Inosina

Inosina: la molecola che aiuta a bruciare i grassi 

Un team di ricerca dell'Università di Bonn ha identificato, in un recente studio, una molecola chiave che è in grado di bruciare i grassi. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature

Durante lo sviluppo di una nuova ricerca, un gruppo di studiosi dell’Università di Bonn ha identificato una molecola chiave chiamata inosina che è in grado di bruciare i grassi. “È noto che le cellule morenti rilasciano un mix di molecole messaggere che influenzano la funzione dei loro vicini“, ha dichiarato la Dottoressa Birte Niemann del gruppo di ricerca di Pfeifer. Insieme alla sua collega, la Dottoressa Saskia Haufs-Brusberg, ha pianificato e condotto gli esperimenti centrali dello studio: “Volevamo sapere se questo meccanismo esiste anche nel grasso bruno”.

Inosina
Adipociti umani bruni, lipidi colorati di rosso (colorazione di olio RedO). Crediti: Laia Reverte Salisa / Università di Bonn

Normalmente, le cellule adipose immagazzinano energia. Nelle cellule di grasso bruno, tuttavia, l’energia viene dissipata sotto forma di calore: il grasso bruno funge quindi da riscaldatore biologico. La maggior parte dei mammiferi possiede dunque questa dinamica. Nell’uomo tiene al caldo i neonati, negli adulti, l’attivazione del grasso bruno ha una correlazione positiva  con la salute cardio-metabolica.

Oggigiorno, tuttavia, siamo caldissimi anche in inverno”, ha dichiarato il Professor Dottor Alexander Pfeifer dell’Istituto di Farmacologia e Tossicologia dell’Università di Bonn: “Quindi le fornaci del nostro corpo non sono quasi più necessarie.”

Allo stesso tempo, stiamo seguendo una dieta sempre più ricca di energia e ci muoviamo anche molto meno dei nostri antenati. Questi tre fattori sono veleno per le cellule adipose brune: cessano gradualmente di funzionare e alla fine muoiono. D’altra parte, il numero di persone gravemente sovrappeso nel mondo continua ad aumentare: “I gruppi di ricerca in tutto il mondo sono quindi alla ricerca di sostanze che stimolino il grasso bruno e quindi aumentino la combustione dei grassi“, ha aggiunto Pfeifer.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature.

Inosina: ecco come funziona

Il team di ricerca ha osservato attentamente le cellule di grasso bruno soggette a un forte stress, in modo che le cellule stessero praticamente morendo: “Abbiamo scoperto che secernono l’inosina purinica in grandi quantità”, ha affermato Niemann. Più interessante, tuttavia, è stato il modo in cui le cellule di grasso bruno intatte hanno risposto alla richiesta di aiuto molecolare: sono state attivate dall’inosina (o semplicemente dalle cellule morenti nelle loro vicinanze).

Inosina

L’inosina ha alimentato così la fornace al loro interno. Anche i globuli bianchi si sono convertiti nei loro fratelli bruni. I topi alimentati con una dieta ricca di energia e trattati con inosina allo stesso tempo sono rimasti più magri rispetto agli animali di controllo e sono stati protetti dal diabete.

Il trasportatore dell’inosina sembra svolgere un ruolo importante in questo contesto: questa proteina nella membrana cellulare trasporta l’inosina nella cellula, abbassando così la concentrazione extracellulare. Pertanto, l’inosina non può più esercitare il suo effetto di promozione della combustione.

Esiste un farmaco che è stato progettato  per i disturbi della coagulazione, ma inibisce anche il trasportatore dell’inosina“, ha specificato Pfeifer, che è anche membro delle aree di ricerca transdisciplinare “Vita e salute” e “Futuro sostenibile” dell’Università di Bonn.

 “Abbiamo somministrato questo farmaco ai topi e, di conseguenza, hanno bruciato più energia”. Gli esseri umani hanno anche un trasportatore dell’inosina. Nel 2-4% di tutte le persone è meno attivo a causa di una variazione genetica: “I nostri colleghi dell’Università di Lipsia hanno analizzato geneticamente 900 individui”, ha spiegato Pfeifer: “Quei soggetti con il trasportatore meno attivo erano in media significativamente più magri”.

Inosina

I risultati della ricerca indicano che l’inosina regola anche la termogenesi nelle cellule di grasso beuno umano. Le sostanze che interferiscono con l’attività del trasportatore potrebbero quindi essere potenzialmente idonee al trattamento dell’obesità. Il farmaco già approvato per i disturbi della coagulazione potrebbe servire come punto di partenza.

 “Tuttavia, sono necessari ulteriori studi sull’uomo per chiarire il potenziale farmacologico di questo meccanismo“, ha osservato Pfeifer, che non crede che una pillola da sola sarà la soluzione alla dilagante pandemia mondiale di obesità: “Ma le terapie disponibili non sono abbastanza efficaci al momento. Abbiamo quindi un disperato bisogno di farmaci per normalizzare il bilancio energetico nei pazienti obesi“, ha concluso Pfeifer.

Inosina

Il ruolo chiave svolto dal sistema di riscaldamento del corpo è dimostrato anche da un nuovo importante consorzio di ricerca unito: la Fondazione tedesca per la ricerca (DFG) ha recentemente approvato un Centro di ricerca collaborativo transregionale in cui le università di Bonn, Amburgo e Monaco conducono ricerche mirate sul tessuto adiposo bruno.

Cosa ne pensi dei risultati di questa ricerca? Se l’inosina fosse fruibile sul mercato, saresti dispost* a provarla? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI