Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
covid-19 bambini

Il COVID-19 può infettare i bambini e rischia di farne ammalare alcuni gravemente

La variante Delta del Covid-19 super contagiosa si diffonde, e nuove preoccupazioni per i bambini si intensificano

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Dopo tutto questo periodo in allarme Covid-19 e la sua ariante Delta, questo autunno, milioni di bambini statunitensi torneranno a scuola di persona, molti per la prima volta in più di un anno. Allo stesso tempo, la nuova variante delta ha scatenato casi di coronavirus in aumento. La collisione di questi due eventi preoccupa molte persone, compresi i funzionari sanitari.

La maggior parte dei bambini non è ancora stata vaccinata contro il COVID-19. Questo li rende uno dei gruppi più vulnerabili al virus. Ora metti tutti questi bambini insieme nello stesso posto e mescolaci una variante super-infettiva. Improvvisamente, hai la ricetta perfetta per diffondere il COVID-19, almeno se non venissero prese precauzioni extra, come indossare le mascherine.

Che cos’è un vaccino? I vaccini offrono la migliore protezione. Eppure molti bambini non sono ancora qualificati per ottenere il vaccino COVID-19. Mentre i vaccini per i bambini di età inferiore ai 12 anni sono in fase di test, potrebbero passare ancora mesi prima che vengano offerti alla maggior parte dei bambini attraverso la scuola media. E i loro fratelli più piccoli dovranno probabilmente aspettare ancora di più.

Anche una volta che i vaccini saranno disponibili per i più giovani, non è chiaro quanti li riceveranno. In questo momento, i dodicenni e gli adolescenti possono ottenere un vaccino contro il COVID-19. Tuttavia, la maggior parte non ha ottenuto lo shot. Alcune persone si sono persino chieste se i bambini abbiano davvero bisogno di un vaccino. Dopotutto, il loro rischio di ammalarsi mortalmente a causa del COVID-19 è molto inferiore rispetto agli adulti.

Tutto ciò è vero. La maggior parte dei bambini che contraggono il COVID-19 guarisce senza effetti a lungo termine. Ma a un anno e mezzo dall’inizio della pandemia, c’è ancora molto che ricercatori e medici non sanno su cosa può fare la malattia ai bambini.

Ad esempio: con quale frequenza i bambini sviluppano sintomi persistenti, noti anche come “long COVID”? Perché alcuni bambini sani sviluppano un’infiammazione grave e scatenata settimane dopo essersi ripresi da COVID-19? In alcuni bambini, questa complicazione appare in bambini che non sapevano nemmeno di essere stati infettati.

Ora la variante delta aggiunge nuove domande. Gli studi in gran parte sugli adulti mostrano che questa variante rende le persone più malate, e più rapidamente, rispetto alle versioni precedenti del coronavirus. Colpirà più duramente anche i bambini?

In questo momento, ci sono pochi dati sul rischio della variante delta per i bambini. Ma il quadro emergente suggerisce che, sebbene il virus rappresenti pochi rischi per molti bambini, per alcuni potrebbe essere piuttosto serio.

Covid-19 variante Delta: la minaccia per i bambini

covid-19 bambini

Le infezioni da COVID-19 nei bambini sono in aumento. Dal 6 al 12 agosto ci sono stati 121.000 nuovi casi di COVID-19 nei bambini. Quel numero è stato riportato dall’American Academy of Pediatrics. È stato un grande salto rispetto ai 93.824 di una settimana prima e 71.726 nuovi casi nell’ultima settimana di luglio. Era già quasi il doppio rispetto a una settimana prima (38.654 casi).

Con l’aumento delle infezioni, aumenterà anche il numero di ricoveri e decessi. Con milioni di bambini infetti, afferma Debbie-Ann Shirley, anche una piccola quota “si somma a decine di migliaia di bambini ricoverati in ospedale per COVID-19”. Shirley lavora all’Università della Virginia Health. È a Charlottesville. Lì, studia le malattie infettive nei bambini.

Qual è il ruolo delle lezioni in presenza, nella diffusione del COVID-19? Molti bambini infetti se la passano senza sintomi o con solo qualche raffreddore. Per altri, l’infezione da coronavirus può cambiare la vita, osserva Andrew Pavia. È un medico di malattie infettive. Cura i bambini all’Università dello Utah a Salt Lake City.

Se sei il bambino che finisce nell’unità di terapia intensiva di un ospedale per una settimana, “non c’è niente di lieve in questo”, dice. O cosa succede se un bambino “sviluppa un long COVID e viene bocciato da un semestre di scuola e non arriva al college? O perde la borsa di studio atletica?” Queste sono problematiche gravi.

“Mi fa impazzire sentire più e più volte che il virus non è grave per i bambini”, ha detto Pavia. “In ogni caso”, spiega, “l’impatto di COVID-19 è maggiore dell’impatto dell’influenza”. Ha condiviso questa osservazione il 13 luglio. Stava parlando in una conferenza stampa. È stato sponsorizzato dalla Infectious Diseases Society of America.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, o CDC, hanno iniziato a monitorare i decessi per influenza nel 2004. Da allora, i decessi infantili negli Stati Uniti per influenza sono variati da un minimo di 37 nella stagione influenzale 2011-2012 a un massimo di 199 nel 2019- stagione 2020.

L’influenza è quasi scomparsa nella stagione 2020-2021. Le precauzioni contro il coronavirus hanno contribuito a limitare la diffusione dell’influenza. Lo stesso ha fatto per alcune altre malattie respiratorie (tranne alcuni raffreddori, per ragioni che sono ancora un mistero).

La stagione influenzale dello scorso anno ha segnato un nuovo minimo. È stata segnalata una sola morte infantile. Ma solo dal gennaio 2020, il COVID-19 ha ucciso 423 dei quasi 4,3 milioni di bambini statunitensi che sono stati infettati. Nella settimana tra il 4 e l’11 agosto sette bambini sono morti di COVID-19.

“Tutto ciò che uccide più di 350 bambini all’anno verrà automaticamente classificato tra le prime 10 cause” di morte infantile, afferma Shirley. E il COVID-19 ne ha uccisi quasi così tanti. I bambini rimangono una piccola parte delle 625.000 persone morte di COVID-19 negli Stati Uniti. Tuttavia, il loro numero ha sollevato campanelli d’allarme per alcuni esperti di salute.

Immagina “se 300 bambini fossero morti nell’ultimo anno a causa di fulmini o attacchi di squali”, afferma Taison Bell. “Faremmo le cose in modo molto diverso quando si trattava di andare in spiaggia o di stare fuori quando pioveva”, dice questo dottore. Si occupa di terapia intensiva e medicina delle malattie infettive. Dirige anche l’ICU di UVA Health.

Inoltre, non tutti i bambini statunitensi soffrono allo stesso modo di COVID-19. Ad esempio, il 18,5% della popolazione degli Stati Uniti è ispanica o latina. Eppure i bambini ispanici e latini rappresentano il 36% delle morti infantili per coronavirus. Anche i bambini neri sono sovrarappresentati tra i decessi infantili per COVID-19. Mentre il 13,4 percento della popolazione degli Stati Uniti è nero, circa il 22 percento delle morti infantili di COVID-19 erano bambini neri.

COVID 19 e conseguenze serie per i bambini

covid-19 bambini

Roberta DeBiasi ha visto la sua parte di bambini veramente malati di COVID-19, al Children’s National Hospital di Washington D.C., è a capo delle malattie infettive. Quasi 2.900 bambini sono stati curati lì per il coronavirus. Di questi, più di 550 sono stati ricoverati. Circa 175 sono finiti in terapia intensiva.

A livello nazionale, i bambini rappresentano tra l’1,3% e il 3,5% delle persone ricoverate in ospedale per COVID-19. Come gli adulti con casi gravi del nuovo coronavirus, i bambini che finiscono in ospedale tendono ad avere condizioni mediche di base. Questi vanno dall’obesità e dalle malattie polmonari alle malattie che colpiscono i nervi e i muscoli.

Altri 165 bambini sono stati curati al Children’s National Hospital per il MIS-C. È l’abbreviazione di sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini. Il sistema immunitario delle sue vittime provoca un’infiammazione a tal punto che può portare a insufficienze degli organi. Appare da quattro a sei settimane dopo un’infezione da coronavirus. Può colpire anche i bambini che inizialmente hanno avuto casi lievi o nessun sintomo.

Non c’è un buon modo per sapere chi svilupperà MIS-C, dice DeBiasi. Può capitare anche a bambini precedentemente sani. “Questo è ciò che lo rende un po’ spaventoso”, dice. I bambini di colore tendono a subire conseguenze più gravi di MIS-C. I bambini neri e latini erano sovrarappresentati tra i bambini trattati al Children’s National per la malattia.

DeBiasi e colleghi hanno condiviso questa scoperta il 25 giugno sul Journal of Pediatrics. A livello nazionale, il 63% dei 4.404 bambini con casi confermati della sindrome rara erano neri o latini. Alcuni farmaci che calmano il sistema immunitario aiutano. E molti bambini sembrano riprendersi completamente.

Ma a partire dallo scorso 30 luglio, MIS-C ha causato la morte di 37 bambini statunitensi. I medici conoscono la rara condizione infiammatoria solo da poco più di un anno. E gli impatti a lungo termine di MIS-C sulla salute di un bambino sono ancora un altro mistero. DeBiasi e i suoi colleghi hanno avviato uno studio sui suoi effetti a lungo termine.
Alcuni bambini soffrono “di long COVID”

Stanno anche osservando il long COVID nei bambini. Può comprendere un mix di sintomi. Possono variare da esaurimento, mancanza di respiro dopo l’attività e perdita del gusto e dell’olfatto fino a problemi con il pensiero e la memoria. E gli effetti possono durare settimane o mesi. “Se sei a scuola e stai cercando di imparare”, osserva DeBiasi, “non va bene avere disturbi della memoria”. Anche i casi apparentemente lievi “hanno un impatto sulla qualità della tua vita”.

Nessuno è abbastanza sicuro di quanto gli effetti a lungo termine del COVID-19 siano comuni nei bambini. Il nuovo studio triennale di DeBiasi seguirà più di 1.000 bambini e giovani adulti che hanno avuto COVID-19. I loro impatti saranno confrontati con altri bambini nelle famiglie dei partecipanti che non hanno mai contratto il COVID-19.

In uno studio sui bambini nel Regno Unito, il COVID-19 di solito ha fatto il suo corso in circa cinque-sette giorni. I bambini più piccoli tendevano a migliorare più velocemente. Ma circa il 4% dei bambini aveva ancora sintomi un mese dopo essersi ammalato. Questo è secondo un rapporto del 3 agosto su Lancet Child & Adolescent Health. E questi effetti a lungo termine si sono manifestati più spesso tra i 12 ei 17 anni che nei bambini più piccoli. Quasi 2 bambini su 100 avevano ancora sintomi dopo due mesi dall’inizio della malattia, hanno scoperto i ricercatori.

In uno studio svizzero su 109 bambini in età scolare, circa 4 su 100 avevano almeno un sintomo tre mesi dopo aver contratto il COVID-19. I ricercatori hanno condiviso questi risultati il ​​15 luglio su JAMA.

In entrambi gli studi, i bambini che avevano raffreddore o altre malattie respiratorie a volte avevano sintomi che duravano anche un mese o più. Ciò suggerisce che il virus che causa COVID-19 non è l’unico che può causare impatti persistenti.

Durante l’intero corso della pandemia, i bambini hanno rappresentato il 14,3% di tutte le infezioni. Questa è una scoperta dell’American Academy of Pediatrics. Dall’emergere della variante delta, i bambini ora rappresentano una quota leggermente maggiore di casi. Erano il 19% di tutti i casi negli Stati Uniti nell’ultima settimana di luglio. Era in aumento rispetto a poco meno del 17% della settimana prima. A metà agosto erano il 15%.

Ma quella percentuale più alta di bambini rispetto all’inizio della pandemia potrebbe essere dovuta al fatto che i bambini sotto i 12 anni non possono ancora ricevere il vaccino. Solo il 30% circa dei giovani tra i 12 e i 17 anni è completamente vaccinato. Potrebbe non significare che i bambini siano più suscettibili al virus. Possono semplicemente costituire una quota maggiore del gruppo che rimane vulnerabile.

E sebbene il delta sia più contagioso, non è chiaro se causi malattie più gravi nei bambini come sembra negli adulti. Alcuni medici riferiscono che i bambini infettati dalla variante delta si stanno ammalando. Ma al Children’s National Hospital, “Non vediamo alcuna differenza nel modo in cui si ammalano i bambini”, afferma DeBiasi.

Inoltre, non c’è alcun segno che abbiano maggiori probabilità di finire in ospedale se sono stati infettati dalla variante delta, dice. Ma c’è ancora una matematica di base da considerare: più bambini si ammalano di questa variante super contagiosa, più potrebbero affrontare malattie gravi a lungo termine.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi del rischio per i bambini dovuto al covid? Facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0