Invecchiamento accelerato

Invecchiamento accelerato dopo aver contratto l’HIV

Un nuovo studio portato avanti da un team di ricerca dell'UCLA ha cercato di stabilire se l'infezione da HIV sia responsabile di un invecchiamento accelerato. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica iScience

Secondo una nuova ricerca sviluppata daigli scienziati dell’UCLA, l’HIV porta ad un invecchiamento accelerato del corpo, subito dopo aver contratto l’infezione. Il virus infatti accelera i cambiamenti biologici nel corpo associati al normale invecchiamento entro soli due o tre anni dall’infezione. Gli esiti dello studio suggeriscono che l’infezione da HIV può ridurre di quasi cinque anni la durata della vita di un individuo rispetto a una persona non infetta.

Invecchiamento accelerato
Le persone con infezione da HIV hanno mostrato una significativa accelerazione dell’età in quattro misurazioni epigenetiche dell'”orologio”, che vanno da 1,9 a 4,8 anni, un’accelerazione che non è stata osservata nelle persone non infette. (Immagine: una cellula immunitaria infetta da HIV.). Credito: Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID)

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica iScience.

Invecchiamento accelerato e infezione da HIV: ecco che cosa dice lo studio.

Il nostro lavoro dimostra che anche nei primi mesi e anni di convivenza con l’HIV, il virus ha già messo in moto un processo di invecchiamento accelerato a livello del DNA“, ha affermato l’autrice principale Elizabeth Crabb Breen, Professoressa Emerita presso il Cousins ​​Center for Psychoneuroimmunology dell’UCLA, e il Professore associato aggiunto di psichiatria e scienze biocomportamentali presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA: “Ciò sottolinea l’importanza fondamentale della diagnosi precoce dell’HIV e la consapevolezza dei problemi legati all’invecchiamento, nonché il valore della prevenzione dell’infezione da HIV in primo luogo”.

Invecchiamento accelerato

Precedenti lavori hanno rivelato che l’HIV e le terapie antiretrovirali comunemente utilizzate per tenere sotto controllo l’infezione sono associate a un esordio precoce di condizioni legate all’età tipicamente associate all’invecchiamento accelerato, come malattie cardiache e renali, fragilità e difficoltà cognitive.

Gli scienziati hanno studiato attentamente i campioni di sangue di 100 uomini raccolti sei mesi o meno prima che venissero infettati dall’HIV e di nuovo due o tre anni dopo l’infezione. Li hanno confrontati con campioni corrispondenti di 100 uomini non infetti della stessa età prelevati nello stesso periodo di tempo. Tutti hanno partecipato al Multicenter AIDS Cohort Study, uno studio nazionale di 35 anni che si è svolto dal 1984 al 2019. I ricercatori hanno dichiarato che si tratta della prima ricerca che confronta persone infette e non infette in questo modo.

I ricercatori si sono concentrati su come l’HIV influenza la metilazione epigenetica del DNA, un processo utilizzato dalle cellule per attivare o disattivare i geni nel corso dei normali cambiamenti fisiologici. I cambiamenti epigenetici sono quelli effettuati in risposta all’influenza dell’ambiente, dei comportamenti delle persone o di altri fattori esterni, come le malattie, che influenzano il comportamento dei geni senza modificare i geni stessi.

Gli scienziati hanno studiato attentamente cinque misure epigenetiche dell’invecchiamento. Quattro di loro sono quelli che sono noti come “orologi” epigenetici, ognuno dei quali utilizza un approccio leggermente diverso per stimare l’accelerazione dell’età biologica in anni, rispetto all’età cronologica. La quinta misura ha valutato la lunghezza dei telomeri, le estremità protettive dei cromosomi a forma di cappuccio che si accorciano progressivamente con l’età man mano che le cellule si dividono, fino a diventare così corte che la divisione non è più possibile.

Invecchiamento accelerato

Gli individui con infezione da HIV hanno mostrato una significativa accelerazione dell’età in ciascuna delle quattro misurazioni dell’orologio epigenetico, che vanno da 1,9 a 4,8 anni, nonché un accorciamento dei telomeri nel periodo che inizia appena prima dell’infezione e termina da due a tre anni dopo, in assenza di trattamento antiretrovirale. Una simile accelerazione dell’età non è stata osservata nei partecipanti non infetti nello stesso intervallo di tempo.

Il nostro accesso a campioni rari e ben caratterizzati ci ha permesso di progettare questo studio in un modo che lasci pochi dubbi sul ruolo dell’HIV nel suscitare le tracce biologiche dell’invecchiamento accelerato“, ha affermato l’autrice senior Beth Jamieson, Professoressa nella divisione di ematologia e oncologia presso la Geffen School: “Il nostro obiettivo a lungo termine è determinare se possiamo utilizzare una di queste tracce per prevedere se un individuo è a maggior rischio di specifici esiti di malattie legate all’invecchiamento, esponendo così nuovi bersagli per interventi terapeutici”.

È giusto specificare che i ricercatori stessi hanno notato alcune limitazioni allo studio: sono stati coinvolti solo uomini, quindi i risultati potrebbero non essere applicabili alle donne; il numero di partecipanti non bianchi era piccolo; la dimensione del campione era insufficiente per prendere in considerazione gli effetti successivi della terapia antiretrovirale altamente attiva o per prevedere i risultati clinici.

Altre ricerche hann o dimostrato che la terapia antiretrovirale somministrata per oltre due anni non è stata in grado di ripristinare completamente i modelli epigenetici appropriati all’età, lasciando i pazienti più suscettibili alle malattie legate all’invecchiamento accelerato.

Invecchiamento accelerato

Per poter arrivare a questa conclusione, ricercatori hanno esaminato il DNA da 15 persone con infezione da HIV in tre momenti: da 6 a 12 mesi prima dell’inizio della terapia antiretrovirale, da 6 a 12 mesi dopo l’inizio della terapia e, ancora, da 18 a 24 mesi dopo essere stati messi sul terapia. il team di ricerca ha successivamente confrontato quei campioni con il DNA di 15 individui della stessa età, non infetti da HIV.

I risultati così ottenute suggeriscono che l’epigenetica alterata può aiutare a spiegare perché anche gli adulti con infezione da HIV trattati con successo corrono un rischio maggiore per lo sviluppo precoce di molte malattie più comunemente associate all’invecchiamento accelerato.

Cosa ne pensi dell’invecchiamento accelerato causato dall’infezione da HIV? Pensi che siano necessarie altre ricerche? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI