Globicefali

Globicefali: oltre 200 esemplari morti in Tasmania

Circa 200 globicefali morti sono stati rimorchiati nel mare al largo della Tasmania, tuttavia è quello che succede durante la loro decomposizione la vera meraviglia

La scorsa settimana gli australiani hanno assistito con orrore a 230 globicefali che si sono arenati su una spiaggia vicino al porto di Macquarie, sulla costa occidentale della Tasmania. Alcuni degli esemplari di globicefali sono stati salvati, ma la stragrande maggioranza sfortunatamente non ce l’ha fatta e questo ha lasciato un grosso problema: cosa fare con tutte le carcasse di globicefali in decomposizione?

Globicefali

Vista l’emergenza, le autorità hanno deciso di rimorchiare i globicefali morti in mare, sperando che alla fine affonderanno sul suo fondale, tuttavia è triste assistere a tali spiaggiamenti di massa di balene, ma in questo caso, le conseguenze presentano un’affascinante opportunità di scoperta scientifica.

Mentre i globicefali morti si decompongono, è probabile che una catena di eventi sorprendente e rara fluisca attraverso l’ecosistema marino, portando infine a un’esplosione di attività e nuova vita.

Gli spiaggiamenti di massa delle balene si verificano abbastanza regolarmente, specialmente in Tasmania, ma nessuno sa davvero perché; alcuni giorni prima di questo ultimo incidente, 14 capodogli si sono arenati al largo di King Island, a nord-ovest della Tasmania, e nel 2020, circa 470 globicefali si sono arenate a Macquarie Harbour.

Mentre molti sono stati portati in mare, alcune di quelle carcasse sono state trascinate via e sono state lasciate a marcire sulla spiaggia, un processo del tutto naturale, tuttavia i globicefali sono grandi animali, con i maschi che pesano fino a 2.300 kg, il che significa che impiegano molto tempo a decomporsi, e l’odore di due tonnellate di grasso di balena in decomposizione diventa presto insopportabile, quindi le carcasse vengono spesso seppellite.

Globicefali

Questa volta, le autorità hanno deciso di rimorchiare i globicefali morti in mare, e l’ABC ha riferito che i lavoratori locali dell’allevamento di salmoni hanno impiegato quasi 11 ore per smaltire 204 balene morte con un peso complessivo compreso tra 500 e 600 tonnellate.

Sono stati legati a una fune lunga 400 metri e trainati da barche per 40 chilometri, prima di essere gettati nelle acque profonde dell’Oceano Indiano, però alcune carcasse potrebbero tornare a riva, anche se è probabile che la maggior parte si disperda con le maree e le correnti.

La creazione di vita dovuta alla decomposizione dei globicefali

La grande domanda è: cosa succede a tutta quella massa di balene scaricata in mare?

Inizialmente, una balena morta tende a galleggiare in superficie mentre inizia a decomporsi e le sue viscere si espandono con il gas, quando ciò accade, è probabile che gli spazzini dell’oceano come squali e uccelli marini banchettino con i resti.

Alcune persone possono temere che le carcasse di balene attirino squali che potrebbero rappresentare un rischio per l’uomo e, sebbene gli incontri tra squali e umani sono in aumento in Australia e altrove, sono ancora molto rari.

Un rapporto al governo dell’Australia occidentale nel 2012 ha rilevato che le carcasse di balene erano un fattore di rischio associato agli attacchi di squali e ha affermato che si dovrebbe prestare attenzione vicino a una balena morta nell’acqua.

Globicefali

Ma lo stesso rapporto rilevava che dei 26 attacchi di squali indagati, il numero più alto si è verificato a più di un chilometro dalla costa. Sebbene non vi sia dubbio che gli squali siano attratti dalle balene morte, i dati non sono chiari sul fatto che una carcassa di balena porti direttamente a un aumento degli attacchi di squali alle persone.

La ricerca ha dimostrato che la probabilità che le carcasse di balene si lavino verso la riva, dove si può osservare la caccia agli squali, è bassa, quindi fintanto che la carcassa viene portata lontano dalla riva e le persone si tengono a distanza da essa, la minaccia per gli umani dagli incontri con gli squali sembra essere estremamente bassa.

Inevitabilmente, la carcassa della balena comincerà ad affondare, con la maggior parte della vita nell’oceano che si trova abbastanza vicino alla superficie del mare, quindi se l’acqua è relativamente poco profonda, gran parte di ciò che resta della carcassa verrà rapidamente mangiato dagli spazzini una volta raggiunto il fondo del mare.

Ma queste carcasse sono state smaltite in acque profonde, e l’oceano profondo può essere un luogo arido, dove le ricche fonti di cibo sono rare, quindi l’aspetto di una singola carcassa di balena può sovraccaricare un intero ecosistema.

Nuova vita e attività possono esplodere attorno all’animale morto in pochissimo tempo. Questo processo è noto come “caduta delle balene” ed è stato studiato dagli scienziati, a volte utilizzando veicoli telecomandati. Sul fondale marino del Pacifico settentrionale, è stato riscontrato che la caduta delle balene supporta la sopravvivenza di almeno 12.490 organismi di 43 specie.

Globicefali

Gli squali d’alto mare trarranno il massimo dalla carcassa, a questi però si uniranno anche una miriade di altri animali tra cui hagfish, polpi, granchi, aragoste, vermi e cetrioli di mare. Per tutto il tempo i batteri svaniscono silenziosamente in background.

Secondo il Museo di storia naturale della Gran Bretagna, una singola balena può fornire cibo agli animali per un massimo di due anni durante la fase di scavenging.

Altri animali e batteri sopravvivono grazie alle sostanze chimiche prodotte dalla carcassa in decomposizione.

Si pensava che questi organismi, noti come “chemiotrofi”, fossero unici per le prese d’aria vulcaniche sottomarine, dove utilizzano l’idrogeno solforato come principale fonte di energia; la ricerca ha mostrato che una suite simile di animali si recluta intorno a balene morte e in decomposizione, generando un ecosistema completamente indipendente basato su un gas che odora di uova marce.

Solo pochi organismi possono abbattere le ossa rimaste, in un processo che potrebbe richiedere fino a dieci anni, quindi prenditi un momento per considerare l’effetto di 204 cadute di balene in una piccola parte dell’oceano al largo della Tasmania, in questo momento, stanno probabilmente generando metropoli marine interconnesse, di cui se ne vedono raramente.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Tu cosa ne pensi? A cosa potrebbe essere dovuto, secondo te, questo grande numero di spiaggiamenti di globicefali? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI