Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Luce da dietro un buco nero

Luce da dietro un buco nero individuata per la 1a volta

Se pensiamo a un buco nero la prima cosa che ci viene da pensare è a una massa oscura, attraverso la quale non passa nulla, ma se ti dicessi che degli astronomi hanno appena visto, per la prima volta, della luce da dietro un buco nero?

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Per la prima volta in assoluto, gli astronomi hanno rilevato direttamente la luce da dietro un buco nero supermassiccio, una scoperta che dimostra che la teoria della relatività generale di Albert Einstein era giusta –ancora una volta–.

Ma perché era così difficile vedere la luce da dietro un buco nero?

I buchi neri sono regioni dello spazio-tempo in cui l’attrazione della gravità è così potente che nemmeno la luce può sfuggire alla sua presa, tuttavia mentre la luce non può sfuggire a un buco nero, la sua gravità estrema deforma lo spazio attorno ad esso, il che consente alla luce di “echeggiare”, piegandosi attorno alla parte posteriore dell’oggetto.

Luce da dietro un buco nero

Grazie a questo strano fenomeno, gli astronomi hanno, per la prima volta, hanno osservato la luce da dietro un buco nero.

Utilizzando l’XMM-Newton dell’Agenzia spaziale europea e i telescopi spaziali NuSTAR della NASA, i ricercatori hanno osservato il buco nero mentre lanciava i raggi X nell’universo, con questo che è circa 10 milioni di volte più massiccio del nostro sole e si trova al centro di una vicina galassia a spirale chiamata I Zwicky, a 1.800 milioni di anni luce dalla Terra.

Dopo aver osservato una serie di bagliori luminosi di raggi X, si è verificato qualcosa di senza precedenti: più lampi più piccoli, successivi e di “colori” diversi rispetto ai loro predecessori e, secondo uno studio pubblicato questa settimana sulla rivista Nature, gli “echi” della luce sono apparsi coerenti con i raggi X riflessi da dietro il buco nero, un luogo molto strano in cui la luce ha origine.

Luce da dietro un buco nero

Come ti dicevo, l’attrazione gravitazionale dei buchi neri è così potente che la luce non può sfuggire loro, tuttavia è proprio il fatto che possa “echeggiare”, che ha permesso agli astronomi di vedere questa luce da dietro un buco nero.

“Qualsiasi luce che entra in quel buco nero non esce, quindi non dovremmo essere in grado di vedere nulla di quello che c’è dietro il buco nero. Il motivo per cui possiamo vedere la luce da un buco nero è perché, quel buco nero, sta deformando lo spazio, piegando la luce e attorcigliando i campi magnetici attorno a se stesso.”

ha detto l’autore principale Dan Wilkins in una dichiarazione riguardante la luce da dietro un buco nero.

Cosa c’entra la teoria della relatività di Einstein con la luce da dietro un buco nero?

Mentre Einstein aveva predetto la capacità della gravità di un buco nero di piegare la luce attorno ad esso nel 1916, non è mai stata confermata, fino ad ora.

“Cinquant’anni fa, quando gli astrofisici iniziarono a speculare su come il campo magnetico potesse comportarsi vicino a un buco nero, non avevano idea che un giorno avremmo potuto avere le tecniche per osservarlo direttamente e vedere in azione la teoria della relatività generale di Einstein”

ha detto il co-autore Roger Blandford.

I ricercatori non stavano nemmeno cercando di confermare la teoria di Einstein trovando la luce da dietro un buco nero, inizialmente stavano tentando di scoprire i misteri di una strana caratteristica dei buchi neri conosciuta come la corona, la fonte della brillante luce a raggi X.

Luce da dietro un buco nero

“Ho costruito previsioni teoriche su come ci appaiono questi echi per alcuni anni, li avevo già visti nella teoria che stavo sviluppando, quindi una volta che li ho visti nelle osservazioni del telescopio, ho potuto capire la connessione.”

ha detto Wilkins.

La teoria prevalente è che la corona si formi dopo che il gas cade continuamente nel buco nero, formando un disco rotante attorno ad esso, “come l’acqua che scorre in uno scarico“, il disco di gas viene quindi riscaldato fino a milioni di gradi, generando un campo magnetico contorto che alla fine scatta, rilasciando la sua energia e producendo la corona.

“Questo campo magnetico che si lega e poi scatta vicino al buco nero riscalda tutto ciò che lo circonda e produce questi elettroni ad alta energia che poi continuano a produrre i raggi X”

ha detto Wilkins.

Da qui, gli astronomi sperano di utilizzare i vari “colori” osservati mentre gli echi dei raggi X viaggiano intorno al buco nero per creare una mappa 3D dei dintorni del buco nero, sperano anche di scoprire come la corona produce bagliori così luminosi.

Importante da sapere anche che questa non è la prima volta che gli astronomi hanno individuato un buco nero che distorce la luce, chiamato lente gravitazionale, ma è la prima volta che vedono della luce da dietro un buco nero.

Se sei attratto dalla scienza continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Tesla

Robot umanoide di Tesla: il probabile lancio nel 2022

PayPal

PayPal lancia il suo servizio di criptovaluta in UK

Realme Book

Realme Book in arrivo il 18 agosto con CPU Intel

Polizia di Stato

1518: Come ottenere informazioni sulla viabilità stradale

Tu cosa ne pensi di questa scoperta? Sei rimasto sorpreso dal fatto che si sia vista della luce da dietro ad un buco nero? Dicci la tua qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
1+