Malattie infettive

Malattie infettive: il 58% è influenzato dal clima

Secondo un recente studio, l'inquinamento ambientale avrebbe un ruolo di spicco sulle malattie infettive, ma in che senso? Andiamo a vederlo insieme

Secondo uno studio, i rischi climatici come inondazioni, ondate di calore e siccità hanno peggiorato più della metà delle centinaia di malattie infettive conosciute nelle persone, tra cui malaria, hantavirus, colera e antrace.

I ricercatori hanno esaminato la letteratura medica di casi accertati di malattie e hanno scoperto che 218 delle 375 malattie infettive umane conosciute, ovvero il 58%, sembravano peggiorate da uno dei 10 tipi di condizioni meteorologiche estreme legate al cambiamento climatico, secondo uno studio pubblicato lunedì sulla rivista Nature Climate Change.

Malattie infettive

I medici, risalendo a Ippocrate, da tempo collegano le malattie infettive al clima, ma questo studio mostra quanto sia diffusa l’influenza del clima sulla salute umana.

“Se il clima sta cambiando, il rischio di queste malattie sta cambiando”

ha affermato il coautore dello studio, il dottor Jonathan Patz, direttore del Global Health Institute presso l’Università del Wisconsin-Madison, inoltre i medici, allo stesso modo di Patz, hanno affermato di dover considerare le malattie come i sintomi di una Terra malata.

“I risultati di questo studio sono terrificanti e illustrano bene le enormi conseguenze dei cambiamenti climatici sui patogeni umani. Quelli di noi che si occupano di malattie infettive e microbiologia devono fare del cambiamento climatico una delle nostre priorità e dobbiamo lavorare tutti insieme per prevenire quella che sarà senza dubbio una catastrofe a causa del cambiamento climatico”.

ha affermato il dottor Carlos del Rio, specialista in malattie infettive della Emory University, che non faceva parte dello studio.

Come è stata trovata la connessione tra malattie infettive e inquinamento

Oltre a esaminare le malattie infettive, i ricercatori hanno ampliato la loro ricerca per esaminare tutti i tipi di malattie umane, comprese le malattie non infettive come l’asma, le allergie e persino i morsi di animali per vedere quante malattie potrebbero collegare in qualche modo ai rischi climatici , comprese le malattie infettive.

Durante la ricerca, hanno trovato un totale di 286 malattie uniche e di quelle 223 sembravano essere peggiorate dai rischi climatici, nove erano diminuite dai rischi climatici e 54 avevano casi sia aggravati che ridotti al minimo, secondo quanto rilevato dallo studio.

Malattie infettive

Il nuovo studio non fa i calcoli per attribuire cambiamenti, probabilità o magnitudo di malattie specifiche al cambiamento climatico, ma trova casi in cui il clima estremo era un probabile fattore tra i tanti, andando inoltre a tracciare le 1.006 connessioni dal rischio climatico alla malattia.

L’autore principale dello studio Camilo Mora, analista di dati climatici presso l’Università delle Hawaii, ha affermato che ciò che è importante notare è che lo studio non riguarda la previsione di casi futuri, affermando:

“Non c’è nessuna speculazione qui. Sono cose che sono già successe”.

Un esempio che Mora conosce in prima persona. Circa cinque anni fa, la casa di Mora nella zona rurale della Colombia è stata allagata –per la prima volta nella sua memoria, l’acqua era nel suo soggiorno, creando un terreno fertile ideale per le zanzare– e Mora ha contratto la chikungunya, un brutto virus diffuso dalle punture di zanzara, e anche se è sopravvissuto, sente ancora dolori articolari anni dopo.

A volte il cambiamento climatico agisce in modi strani. Mora include il caso del 2016 in Siberia, quando una carcassa di renna vecchia di decenni, morta per antrace, è stata portata alla luce quando il permafrost si è scongelato a causa del riscaldamento globale, ed un bambino, dopo averlo toccato, ha preso l’antrace dando vita ad un focolaio.

Inizialmente Mora voleva cercare casi medici per vedere come il COVID-19 si intersecasse con i rischi climatici, ed ha trovato casi in cui il clima estremo ha sia esacerbato che diminuito le possibilità di COVID-19, in alcuni casi infatti, il caldo estremo nelle aree povere ha fatto radunare le persone per rinfrescarsi ed essere esposte alla malattia, ma in altre situazioni, forti acquazzoni hanno ridotto la diffusione del COVID perché le persone sono rimaste a casa e al chiuso, lontano dagli altri.

Malattie infettive

L’esperta di lunga data del clima e della salute pubblica Kristie Ebi dell’Università di Washington ha avvertito di avere dubbi su come sono state tratte le conclusioni e su alcuni dei metodi dello studio.

È un fatto assodato che la combustione di carbone, petrolio e gas naturale ha portato a condizioni meteorologiche estreme più frequenti e intense e la ricerca ha dimostrato che i modelli meteorologici sono associati a molti problemi di salute tuttavia:

“la correlazione non è causalità. Gli autori non hanno discusso la misura in cui i rischi climatici esaminati sono cambiati nel periodo di tempo dello studio e la misura in cui eventuali cambiamenti sono stati attribuiti al cambiamento climatico.”

ha detto Ebi in una e-mail, riguardo alle malattie infettive e il clima.

Il dottor Aaron Bernstein tuttavia, direttore ad interim del Center for Climate, Health, and the Global Environment presso la Harvard School of Public Health, Emory’s del Rio e altri tre esperti esterni hanno affermato che lo studio è per ora un buon avvertimento sul clima e sulla salute e il futuro, soprattutto perché il riscaldamento globale e la perdita dell’habitat spingono gli animali e le loro malattie ad essere più vicini agli esseri umani.

Questo studio sottolinea come il cambiamento climatico possa caricare i dadi per favorire sorprese infettive indesiderate. Ma ovviamente riporta solo ciò che già sappiamo e ciò che è ancora sconosciuto sui patogeni potrebbe essere ancora più convincente su come prevenire ulteriori cambiamenti climatici possa prevenire futuri disastri come il COVID-19.”

ha detto Bernstein in una e-mail.

Malattie infettive

La scorsa settimana, un team di scienziati internazionali ha affermato che il mondo deve iniziare a prepararsi per la possibilità di una “fine partita per il clima” poiché gli eventi meteorologici estremi continuano a devastare il pianeta.

“In questo momento, penso che siamo ingenui. Non stiamo affatto guardando agli scenari peggiori, in realtà”

ha affermato uno degli autori di quello studio, Luke Kemp, del Center for the Study of Existential Risk di Cambridge.

Il rapporto di Kemp e dei suoi colleghi ha messo in guardia sul rischio di un aumento delle malattie infettive dovuto al clima, nonché sui rischi di carestia, disastri meteorologici estremi e conflitti per le risorse.

Quasi mezzo milione di persone sono morte in disastri naturali legati a eventi meteorologici estremi negli ultimi 20 anni, secondo una valutazione del 2021 della minaccia diretta per l’umanità rappresentata dai cambiamenti climatici.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Cosa ne pensi di questo studio che spiega la correlazione tra malattie infettive e inquinamento ambientale? Come ciò potrebbe cambiare il modo in cui viviamo? Parliamone qui sotto nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI