Istotripsia: distrugge dal 50% al 80% i tumori che poi non tornano

Un team di scienziati l'Università del Michigan, guidati dal Professore di ingegneria biomedica Zhen Xu ha sviluppato una terapia capace di abbattere dal 50% all'80% della massa tumorale, distruggendola e facendo in modo che non si ripresentasse più. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cancers

Un trattamento chiamato istotripsia sfrutta le onde ultrasoniche puntandole in modo non invasivo contro una massa tumorale e distrugge parzialmente il cancro che successivamente non si ripresenterà.

Istotripsia
Il trasduttore ad ultrasuoni per istotripsia a 700 kHz, 260 elementi utilizzato nel laboratorio del Prof. Xu. Credito: Marcin Szczepanski, Ingegneria del Michigan

Questo accade perché oltre a sopprimere le cellule cancerose, l’istotripsia stimola il sistema immunitario a prevenire un’ulteriore diffusione della neoplasia: un passo avanti veramente significativo che potrebbe condurre verso risultati performanti nella cura dei tumori.

La tecnologia del suono non invasiva è stata sviluppata presso l’Università del Michigan, capitanata dal Professore di ingegneria biomedica Zhen Xu. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cancers.

Istotripsia: una nuova significativa speranza nella lotta contro i tumori

Anche se non prendiamo di mira l’intero tumore, possiamo comunque causare la regressione del tumore e anche ridurre il rischio di future metastasi”, ha affermato Zhen Xu, professore di ingegneria biomedica presso UM.

istotripsia

L’istotripsia infatti ha abbattuto dal 50% al 75% del volume del tumore al fegato in un esperimento con le cavie: il sistema immunitario dei ratti è stato successivamente in grado di eliminare il resto, senza evidenza di recidiva o metastasi in oltre l’80% degli animali.

I risultati hanno anche mostrato che il trattamento ha stimolato le risposte immunitarie dei ratti, forse contribuendo all’eventuale regressione della porzione non mirata del tumore e prevenendo un’ulteriore diffusione del cancro. La tecnica relativamente nuova è attualmente utilizzata in una sperimentazione sul cancro del fegato umano negli Stati Uniti e in Europa.

In diverse situazioni cliniche, l’intera massa tumorale non può essere presa di mira direttamente nei trattamenti per ragioni che includono la dimensione, la posizione o lo stadio della massa. Per studiare gli effetti della distruzione parziale dei tumori con il suono, questo ultimo studio ha preso di mira solo una parte di ciascuna massa, lasciando dietro di sé un tumore intatto vitale. Ha inoltre consentito al team, compresi i ricercatori della Michigan Medicine e dell’Ann Arbor VA Hospital, di mostrare l’efficacia dell’approccio in condizioni non ottimali.

L’istotripsia è un’opzione promettente che può superare i limiti delle modalità di ablazione attualmente disponibili e fornire un’ablazione non invasiva del tumore al fegato sicura ed efficace“, ha affermato Tejaswi Worlikar, uno studente di dottorato in ingegneria biomedica: “Ci auguriamo che ciò che abbiamo appreso da questo studio motiverà le future indagini precliniche e cliniche sull’istotripsia verso l’obiettivo finale dell’adozione clinica del trattamento dell’istotripsia per i pazienti con cancro del fegato”.

istotripsia

Il cancro al fegato è tra le prime 10 cause di decessi per cancro nel mondo e negli Stati Uniti. Nonostante i diversi trattamenti a disposizione, la prognosi rimane infausta con tassi di sopravvivenza a cinque anni inferiori al 18% negli Stati Uniti. L’elevata prevalenza di recidiva del tumore e metastasi dopo la terapia iniziale evidenzia la necessità clinica di migliorare gli esiti del cancro al fegato.

Laddove un tipico ultrasuono sfrutta le onde sonore per produrre immagini dell’interno del corpo, gli ingegneri della messaggistica unificata hanno aperto la strada all’uso di tali onde per il trattamento. E la loro tecnica funziona senza gli effetti collaterali dannosi degli approcci attuali come le radiazioni e la chemioterapia.

Il nostro trasduttore, progettato e costruito presso la messaggistica unificata, fornisce impulsi ultrasonici di alta ampiezza di microsecondi, cavitazione acustica, per concentrarsi sul tumore in modo specifico per romperlo“, ha affermato Xu. “I dispositivi a ultrasuoni tradizionali utilizzano impulsi di ampiezza inferiore per l’imaging”.

Gli impulsi lunghi di microsecondi provenienti dal trasduttore di UM generano microbolle all’interno dei tessuti presi di mira, bolle che si espandono e collassano rapidamente. Questi stress meccanici violenti ma estremamente localizzati uccidono le cellule tumorali e distruggono la struttura del tumore.

istotripsia

Dal 2001, il laboratorio di Xu presso UM ha aperto la strada all’uso dell’istotripsia nella lotta contro il cancro, portando alla sperimentazione clinica #HOPE4LIVER sponsorizzata da HistoSonics, una società spin-off di UM. Più recentemente, la ricerca del gruppo ha prodotto risultati promettenti sul trattamento dell’istotripsia della terapia cerebrale e dell’immunoterapia.

Il cancro al fegato è il 6° tumore più diffuso al mondo ed è il 5° tumore più comune negli uomini e il 9° tumore più comune nelle donne. Solo nel 2020 ci sono stati più di 900.000 nuovi casi di cancro al fegato. È stato dimostrato che i seguenti fattori sono associati a un aumento del rischio di cancro al fegato: cirrosi, epatite virale cronica, infestazione da trematodi epatici, uso a lungo termine di contraccettivi orali contenenti alte dosi di estrogeni e progesterone e fumo.

I pazienti con cirrosi (cicatrici del fegato dovute a precedenti danni) hanno il rischio più elevato di sviluppare carcinoma epatocellulare: circa il 90-95% delle persone che sviluppano carcinoma epatocellulare ha una cirrosi sottostante. Quindi è probabile che qualsiasi causa di cirrosi, virale o chimica, aumenti il ​​rischio di cancro. Il fegato è anche un sito comune di metastasi di tumori originati da altri organi.

Eri a conoscenza dell’istotripsia? È un trattamento terapeutico che ti ispira fiducia? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Andrea

Viva la scienza.

1
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI