. Centro di meditazione di montagna negli Stati Uniti.

Al centro, meditavano quotidianamente utilizzando tecniche progettate per favorire un’attenzione calma e sostenuta su un oggetto scelto e per generare aspirazioni come compassione, gentilezza amorevole, gioia empatica ed equanimità tra i partecipanti , per gli altri e per se stessi. Durante questo periodo è stato monitorato anche un altro gruppo di 30 persone che meditavano regolarmente.

Oltre a recarsi al centro di meditazione per un periodo di valutazione di una settimana, hanno continuato la loro vita normalmente. Dopo che il ritiro iniziale del primo gruppo si è concluso, il secondo gruppo ha ricevuto un addestramento intensivo simile presso lo Shambhala Mountain Center.

Come parte di questo studio, le valutazioni di follow-up sono state condotte sei mesi, diciotto mesi e sette anni dopo il completamento dei ritiri. Durante l’ultima valutazione, ai partecipanti è stato chiesto di stimare quanto tempo nel corso di sette anni avevano trascorso meditando al di fuori di contesti di ritiro formali, ad esempio attraverso la pratica quotidiana o non intensiva.

I quaranta partecipanti rimasti nello studio riferirono tutti una qualche forma di pratica meditativa continuata: l’85% aveva partecipato ad almeno un ritiro di meditazione e avevano praticato in media una quantità paragonabile a un’ora al giorno per sette anni.

I partecipanti hanno completato nuovamente delle valutazioni progettate per misurare il loro tempo di reazione e la capacità di prestare attenzione a un compito. Sebbene questi non siano migliorati, i miglioramenti cognitivi maturati dopo la formazione e la valutazione del 2011 sono stati parzialmente mantenuti molti anni dopo.

Ciò era particolarmente vero per i partecipanti più anziani che hanno praticato molta meditazione nel corso dei sette anni. Rispetto a coloro che praticavano meno, mantenevano miglioramenti cognitivi e non mostravano modelli tipici di declino legato all’età nell’attenzione sostenuta.

“Questo studio è il primo a offrire la prova che la pratica intensiva e continuata della meditazione è associata a miglioramenti duraturi nell’attenzione sostenuta e nell’inibizione della risposta, con il potenziale di alterare le traiettorie longitudinali del cambiamento cognitivo nella vita di una persona”, afferma Zanesco.

È consapevole che lo stile di vita o la personalità dei partecipanti potrebbero aver contribuito alle osservazioni. Zanesco chiede quindi ulteriori ricerche sulla meditazione come intervento per migliorare il funzionamento del cervello tra le persone anziane.

I risultati attuali forniscono anche una valutazione che fa riflettere sulla possibilità che gli interventi di consapevolezza a breve termine o non intensivi siano utili per migliorare l’ attenzione sostenuta in modo duraturo.

I partecipanti hanno praticato molta più meditazione di quanto sia fattibile per programmi a breve termine che potrebbero mirare ad aiutare con l’invecchiamento cognitivo e, nonostante praticassero così tanta meditazione, i partecipanti generalmente non sono migliorati nel corso degli anni; questi benefici invece si sono stabilizzati.

 

Zanesco ritiene che ciò abbia ampie implicazioni per la meditazione e gli approcci basati sulla consapevolezza all’allenamento cognitivo e solleva importanti domande su quanto la meditazione possa, in effetti, influenzare la cognizione umana e il funzionamento del cervello.

 

Meditazione: può essere di aiuto nel trattamento del morbo di Alzheimer?

 

In un recente studio su adulti con perdita precoce di memoria, un gruppo di ricerca della West Virginia University guidato dalla dottoressa Kim Innes ha scoperto che la pratica di un semplice programma di meditazione o di ascolto musicale può avere molteplici benefici per gli anziani con perdita di memoria preclinica.

 

In questo studio randomizzato e controllato , 60 anziani con declino cognitivo soggettivo (SCD), una condizione che può rappresentare uno stadio preclinico della malattia di Alzheimer, sono stati assegnati a un programma di meditazione per principianti (Kirtan Kriya) o a un programma di ascolto musicale e hanno chiesto di esercitarsi per 12 minuti. /giorno per 12 settimane.

Come dettagliato in un articolo recentemente pubblicato dal Journal of Alzheimer’s Disease , sia il gruppo di meditazione che quello di musica hanno mostrato miglioramenti marcati e significativi nella funzione di memoria soggettiva e nelle prestazioni cognitive oggettive a 3 mesi.

Questi includevano domini del funzionamento cognitivo che avevano maggiori probabilità di essere colpiti negli stadi preclinici e iniziali della demenza (ad esempio, attenzione, funzione esecutiva, velocità di elaborazione e funzione di memoria soggettiva). I sostanziali miglioramenti osservati nella memoria e nelle capacità cognitive sono stati mantenuti o ulteriormente aumentati a 6 mesi (3 mesi dopo l’intervento).

Come spiegato nel precedente articolo del gruppo di ricerca (J Alzheimer’s Dis. 52 (4): 1277-1298), entrambi i gruppi di intervento hanno mostrato anche miglioramenti nel sonno, nell’umore, nello stress, nel benessere e nella qualità della vita, con miglioramenti che sono stati notevoli. particolarmente pronunciato nel gruppo di meditazione; ancora una volta, tutti i benefici sono stati mantenuti o ulteriormente migliorati 3 mesi dopo l’intervento.

I risultati di questo studio suggeriscono che due semplici pratiche mente-corpo, la meditazione Kirtan Kriya e l’ascolto di musica , possono non solo migliorare l’umore, il sonno e la qualità della vita, ma anche aumentare le capacità cognitive e aiutare a invertire la perdita di memoria percepita negli anziani con anemia falciforme.

La pace interiore e un corpo flessibile potrebbero non essere i benefici più preziosi che lo yoga e la meditazione hanno da offrire, suggerisce una nuova ricerca condotta da un team di neuroscienziati guidato dall’UCLA.

Il team ha scoperto che un corso di tre mesi di pratica di yoga e meditazione aiutava a ridurre al minimo i problemi cognitivi ed emotivi che spesso precedono la malattia di Alzheimer e altre forme di demenza, e che era ancora più efficace degli esercizi di potenziamento della memoria considerati la soluzione migliore. standard per la gestione del deterioramento cognitivo lieve .

Meditazione

 

“L’allenamento della memoria era paragonabile allo yoga con meditazione in termini di miglioramento della memoria, ma lo yoga ha fornito un beneficio più ampio rispetto all’allenamento della memoria perché ha anche aiutato con l’umore, l’ansia e le capacità di coping”, ha detto Helen Lavretsky, autrice senior dello studio e professoressa residente. nel dipartimento di psichiatria dell’UCLA.

 

Le persone con deficit cognitivo lieve hanno una probabilità due volte e mezzo maggiore di sviluppare la malattia di Alzheimer e altre forme di demenza.

 

Anche se l’addestramento alla meditazione non ha conferito benefici significativi su due misure comunemente utilizzate del benessere psicologico e della qualità della vita , i ricercatori affermano che i loro risultati potrebbero rivelare limiti nei metodi esistenti per monitorare il benessere.

 

L’autore principale Marco Schlosser (UCL Psichiatria e Università di Ginevra) ha dichiarato: “Con l’invecchiamento della popolazione globale, è sempre più cruciale capire come possiamo supportare gli anziani nel mantenere e approfondire il loro benessere psicologico. Nel nostro studio, abbiamo testato se l’allenamento meditativo a lungo termine può migliorare importanti dimensioni del benessere. I nostri risultati suggeriscono che la meditazione è un approccio non farmacologico promettente per sostenere la fioritura umana in tarda età”.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease , è il primo a confrontare i risultati dello yoga e della meditazione con quelli dell’allenamento della memoria , che incorpora attività che vanno dai cruciverba ai programmi per computer disponibili in commercio. Lo studio su 25 partecipanti, tutti di età superiore ai 55 anni, ha misurato i cambiamenti non solo nel comportamento ma anche nell’attività cerebrale.

“Storicamente e aneddoticamente, si ritiene che lo yoga sia benefico per invecchiare bene, ma questa è la dimostrazione scientifica di tale beneficio”, ha affermato Harris Eyre, autore principale dello studio, dottorando presso l’Università australiana di Adelaide ed ex studioso Fulbright presso l’Università di Adelaide. Istituto Semel per le neuroscienze e il comportamento umano dell’UCLA. “Stiamo convertendo la saggezza storica nell’alto livello di prova richiesto ai medici per raccomandare la terapia ai loro pazienti”.

Lavretsky ed Eyre hanno studiato i partecipanti che avevano segnalato problemi di memoria, come la tendenza a dimenticare nomi, volti o appuntamenti o a smarrire le cose. I soggetti sono stati sottoposti a test di memoria e scansioni cerebrali all’inizio e alla fine dello studio.

Undici partecipanti hanno ricevuto un’ora a settimana di formazione sul potenziamento della memoria e hanno trascorso 20 minuti al giorno eseguendo esercizi di memoria, associazione verbale e visiva e altre strategie pratiche per migliorare la memoria, basati su tecniche supportate dalla ricerca.

Gli altri 14 partecipanti hanno seguito una lezione di un’ora una volta alla settimana di Kundalini Yoga e hanno praticato 20 meditazioni Kirtan Kriya a casa per 20 minuti ogni giorno. Il Kirtan Kriya, che prevede il canto, i movimenti delle mani e la visualizzazione della luce, è stato praticato per centinaia di anni in India come un modo per prevenire il declino cognitivo negli anziani, ha detto Lavretsky.

Dopo 12 settimane, i ricercatori hanno notato miglioramenti simili tra i partecipanti di entrambi i gruppi nelle capacità di memoria verbale, che entrano in gioco per ricordare nomi ed elenchi di parole. Ma coloro che avevano praticato yoga e meditazione avevano miglioramenti migliori rispetto agli altri soggetti nelle capacità di memoria visuo-spaziale, che entrano in gioco per ricordare luoghi e orientarsi mentre si cammina o si guida.

Il gruppo di yoga-meditazione ha anche ottenuto risultati migliori in termini di riduzione della depressione e dell’ansia e di miglioramento delle capacità di coping e resilienza allo stress. Questo è importante perché venire a patti con il deterioramento cognitivo può essere emotivamente difficile.

“Quando si ha una perdita di memoria, si può diventare piuttosto ansiosi e ciò può portare alla depressione”, ha detto Lavretsky, che è anche ricercatore presso l’Istituto Semel.

I ricercatori riferiscono che i miglioramenti esteriori della memoria dei partecipanti corrispondevano a cambiamenti percepibili nella loro attività cerebrale . Utilizzando la risonanza magnetica funzionale , hanno dimostrato che i soggetti di entrambi i gruppi presentavano cambiamenti nella connettività cerebrale, ma i cambiamenti nel gruppo yoga erano statisticamente significativi, mentre i cambiamenti nel gruppo memoria non lo erano.

Meditazione

I ricercatori attribuiscono gli effetti positivi dell’esercizio consapevole sulla “idoneità cerebrale” a diversi fattori, tra cui la sua capacità di ridurre lo stress e l’infiammazione, migliorare l’umore e la resilienza e aumentare la produzione del fattore di crescita neurotrofico derivato dal cervello, una proteina che stimola le connessioni tra neuroni e neuroni. rilanciare l’attività della telomerasi, un processo che sostituisce il materiale genetico perduto o danneggiato.

“Se tu o i tuoi parenti state cercando di migliorare la vostra memoria o di compensare il rischio di sviluppare perdita di memoria o demenza, una pratica regolare di yoga e meditazione potrebbe essere una soluzione semplice, sicura ed economica per migliorare la vostra forma cerebrale”, ha detto Lavretsky.

 

Pratichi regolarmente la meditazione? Hai riscontrato benefici? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI