Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Malattia di Parkinson: nuovi farmaci nasali ne rallentano la progressione

Un team di studiosi del Rush University Medical Center, ha sviluppato un farmaco nasale, capace di rallentare l'infiammazione nel cervello e fermare la diffusione dell'alfa-sinucleina nei topi con malattia di Parkinson. I trattamenti hanno anche migliorato l'andatura, l'equilibrio e altre funzioni motorie delle cavie. Lo studio è stato pubblicato sulla sulla rivista scientifica Nature Communications

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Le persone colpite da malattia di Parkinson hanno una nuova speranza: nuovi farmaci nasali sviluppati dai ricercatori del Rush University Medical Center potrebbero essere i potenziali trattamenti utili a rallentare la pressione della patologia.

Malattia di Parkinson

Lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nature Communications.

Farmaci nasali che rallentano la malattia di Parkinson: qualche dettaglio sulla ricerca

Il team di esperti del Rush hanno scoperto che due diversi peptidi (catene di amminoacidi) hanno contribuito a rallentare la diffusione dell’alfa-sinucleina, una proteina che si trova in depositi proteici anormali chiamati corpi di Lewy nel cervello. I corpi di Lewy sono segni distintivi della malattia di Parkinson.

Malattia di Parkinson

Attualmente, non ci sono trattamenti che rallentino la progressione della malattia di Parkinson: trattano solo i sintomi”, afferma Kalipada Pahan, professore di neurologia Floyd A. Davis presso il Rush University Medical Center e ricercatore in carriera presso il Jesse Brown VA Medical Center, che ha capitanato lo studio.

I corpi di Lewy sono anche associati allo sviluppo della demenza da corpi di Lewy e di un raro disturbo neurologico chiamato atrofia multisistemica (MSA). “Attualmente, non esiste nemmeno un trattamento efficace per la demenza con corpi di Lewy e atrofia multisistemica“, ha spiegato Pahan. “Capire come queste malattie lavorino è importante per lo sviluppo di farmaci efficaci che inibiscono la patologia, proteggano il cervello, e arrestini la progressione da corpi di Lewy”.

Malattia di Parkinson

I peptidi sviluppati in laboratorio testati nello studio sono noti come dominio di interazione TLR2 di Myd88 (TIDM) e dominio di legame NEMO (NBD). I composti, che sono stati somministrati come farmaci nasali, sono stati trovati per rallentare l’infiammazione nel cervello e fermare la diffusione dell’alfa-sinucleina nei topi con malattia di Parkinson. I trattamenti hanno anche migliorato l’andatura, l’equilibrio e altre funzioni motorie dei topi stessi.

“Se questi risultati possono essere replicati nei pazienti, sarebbe un notevole progresso nel trattamento di disturbi neurologici devastanti”, ha dichiarato Pahan.

La malattia di Parkinson è una malattia del sistema nervoso che colpisce la capacità di controllare i movimenti. La malattia di solito inizia lentamente e peggiora nel tempo. i soggetti colpiti da morbo di Parkinson tra i sintomi più comuni potrebbero tremare, avere rigidità muscolare e avere difficoltà a camminare e a mantenere l’equilibrio e la coordinazione. Man mano che la malattia peggiora, si potrebbe verificare una difficoltà a parlare, dormire, avere problemi mentali e di memoria, sperimentare cambiamenti comportamentali e avere altri sintomi.

Malattia di Parkinson

Circa il 50% in più di uomini rispetto alle donne si ammala di Parkinson. È più comunemente visto nelle persone di età pari o superiore a 60 anni. Tuttavia, fino al 10% dei pazienti viene diagnosticato prima dei 50 anni.

Bella comunità scientifica si pensa che alcuni casi di malattia di Parkinson ad esordio precoce, cioè prima dei 50 anni, possano essere ereditati. Gli scienziati hanno identificato una mutazione genetica nelle persone con malattia di Parkinson il cui cervello contiene corpi di Lewy, che sono grumi della proteina alfa-sinucleina. Gli esperti stanno cercando di capire la funzione di questa proteina e la sua relazione con le mutazioni genetiche che a volte si osservano nel morbo di Parkinson e nelle persone con un tipo di demenza chiamato demenza da corpi di Lewy.

Diverse altre mutazioni genetiche sono state trovate per svolgere un ruolo nella malattia di Parkinson. Le mutazioni in questi geni causano un funzionamento anomalo delle cellule, che influisce sulla capacità delle cellule nervose di rilasciare dopamina e provoca la morte delle cellule nervose. I ricercatori stanno ancora cercando di scoprire cosa causa la mutazione di questi geni per capire come le mutazioni genetiche influenzino lo sviluppo del morbo di Parkinson.

Gli scienziati pensano che circa il 10-15% delle persone con malattia di Parkinson possa avere una mutazione genetica che li predispone allo sviluppo della malattia. Le persone con malattia di Parkinson perdono anche un altro neurotrasmettitore chiamato noradrenalina. Questa sostanza chimica è necessaria per il corretto funzionamento del sistema nervoso simpatico. Questo sistema controlla alcune delle funzioni autonome del corpo come la digestione, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la respirazione. La perdita di noradrenalina causa alcuni dei sintomi non legati al movimento della malattia di Parkinson.

È auspicabile che lo sviluppo di un farmaco nasale capace di rallentare la malattia di Parkinson non venga bloccato, ma, visti i risultati promettenti, la ricerca continui.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Ritieni importante questo nuovo risultato della ricerca medica? Pensi che lo sviluppo del nuovo farmaco vada incentivato e supportato dalle istituzioni? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Ernestina

Non sono in grado di esprimere un parere ma, solo una speranza.

Maria Pia Leone

Ogni progresso compiuto nella ricerca è importante perché questa malattia è una brutta bestia che ti cambia la vita e non bisogna arrendersi

Laura

Voglio sperare che i Governi degli Stati comprendano l’importanza della ricerca in ambito neurologico; le malattie del sistema nervoso sono in costante aumento anche in fascia di età giovanile e le conseguenze per le persone malate e le proprie famiglie sono devastanti, con inevitabili ricadute economiche sulla collettività. Investire sulla ricerca è l’unica opportunità per donare la speranza all’unanimità. Grazie

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0