Lipidi del sangue

Lipidi del sangue predicono danni ai nervi nel DT2 

Una squadra di studiosi della Michigan Medicine ha svelato che più lipidi nel sangue sono collegati allo sviluppo della neuropatia nei pazienti con diabete di tipo 2. I risultati della ricerca sono stati pubblicati negli Annals of Clinical and Translational Neurology

Uno studio della Michigan Medicine ha svelato che più lipidi del sangue sono collegati allo sviluppo della neuropatia nei pazienti con diabete di tipo 2. Dei 37 milioni di americani con diabete, fino al 50% può finire con danni ai nervi o neuropatia diabetica, che possono essere dolorosi e invalidanti. Mentre alcuni farmaci possono ridurre il dolore, gli scienziati continuano a cercare i fattori che inducono i pazienti a sviluppare la neuropatia diabetica, per identificare i modi per ridurre il rischio di sintomi dannosi.

Lipidi del sangue

I risultati della ricerca sono stati pubblicati
negli Annals of Clinical and Translational Neurology.

Lipidi del sangue: ecco perché sono rilevanti nei pazienti con diagnosi di diabete di tipo 2

I ricercatori hanno esaminato campioni di siero di quasi 70 membri della comunità indiana del fiume Gila con diabete di tipo 2 che sono stati testati per la neuropatia 10 anni dopo. Hanno analizzato 435 diverse specie di lipidi nel sangue, che sono composti organici composti da grassi e oli. partecipanti con punteggi elevati per la neuropatia diabetica avevano cambiamenti nei lipidi che riflettevano un metabolismo energetico alterato.

Lipidi del sangue

“Abbiamo il potenziale per testare questi biomarcatori lipidici nei pazienti con diabete di tipo 2 per identificare quelli con il più alto rischio di sviluppare neuropatia periferica e facilitare una gestione più mirata di quei pazienti”, ha affermato l’autrice senior Eva L. Feldman, MD, Ph. D., James W. Albers Distinguished Professor presso UM e Russell N. DeJong Professor of Neurology e direttore del NeuroNetwork for Emerging Therapies presso Michigan Medicine.

Sebbene ci fossero differenze tra i profili lipidici di base dei partecipanti con e senza neuropatia, i ricercatori hanno trovato un modello nei lipidi del sangue 10 anni prima che una persona sviluppasse neuropatia che mostrava una disfunzione di segnalazione in un percorso critico chiamato b-ossidazione. Questo percorso converte i lipidi del sangue in fonti di energia nervosa e, se danneggiati, i nervi affamati di energia subiscono danni, portando alla neuropatia.

” Man mano che impariamo di più sulla relazione tra le specie lipidiche sieriche e la neuropatia, si aprirà la possibilità di un trattamento terapeutico mirato, sia con farmaci che con interventi sullo stile di vita”, ha affermato Feldman. “I nostri risultati supportano il concetto che i grassi sani insaturi sono una migliore fonte di energia per i nervi rispetto ai grassi altamente saturi. Raccomandiamo vivamente una dieta di tipo mediterraneo per mantenere un sistema nervoso sano”.

Feldman sostiene anche l’esercizio, che aumenta l’efficienza del percorso di b-ossidazione. “Impegnarsi in una dieta sana e in un programma di esercizio fisico è la chiave per prevenire la neuropatia”, ha spiegato l’esperta.

È importante capire esattamente cosa sono i lipidi nel sangue. Sia il colesterolo che i trigliceridi nel sangue sono chiamati lipidi. Quando i livelli di lipidi nel sangue sono elevati, si parla di dislipidemia.

Il colesterolo è una sostanza cerosa simile al grasso che si trova nei tessuti degli esseri umani e di altri animali. Svolge ruoli importanti nel corpo. I nostri fegati producono tutto il colesterolo di cui abbiamo bisogno per queste importanti funzioni. Riceviamo anche il colesterolo dagli alimenti animali che mangiamo come carne, pollame, uova e latticini. Livelli elevati di colesterolo nel sangue possono contribuire all’aterosclerosi o all’ostruzione delle arterie.

Lipidi del sangue

I trigliceridi o grassi nel sangue, sono i grassi che circolano attraverso il flusso sanguigno insieme al colesterolo. Il nostro organismo riceve i trigliceridi dal cibo (soprattutto carne e oli vegetali) e produce anche trigliceridi da solo. Come con il colesterolo, hai bisogno della giusta quantità di trigliceridi. Alti livelli di trigliceridi aumentano il rischio di malattie del cuore e dei vasi sanguigni.

Il colesterolo e i trigliceridi sono entrambi lipidi del sangue, ma hanno forme molto diverse. Il colesterolo è costituito da anelli collegati di atomi di carbonio ed è anche chiamato “sterolo”. I trigliceridi sono catene di carbonio chiamate “acidi grassi”, attaccate a un’estremità a una spina dorsale di carbonio. Sappiamo tutti che l’olio non si mescola con l’acqua! I nostri lipidi del sangue sono proprio come il petrolio. Per circolare nel sangue acquoso, questi lipidi (colesterolo e trigliceridi) sono confezionati insieme alle proteine. Questi pacchetti sono chiamati lipoproteine.

Quando un individuo riceve una diagnosi di diabete diabete, dovrebbe sottoporsi a un controllo dei lipidi del sangue una volta all’anno o come consigliato dal medico. Questi sono test di “digiuno”. Ciò significa che il soggetto in questione deve prelevare il sangue solo dopo aver digiunato per almeno 9-12 ore. Un pannello lipidico nel sangue aiuta a rilevare la dislipidemia.

Il pannello lipidico del sangue comprende 4 categorie principali di pacchetti lipidici (lipoproteine): colesterolo totale (TC), lipoproteine ​​​​a bassa densità (LDL), lipoproteine ​​​​ad alta densità (HDL) e trigliceridi (TG). Quando gli operatori sanitari esaminano i risultati di un esame del sangue, vogliono vedere un livello di colesterolo totale di 200 mg/dl o meno . Il colesterolo totale è la somma del colesterolo contenuto nelle particelle di LDL, HDL e trigliceridi.

Per le LDL, o lipoproteine ​​a bassa densità , una lettura salutare per una persona con diabete è di 100 mg/dl o meno . Se si soffre di diabete e malattie cardiache, il numero desiderato è 70 mg/dl o meno . L’LDL è spesso chiamato “colesterolo cattivo”, perché trasporta il colesterolo alle cellule. E il colesterolo di questa particella può depositarsi nelle pareti dei vasi sanguigni, causando l’aterosclerosi.

Per le HDL, o lipoproteine ​​ad alta densità , una lettura salutare per le donne è di 55 mg/dl o più. Per gli uomini, è di 45 mg/dl o più. L’HDL è considerato il “colesterolo buono”, perché è come un netturbino: questa particella raccoglie il colesterolo dai vasi sanguigni e da altri luoghi e lo riporta al fegato per lo smaltimento.
Lipidi del sangue
Per i trigliceridi , una lettura salutare è 150 mg/dl o meno. Le particelle di sangue dei trigliceridi trasportano i trigliceridi in tutto il corpo: dall’intestino al fegato, dal fegato al grasso e ad altre cellule, al grasso e ad altre cellule al fegato. Una piccola quantità della particella del sangue dei trigliceridi (circa 1/5 della particella del sangue dei trigliceridi) è in realtà colesterolo. Quindi, quando i trigliceridi salgono, aumenta anche il colesterolo totale e viceversa: quando i trigliceridi sono più bassi, il colesterolo totale è più basso.

Giorgio Sesti, diabetologo, docente di medicina interna presso l’università La Sapienza di Roma, ha dichiarato: “Il diabete di tipo 2 è tanto diffuso da venire considerato come una epidemia “sommersa”. Si tratta in primo luogo di una malattia legata all’età, e con l’invecchiamento della popolazione aumenta anche la proporzione di soggetti diabetici. Inoltre il diabete è una patologia fortemente legata allo stile di vita, alla scarsa attività motoria e all’alimentazione scorretta. Il cambiamento verso una alimentazione di tipo occidentale, ricca di zuccheri semplici e grassi animali, insieme alla sedentarietà, hanno comportato l’aumento del rischio di obesità e sovrappeso, che ha determinato l’aumento della prevalenza di diabete”.

“Per esempio in India e in Cina, dove l’alimentazione è cambiata, e anche nei paesi del mondo arabo si è visto un incremento esponenziale dello sviluppo del diabete. Globalmente oltre al bacino del Mediterraneo, la prevalenza della malattia è elevata anche in alcune aree degli Stati Uniti e del Messico. Pensando all’Italia, le aree con il più alto sviluppo di diabete sono il meridione, nelle regioni di Calabria e Basilicata”.

“L’aumentata urbanizzazione ha comportato il passaggio da una vita rurale, caratterizzata da distanze da coprire prevalentemente a piedi, alla vita nelle grande città dove ci si muove con mezzi di locomozione, con un evidente impatto sull’attività fisica. Inoltre è nei grandi agglomerati urbani che si verificano cambiamenti del tipo di alimentazione, con prevalenza di cibi precotti rispetto a quelli cucinati, magari poco costosi ma ricchi di calorie e grassi. Infine l’urbanizzazione comporta anche l’esposizione a condizioni ambientali specifiche, come per esempio l’inquinamento”.

“Sul suo legame con il diabete sono state formulate varie ipotesi; secondo una di queste l’inquinamento sarebbe associato a danni cellulari che possono provocare una ridotta funzione del pancreas. Un’altra ipotesi teorizza l’esistenza di contaminanti ambientali che possono rilasciare sostanze che interferiscono con l’insulina. Finora non è stata individuata una causa precisa, ma vi sono degli studi in corso”.

“Gli individui con familiarità per la malattia, gli obesi, gli ipertesi, chi presenta bassi livelli di colesterolo HDL ed elevati livelli di trigliceridi, e le donne che hanno sofferto di diabete gestazionale.
Ma è una malattia silenziosa che dà segni di sé solo in fase avanzata. Secondo studi di popolazione, condotti in alcuni piccoli comuni italiani come Brunico e Casale Monferrato, in Italia circa un milione di persone non sa di avere il diabete. Le società scientifiche raccomandano di eseguire un test per la glicemia a digiuno, periodicamente, a partire dai 45 anni di età. Un esame molto economico e semplice al quale almeno per le persone a rischio dovrebbero sottoporsi”.

“Esiste una stretta correlazione tra durata di malattia, valori della glicemia e complicanze vascolari a livello di occhio e rene, e neuropatiche. Per quanto riguarda le complicanze cardio-vascolari è diverso, in quanto la glicemia non è la principale responsabile dell’aterosclerosi; contano altri fattori associati alla malattia, come ipertensione e ipercolesterolemia”.

“Il prediabete è definito da livelli di glicemia compresi tra 100 e 125 mg/dl. Chi si trova in questa condizione presenta un rischio di sviluppare la malattia 45 volte superiore rispetto a chi ha valori glicemici nella norma. Proprio in questi soggetti, tuttavia, gli interventi sullo stile di vita sono più efficaci: è dimostrato che svolgere 150 minuti di attività motoria alla settimana, ridurre il peso e seguire una dieta povera di zuccheri semplici e grassi riduce il rischio di sviluppare il diabete. È sufficiente diminuire l’introito calorico quotidiano di 500 calorie e aumentare l’apporto di fibre, che contrasta l’aumento della glicemia anche in presenza di zuccheri”.

Cosa ne pensi dei risultati di questa ricerca? Ne parlerai col tuo diabetologo? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI