LayV

LayV: il nuovo virus che spaventa come il SARS-Cov-2

Un recente studio avrebbe fatto chiarezza su LayV, il nuovo virus che attualmente si sta diffondendo in Cina

All’inizio di questo mese, è stata diffusa la notizia che un virus mai visto prima, il Langya henipavirus (LayV), aveva infettato dozzine di persone in Cina e comprensibilmente questo ha scatenato uno spiacevole déjà vu per molti, ed ovviamente la domanda che ci viene subito da porci: quanto c’è da preoccuparsi?

Secondo gli esperti: non molto, almeno non per ora, tuttavia l’epidemia dovrebbe servire come un altro esempio del fatto che le malattie zoonotiche che passano dagli animali agli esseri umani saranno probabilmente ancora più comuni negli anni a venire.

LayV

“Non c’è bisogno di preoccuparsi in particolare di questo virus al momento, anche se la sorveglianza continua è importante”

ha commentato il professor Edward Holmes del Sydney Infectious Diseases Institute dell’Università di Sydney, ma cosa sappiamo fino ad ora di questo nuovo virus?

Fino ad oggi, almeno 35 persone sono state infettate da LayV nelle province cinesi di Shandong e Henan dal 2019, secondo un rapporto del New England Journal Of Medicine pubblicato il 4 agosto, e la maggior parte dei casi riguardava agricoltori, sebbene un piccolo numero fosse rappresentato da operai, con i ricercatori che hanno anche scoperto prove del virus nei toporagni selvatici, suggerendo che questo sia il suo serbatoio naturale.

La seconda cosa che viene spontaneo domandarsi, è quanto questo virus sia grave, e fortunatamente, anche in questo caso, non sembrerebbe esserlo troppo, a quanto pare.

La febbre è stato il sintomo più comunemente segnalato, che è stato sperimentato da ogni persona infetta, inoltre sono stati ampiamente segnalati anche altri sintomi lievi come stanchezza, tosse, vomito, nausea e mal di testa. Un numero piccolo ma significativo ha sperimentato una compromissione della funzionalità epatica e renale, nonché bassi livelli di piastrine o globuli bianchi.

Tuttavia, non è chiaro quanto fossero gravi queste complicazioni e se le persone avessero richiesto il ricovero in ospedale, ma fortunatamente sembra che finora non ci siano stati morti.

LayV

Quanto è contagioso il LayV?

Allo stato attuale, non ci sono prove di trasmissione da persona a persona. I ricercatori hanno effettuato il tracciamento dei contatti di nove pazienti con 15 contatti stretti e non hanno trovato prove della trasmissione del virus ad altre persone, tuttavia hanno affermato che il loro campione era troppo piccolo per escludere completamente la possibilità di trasmissione da uomo a uomo.

Inoltre, 35 infezioni in tre anni non sono un numero enorme di persone, anche se dovremmo prendere queste statistiche con un pizzico di sale poiché è probabile che i casi attualmente segnalati siano la punta dell’iceberg.

“Siamo ancora all’inizio, ma ci sono alcuni segnali rassicuranti, vale a dire che non ci sono stati decessi o molte malattie gravi da esso, che non sembrano esserci stati molti casi e che la trasmissione da persona a persona non è stata trovata, a differenza del vaiolo delle scimmie e del COVID-19″

ha aggiunto Sanjaya Senanayake, specialista in malattie infettive e professore associato di medicina presso l’Australian National University.

La cosa più significativa di questo virus è che abbiamo già visto qualcosa di simile prima d’ora, infatti il LayV è un henipavirus, lo stesso genere che contiene il virus Hendra – un virus trasmesso dai pipistrelli che infetta i cavalli e gli esseri umani, identificato per la prima volta in Australia – e il virus Nipah – un altro virus zoonotico trovato in Asia.

I virus Hendra e Nipah sembrano essere più pericolosi di LayV, almeno in termini di tasso di mortalità, ma è troppo presto per saperlo con certezza.

LayV

Il nuovo virus è anche strettamente correlato a un altro henipavirus chiamato virus Mòjiāng, che potrebbe aver infettato sei minatori, uccidendone tre, nella contea autonoma cinese di Mòjiāng Hani nel giugno 2012.

Tutto ciò quindi cosa vuol dire? Che situazioni pari a quella del Covid-19 saranno sempre più frequenti? È ampiamente notato che il “rapporto interrotto” dell’umanità con la natura sta creando una tempesta perfetta per lo scoppio di future pandemie. Attraverso l’urbanizzazione, la deforestazione e la conversione su larga scala della terra per l’agricoltura, stiamo invadendo l’ambiente naturale più che mai, aumentando il rischio che una malattia zoonotica colpisca l’uomo.

Sembra che LayV sia solo un altro promemoria del fatto che l’umanità sta giocando con il fuoco.

“Questo gruppo di virus rappresenta una minaccia costante e reale per l’uomo e il bestiame, e virus come LayV devono essere monitorati attentamente”

ha osservato il dottor Nick Fountain-Jones, ricercatore associato presso l’Università della Tasmania, il quale ha poi in seguito aggiunto:

“Purtroppo, solo perché stiamo ancora vivendo la pandemia di SARS-CoV-2 non significa che un altro non sia dietro l’angolo”.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

La paura di riavere una situazione pari a quella del Covid-19 c’è, ma secondo te come sarebbe il modo ideale per affrontare il LayV e una possibile sua diffusione globale? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI