Inquinamento atmosferico

Inquinamento atmosferico: danni su 10 milioni di bambini

L"inquinamento è ormai una piaga che cerchiamo di combattere il più possibile da molti anni, tuttavia un recente studio ha dimostrato che questo ha influenze anche sui bambini, ancor prima che nascano

Naviga tra i contenuti

Un nuovo studio pubblicato martedì dall’Università della California a San Francisco, e dall’Università di Washington, ha scoperto che l’inquinamento atmosferico ha probabilmente causato la nascita prematura e sotto un peso sano di milioni di bambini nel 2019.

I bambini nati con basso peso alla nascita o prematuramente hanno significativi svantaggi per la salute, inclusi tassi più elevati di malattie gravi nel corso della loro vita.

Inquinamento atmosferico

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che circa il 90% della popolazione mondiale vive con l’inquinamento dell’aria esterna e il 50% della popolazione mondiale vive anche con l‘inquinamento dell’aria interna causato da incendi di legna, carbone e letame all’interno delle case.

Lo studio ha esaminato come l’inquinamento atmosferico ha influenzato più parti della gravidanza tra cui: la durata di quest’ultima, il peso alla nascita, il parto pretermine e la perdita di peso dopo la nascita.

Uno studio rivoluzionario dell’inquinamento atmosferico

Questo studio è particolarmente importante e di rilievo in quanto è il primo studio a includere l’inquinamento dell’aria interna, che ha rappresentato i due terzi degli effetti documentati.

Inquinamento atmosferico

Secondo lo studio, nel 2019, l’inquinamento atmosferico ha provocato quasi 6 milioni di nascite premature e 3 milioni di bambini sottopeso in tutto il mondo. E negli Stati Uniti, l’inquinamento atmosferico ha contribuito a circa 12.000 nascite premature.

Nel frattempo, nel sud-est asiatico e nell’Africa sub-sahariana, le nascite premature e il basso peso alla nascita potrebbero essere ridotti del 78% se l’inquinamento atmosferico fosse ridotto, secondo lo studio. Le due aree geografiche hanno sia un comune inquinamento dell’aria interna, dovuto ai fuochi d’artificio interni, sia alcuni dei più alti tassi di natalità prematura al mondo.

“L’onere attribuibile all’inquinamento atmosferico è enorme, ma con uno sforzo sufficiente potrebbe essere ampiamente mitigato”

ha affermato l’autore principale Rakesh Ghosh in un comunicato stampa. Ghosh è uno specialista in prevenzione e salute pubblica presso l’Institute for Global Health Sciences dell’UCSF.

Inquinamento atmosferico

In uno studio precedente, lo stesso team ha scoperto che l’inquinamento atmosferico ha contribuito direttamente alla morte di 500.000 neonati nel 2019.

“Con queste nuove prove globali e generate in modo più rigoroso, l’inquinamento atmosferico dovrebbe ora essere considerato un importante fattore di morbilità e mortalità infantile, non solo delle malattie croniche degli adulti.

Il nostro studio suggerisce che l’adozione di misure per mitigare i cambiamenti climatici e ridurre i livelli di inquinamento atmosferico avrà significativi benefici per la salute dei neonati.”

ha affermato Ghosh.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologia, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Cosa ne pensi di questo studio? Quali potrebbero essere altre conseguenze relative all’inquinamento di cui ancora non siamo a conoscenza? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI