Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Impianto dentale smart

Impianto dentale smart: finalmente durerà 20 anni o più?

I normali impianti si sa, vengono ritenuti poter durare 20 anni senza problemi, tuttavia in realtà molto spesso ciò non accade, ecco perché dei ricercatori stanno studiando un nuovo impianto dentale smart

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Tempo fa ti avevamo parlato di rigenerazione dei denti persi, tuttavia non in tutti i casi ciò sarebbe stato possibile, ecco perché si sta studiando un impianto dentale smart, ed è quello di cui vi parleremo oggi in questo articolo.

Più di 3 milioni di persone in America hanno impianti dentali, usati per sostituire un dente perso a causa di carie, malattie gengivali o lesioni, ed è per questo che gli impianti rappresentano un balzo in avanti rispetto a protesi o ponti, infatti si adattano in modo molto più sicuro e sono progettati per durare 20 anni o più.

Impianto dentale smart

Tuttavia spesso gli impianti non soddisfano tale aspettativa, necessitando invece di essere sostituiti in 5-10 anni a causa di un’infiammazione locale o di una malattia gengivale, che richiede la ripetizione di una procedura costosa e invasiva per i pazienti.

“Volevamo affrontare questo problema e così abbiamo ideato un nuovo impianto innovativo”

afferma Geelsu Hwang, un assistente professore presso la School of Dental Medicine dell’Università della Pennsylvania, che ha un background in ingegneria che porta alla sua ricerca su problemi di salute orale.

Il nuovo impianto dentale smart implementerebbe due tecnologie chiave, afferma Hwang:

  1. è un materiale infuso di nanoparticelle che resiste alla colonizzazione batterica;
  2. è una fonte di luce incorporata per condurre la fototerapia, alimentata dai movimenti naturali della bocca, come masticare o lavarsi i denti.

In un articolo sulla rivista ACS Applied Materials & Interfaces e in un articolo del 2020 sulla rivista Advanced Healthcare Materials, Hwang e colleghi presentano il loro progetto per un impianto dentale smart, che un giorno potrebbe essere integrata non solo negli impianti dentali ma in altre tecnologie, come per esempio le protesi articolari.

Impianto dentale smart
Geelsu Hwang

“La fototerapia può affrontare una serie diversificata di problemi di salute ma, una volta impiantato un biomateriale, non è pratico sostituire o ricaricare una batteria.

Stiamo utilizzando un materiale piezoelettrico, che può generare energia elettrica dai movimenti orali naturali per fornire una luce in grado di condurre la fototerapia, e scopriamo che può funzionare con successo proteggendo il tessuto gengivale dalla contaminazione batterica.”

afferma Hwang.

Nel documento, il materiale esplorato dai ricercatori era il titanato di bario (BTO), che ha proprietà piezoelettriche sfruttate in applicazioni come condensatori e transistor, ma non è stato ancora “esplorato” come base per biomateriali impiantabili anti-infettivi.

I test e le fasi di studio del nuovo impianto dentale smart

Per testare il suo potenziale come base per un impianto dentale smart, il team ha prima utilizzato dischi incorporati con nanoparticelle di BTO e li ha esposti a Streptococcus mutans, un componente primario del biofilm batterico responsabile della carie comunemente noto come placca dentale.

Hanno scoperto che i dischi resistevano alla formazione di biofilm in modo dose-dipendente, inoltre i dischi con concentrazioni più elevate di BTO erano migliori nell’impedire il legame dei biofilm.

Impianto dentale smart

Mentre studi precedenti avevano suggerito che il BTO potrebbe uccidere i batteri completamente usando specie reattive dell’ossigeno generate da reazioni di polarizzazione elettrica o catalizzata dalla luce, Hwang e colleghi hanno scoperto che non era questo  il caso a causa dell’efficacia di breve durata e degli effetti fuori bersaglio di questi approcci.

D’altro canto, il materiale genera una carica superficiale negativa potenziata che respinge le pareti cellulari dei batteri caricate negativamente, inoltre secondo i ricercatori, è probabile che questo effetto di repulsione sia duraturo.

“Volevamo un materiale per impianti in grado di resistere a lungo alla crescita batterica perché le sfide batteriche non sono una minaccia una tantum”

afferma Hwang.

La proprietà di generazione di energia del materiale è stata mantenuta e nei test nel tempo il materiale non ha percolato, ha inoltre dimostrato un livello di resistenza meccanica paragonabile ad altri materiali utilizzati nelle applicazioni dentali.

Infine, il materiale non ha danneggiato il normale tessuto gengivale negli esperimenti dei ricercatori, supportando l’idea che questo impianto dentale smart potrebbe essere utilizzato senza effetti negativi in ​​bocca.

Impianto dentale smart

La tecnologia alla base di questo nuovo impianto dentale smart è finalista nel programma di accelerazione della ricerca del Science Center –il programma QED Proof-of-Concept–, ed essendo appunto uno dei 12 finalisti, Hwang e colleghi riceveranno indicazioni da esperti in commercializzazione.

Se il progetto avanza per essere uno dei tre finalisti, il gruppo ha il potenziale per ricevere fino a $ 200.000 in finanziamenti.

“Speriamo di sviluppare ulteriormente il sistema implantare e alla fine vederlo commercializzato in modo che possa essere utilizzato nel campo dentale”

afferma Hwang.

Nel lavoro futuro, il team spera di continuare a perfezionare il sistema di impianto dentale smart, testando nuovi tipi di materiali e forse anche utilizzando proprietà asimmetriche su ciascun lato dei componenti dell’impianto, uno che incoraggia l’integrazione dei tessuti sul lato rivolto verso le gengive e uno che resiste alla formazione batterica sul lato rivolto verso il resto della bocca.

Se sei attratto dalla scienza continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi di questo nuovo impianto dentale smart? Secondo te, entro quanti anni riusciremo a vederlo effettivamente in produzione? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0