Mal di schiena cronico

Mal di schiena cronico: trattamento efficace mira al sistema nervoso

Una squadra di ricercatori dell'UNSW Sydney e Neuroscience Research Australia (NeuRA) ha sviluppato, in un recente studio, una terapia capace di trattare con efficacia e in certi casi guarire il mal di schiena cronico. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of American Medical Association

I soggetti che sono colpiti da mal di schiena cronico hanno possono sperare grazie ad un nuovo trattamento incentrato sulla riqualificazione del modo in cui la schiena e il cervello comunicano. A dichiararlo è uno studio randomizzato controllato sviluppato dai ricercatori dell’UNSW Sydney e Neuroscience Research Australia (NeuRA) e di diverse altre università australiane ed europee ha mostrato.

Mal di schiena cronico

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of American Medical Association.

Mal di schiena cronico: ecco in cosa consiste la nuova terapia

Lo studio, finanziato dall’Australian National Health and Medical Research Council (NHMRC), portato avanti presso NeuRA, ha diviso 276 volontari reclutati per la ricerca in due gruppi: uno ha intrapreso un corso di 12 settimane di riqualificazione sensomotoria e l’altro ha ricevuto un corso di 12 settimane di trattamenti fittizi progettati per controllare gli effetti placebo, che sono comuni nel dolore cronico situato nella parte bassa della schiena.

Mal di schiena cronico

Il Professor James McAuley della School of Health Sciences dell’UNSW e NeuRA hanno affermato, rispetto al tema del mal di schiena cronico, che la riqualificazione sensomotoria altera il modo in cui le persone pensano al proprio corpo nel dolore, come elaborano le informazioni sensoriali dalla schiena e come si muovono la schiena durante le attività.

“Quello che abbiamo osservato nel nostro studio è stato un effetto clinicamente significativo sull’intensità del dolore e un effetto clinicamente significativo sulla disabilità. Le persone erano più felici, hanno riferito che la loro schiena si sentiva meglio e la loro qualità di vita era migliore. Sembra anche che questi effetti siano stati mantenuti nel tempo a lungo termine; il doppio delle persone è stato completamente guarito. Pochissimi trattamenti per il mal di schiena cronico mostrano benefici a lungo termine, ma i partecipanti allo studio hanno riportato un miglioramento della qualità della vita un anno dopo”.

Il nuovo trattamento sfida i trattamenti tradizionali per il mal di schiena cronico, come i farmaci e terapie che si concentrano sulla schiena come la manipolazione spinale, le iniezioni, la chirurgia e gli stimolatori del midollo spinale, considerando il mal di schiena cronico come un problema modificabile del sistema nervoso rispetto a un problema al disco, alle ossa o ai muscoli.

“Se si confrontano i risultati con gli studi sul trattamento con oppioidi rispetto al placebo, la differenza è inferiore a un punto su 10 nell’intensità del dolore, è solo a breve termine e c’è poco miglioramento nella disabilità. Vediamo risultati simili per gli studi che confrontano terapia manuale per simulare  o esercizio per simulare “, ha affermato il Professor McAuley: “Questo è il primo nuovo trattamento del suo genere per il mal di schiena cronico, che è stata la causa numero uno dell’onere globale della disabilità per 30 anni, che è stato testato contro il placebo”.

Mal di schiena cronico

Il Professor McAuley ha spiegato che il trattamento si basa su una ricerca che ha mostrato che il sistema nervoso delle persone che soffrono di mal di schiena cronico si comporta in modo diverso dalle persone che hanno avuto una recente lesione alla parte bassa della schiena.

“Alle persone con mal di schiena cronico viene spesso detto che la loro schiena è vulnerabile e ha bisogno di protezione. Questo cambia il modo in cui filtriamo e interpretiamo le informazioni dalla nostra schiena e come muoviamo la nostra schiena. Nel tempo, la schiena diventa meno in forma e il modo in cui la schiena e il cervello la comunicazione è interrotta in modi che sembrano rafforzare l’idea che la schiena è vulnerabile e ha bisogno di protezione. Il trattamento che abbiamo ideato mira a rompere questo ciclo di autosostentamento”, ha aggiunto lo scienziato.

Il Professor Lorimer Moseley AO, Bradley Distinguished Professor presso l’Università del South Australia, ha dichiarato: “Questo trattamento, che include moduli e metodi educativi appositamente progettati e riqualificazione sensomotoria, mira a correggere la disfunzione che ora sappiamo essere coinvolta nella maggior parte del mal di schiena cronico e questo è un interruzione all’interno del sistema nervoso. L’interruzione provoca due problemi: un sistema di dolore ipersensibile e una comunicazione imprecisa tra la schiena e il cervello”.

Il trattamento mira al raggiungimento di tre obiettivi. Il primo è allineare la comprensione del paziente con le più recenti conoscenze scientifiche su ciò che causa il mal di schiena cronico. Il secondo è normalizzare il modo in cui la schiena e il cervello comunicano tra loro e, in terzo luogo, rieducare gradualmente il corpo e il cervello a un normale ambiente di protezione e alla ripresa delle attività abituali.

Il professor Ben Wand dell’Università di Notre Dame, direttore clinico dello studio, ha sottolineato che utilizzando un programma di allenamento sensomotorio, i pazienti possono vedere che il cervello e la schiena non comunicano bene, ma possono anche sperimentare un miglioramento in questa comunicazione: “Pensiamo che questo dia loro fiducia nel perseguire un approccio al recupero che alleni sia il corpo che il cervello”.

Mal di schiena cronico

Le terapie tradizionali si concentrano sul fissare qualcosa nella schiena, iniettare un disco, sciogliere le articolazioni o rafforzare i muscoli. Ciò che rende diverso il riaddestramento sensomotorio, secondo il Professor McAuley, è che guarda all’intero sistema: cosa pensano le persone della propria schiena, come comunicano la schiena e il cervello, come si muove la schiena e la forma fisica della schiena.

Gli autori dello studio affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per replicare questi risultati e per testare il trattamento in diversi contesti e popolazioni. Vogliono anche testare il loro approccio in altri stati di dolore cronico che mostrano un’interruzione simile all’interno del sistema nervoso. Sono ottimisti sul lancio di un pacchetto di formazione per portare questo nuovo trattamento nelle cliniche e hanno arruolato organizzazioni partner per avviare tale processo.

Una volta che il nuovo trattamento sarà disponibile tramite fisioterapisti qualificati, fisiologi dell’esercizio fisico e altri medici, il Professor McAuley spera che ciò avvenga nei prossimi sei-nove mesi: le persone con mal di schiena cronico  dovrebbero essere in grado di accedervi a un costo simile ad altre terapie offerte da quei professionisti.

Soffri anche tu di mal di schiena cronico? Se il trattamento fosse già disponibile in Italia, saresti disposto a provarlo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI