Intelligenza emotiva: cos’è?

Quando si parla di abilità nel gestire la vita e gli imprevisti legati ad essa, si misura la capacità di un individuo attraverso il Quoziente Intellettivo. Nuovi studi dimostrano invece che si tratta di un concetto troppo limitato e che bisogna incoraggiare le persone a rafforzare il quoziente emotivo

Molto spesso, quando si vogliono indicare le abilità di un individuo, si fa riferimento al suo Q.I. ( quoziente intellettivo) come unica risorsa che può spiegare il suo agire nel mondo. Tuttavia molti studiosi reputano queste considerazioni oltre che pericolose, incomplete perché da diversi anni si sta dando rilievo ad un’altra abilità, ovvero l’intelligenza emotiva (E.I.) che indica capacità di percepire, controllare e valutare le emozioni.

Intelligenza emotiva

Intelligenza emotiva: quanto è importante stimolarla?

Sin da bambini, molti giochi sono studiati per stimolare il quoziente intellettivo, attraverso i cosiddetti giochi intelligenti che misurano e rafforzano il Q.I. Alcuni scienziati ritengono che si possa fare altrettanto con l’intelligenza emotiva.

Intelligenza emotiva

Ma perché è importante rafforzare l’E.I. ? La capacità di esprimere e controllare le emozioni è essenziale, ma lo è anche la capacità di comprendere, interpretare e rispondere alle emozioni degli altri. Un mondo dove non si riescono a decodificare gli stati d’animo altrui e le sue emozioni come gioia, tristezza, tranquillità, rabbia, sarebbe un mondo complicato da gestire.

Per questa ragione, gli psicologi si riferiscono alla capacità di saper tradurre le emozioni altrui come intelligenza emotiva e alcuni esperti suggeriscono persino che può essere più importante del Q.I. nonostante diversi specialisti ritengano che le misure standard dell’intelligenza (cioè i punteggi del QI) siano troppo ristrette e non comprendano l’intera gamma dell’intelligenza umana.

Lo psicologo Howard Gardner, ad esempio, ha suggerito che l’intelligenza non è semplicemente una singola abilità generale. L’esperto infatti suggerisce che in realtà ci sono più intelligenze e che le persone possono avere punti di forza in un certo numero di queste aree. Invece di concentrarsi su un singolo concetto di intelligenza generale, solitamente indicata come fattore g, alcuni esperti ritengono che la capacità di comprendere ed esprimere le emozioni possa svolgere un ruolo uguale, se non più importante, nel modo in cui le persone riescano a gestire con successo o meno la propria vita.

Esistono diverse valutazioni per misurare i livelli di intelligenza emotiva. Questi test generalmente sono di due tipi: test di autovalutazione e test di abilità.

I test di autovalutazione. sono i più comuni perché sono i più facili da amministrare e da valutare. In tali test, gli intervistati rispondono a domande o affermazioni valutando i propri comportamenti. Ad esempio, su un’affermazione come “Spesso sento di capire come si sentono gli altri”, un candidato potrebbe descrivere l’affermazione come in disaccordo, in qualche modo in disaccordo, d’accordo o fortemente d’accordo.

Intelligenza emotiva

I test di abilità. Implicano che le persone rispondano alle situazioni e quindi valutino le loro abilità. Tali test spesso richiedono alle persone di dimostrare le proprie capacità, che vengono poi valutate da una terza parte.

Se si ha intenzione di fare un test di intelligenza emotiva somministrato da un professionista della salute mentale, ecco due misure che potrebbero essere utilizzate:

Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test (MSCEIT). Un test basato sulle abilità che misura i quattro rami del modello EI di Mayer e Salovey. I partecipanti al test svolgono compiti progettati per valutare la loro capacità di percepire, identificare, comprendere e gestire le emozioni.

L’inventario delle competenze emotive e sociali (ESCI). si basa su uno strumento più vecchio noto come questionario di autovalutazione e prevede che persone che conoscono l’individuo offrano valutazioni delle capacità di quella persona in diverse competenze emotive. Il test è progettato per valutare le capacità sociali ed emotive che aiutano a distinguere le persone come leader forti.

Diverse ricerche hanno suggerito che di possono identificare ben quattro diversi livelli di intelligenza emotiva tra cui la percezione emotiva, la capacità di ragionare usando le emozioni, la capacità di comprendere le emozioni e la capacità di gestire le emozioni.

Intelligenza emotiva

  • Percepire le emozioni: il primo passo per comprendere le emozioni è percepirle accuratamente. In molti casi, ciò potrebbe comportare la comprensione di segnali non verbali come il linguaggio del corpo e le espressioni facciali.
  • Ragionare con le emozioni: il passo successivo consiste nell’usare le emozioni per promuovere il pensiero e l’attività cognitiva. Le emozioni aiutano a dare priorità a ciò a cui prestiamo attenzione e a cui reagiamo; rispondiamo emotivamente alle cose che attirano la nostra attenzione.
  • Comprendere le emozioni: le emozioni che percepiamo possono avere un’ampia varietà di significati. Se qualcuno sta esprimendo emozioni arrabbiate, l’osservatore deve interpretare la causa della rabbia della persona e cosa potrebbe significare. Ad esempio, se il tuo capo si comporta in modo arrabbiato, potrebbe significare che non è soddisfatto del tuo lavoro, o potrebbe essere perché ha ricevuto una multa per eccesso di velocità mentre andava al lavoro quella mattina o perché ha litigato con il suo partner.
  • Gestire le emozioni: la capacità di gestire le emozioni in modo efficace è una parte cruciale dell’intelligenza emotiva e del più alto livello. Regolare le emozioni e rispondere in modo appropriato così come rispondere alle emozioni degli altri sono tutti aspetti importanti della gestione emotiva.

Intelligenza emotiva

I quattro rami di questo modello sono organizzati per complessità con i processi più basilari ai livelli inferiori e i processi più avanzati ai livelli superiori. Ad esempio, i livelli più bassi implicano la percezione e l’espressione delle emozioni, mentre i livelli più alti richiedono un maggiore coinvolgimento cosciente e implicano la regolazione delle emozioni.

L’interesse per l’insegnamento e l’apprendimento dell’intelligenza sociale ed emotiva è cresciuto negli ultimi anni. I programmi di apprendimento sociale ed emotivo (SEL) sono diventati una parte standard del curriculum di molte scuole.

L’obiettivo di queste iniziative non è solo quello di migliorare la salute e il benessere, ma anche di aiutare gli studenti ad avere successo accademico e prevenire il bullismoCi sono molti esempi di come l’intelligenza emotiva possa svolgere un ruolo nella vita quotidiana.

Le persone emotivamente intelligenti sanno che le emozioni possono essere potenti, ma anche temporanee. Quando si verifica un evento emotivo altamente carico, come arrabbiarsi con un collega, la risposta emotivamente intelligente sarebbe quella di impiegare del tempo prima di rispondere. Ciò consente a tutti di calmare le proprie emozioni e pensare in modo più razionale a tutti i fattori che circondano l’argomento.

Le persone emotivamente intelligenti non solo sono brave a pensare a come potrebbero sentirsi le altre persone, ma sono anche abili nel comprendere i propri sentimenti. L’autoconsapevolezza permette alle persone di considerare i diversi e sfaccettati fattori che contribuiscono a dare vita alle loro emozioni.

Intelligenza emotiva

L’intelligenza emotiva è essenziale per una buona comunicazione interpersonale. Alcuni esperti ritengono che questa capacità sia più importante nel determinare il successo nella vita del solo QI.

Avevi già sentito parlare di intelligenza emotiva? Sei d’accordo con l’affermazione che sia più importante del quoziente intellettivo? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Orietta Matteucci

Salve e complimenti per questo articolo interessante e ben documentato… e anche per l’altro “societa-cosa-serve-per-migliorare”! sono la presidente dell’Organizzazione Di Volontariato ODV Bambino Oggi…Uomo Domani e il mio “hobby” preferito è quello di realizzare la Missione che ci siamo posti, cioè di dare un contributo a informare e promuovere comportamenti etici e trasmettere le competenze utili ad affrontare e padroneggiare le normali, inevitabili crisi della vita. L’OMS nel 1993, ben 29 anni fa, ha diramato nel Mondo, in tal senso, il Documento WHO’93 indicando anche il nucleo delle abilità emotive, sociali e cognitive chiave per la vita e necessarie per… Leggi il resto »

1
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI