Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Campi elettromagnetici

Glioma maligno: nuova terapia migliora la sopravvivenza

Nuovi studi sono impegnati nello sviluppo di nuovi farmaci che interessano il cancro al cervello, in modo particolare al glioma maligno per il quale è stata individuata una nuova terapia farmacologica che potenzia la sopravvivenza dei pazienti colpiti da questa nuova terapie, a nuove ricerche che interessano le metastasi al cervello procurate dal carcinoma mammario che hanno dimostrato una drastica diminuzione del tumore

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

I ricercatori della Northwestern Medicine hanno sviluppato una nuova terapia che interessa il glioma maligno che migliora la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti colpiti dalla malattia.

Glioma maligno

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Oncology.

Glioma maligno: qualche dettaglio sulla nuova ricerca

Nello studio, i ricercatori hanno valutato la sicurezza di una nuova terapia chiamata NSC-CRAd-S-pk7 in pazienti con nuova diagnosi di gliomi maligni. NSC-CRAd-S-pk7 è un adenovirus oncolitico rilasciato da cellule staminali neutrali  o cellule progenitrici del sistema nervoso centrale che attraversano la barriera emato-encefalica per fornire molecole terapeutiche alle cellule tumorali.

Glioma maligno

Questo è il primo studio clinico sull’uomo per testare la consegna di cellule staminali neurali di un adenovirus oncolitico ingegnerizzato. Inoltre, si distingue tra gli studi di neuro-oncologia e viroterapia perché include pazienti con gliomi di nuova diagnosi, piuttosto che malattie ricorrenti“, ha dichiarato Maciej Lesniak, MD, presidente e Michael J. Marchese Professore di Neurochirurgia e autore senior dello studio.

Il glioma maligno è un i tumore cerebrale primario più comune negli adulti, senza attuali opzioni di trattamento efficaci e un tasso di sopravvivenza medio di 14-21 mesi. Le cellule di glioma sono notoriamente resistenti e difficili da trattare, sottolineando la necessità cruciale di terapie innovative ed efficaci che causino meno effetti collaterali negativi rispetto alle terapie tradizionali come la chemioterapia e le radiazioni.

I virus oncolitici sono un approccio terapeutico promettente in questo senso, poiché prendono di mira le cellule cancerose risparmiando le cellule normali e suscitando la risposta immunitaria dell’organismo. Di conseguenza, anche la somministrazione di farmaci al sito del tumore è stata una sfida perché la barriera emato-encefalica impedisce alla maggior parte dei farmaci chemioterapici di raggiungere il cervello.

Il nostro approccio innovativo, che impiega l’uso di cellule staminali come navette per la consegna di virus, cerca di affrontare questo problema. Le cellule staminali neurali tendono a viaggiare in poche ore verso aree di lesioni, aree di ictus o tumori cerebrali, in modo da poter disperdere l’oncolitico. virus con una bella diffusione omogenea“, ha spiegato Jawad Fares, MD, un ricercatore nel laboratorio di Lesniak e autore principale dello studio.

Per determinare la sicurezza di NSC-CRAd-S-pk7, i ricercatori hanno reclutato soggetti con glioma maligno nuova diagnosi e li hanno divisi in tre coorti. Dopo aver subito la resezione neurochirurgica, ogni coorte ha ricevuto dosi variabili di NSC-CRAd-S-pk7 nelle pareti della cavità di resezione, seguite da chemioterapia e radioterapia da 10 a 14 giorni dopo l’intervento.
Gli esami di follow-up hanno rivelato che NSC-CRAd-S-pk7 era sicuro e tollerabile per i pazienti a tutte le dosi, con sopravvivenza media libera da progressione a nove mesi e sopravvivenza globale a 18 mesi.

 I pazienti con gliomi con promotori MGMT non metilati, enzimi di riparazione del DNA che aumentano la resistenza delle cellule tumorali alla chemioterapia, hanno anche dimostrato un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione e della sopravvivenza globale.

Questi risultati sono significativi in ​​quanto i pazienti con glioblastoma di nuova diagnosi trattati esclusivamente con radioterapia e chemioterapia di solito hanno una sopravvivenza media libera da progressione di sette mesi e una sopravvivenza globale di 15 mesi.

Inoltre, i risultati supportano l’indagine continua della dose predeterminata più alta di NSC-CRAd-S-pk7 in studi clinici di fase superiore .

“Lo sviluppo di NSC-CRAd-S-pk7 è stata una bellissima intuizione che dimostra come il collegamento tra scienza e medicina possa portare ad approcci terapeutici innovativi. I nostri team di ricerca e clinici sono dedicati al lavoro collaborativo multidisciplinare per continuare a fornire speranza terapeutica per i pazienti del laboratorio“, ha concluso Fares.

Glioma maligno: un importante risultato anche dalle cellule staminali

Un’altra terapia studiata per combattere il glioma maligno è l’utilizzo di cellule cellule staminali neurali unica nel suo genere che funziona con un comune virus del raffreddore per cercare e attaccare un cancro al cervello letale e aggressivo.

Glioma maligno

Il nuovo farmaco per il trattamento del glioma maligno, noto per la ricorrenza dopo i tipici attacchi di trattamento standard del cancro, è stato sviluppato da uno scienziato della Northwestern ed è stato approvato come farmaco sperimentale dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. Questa è solo la seconda volta che l’Università ha sostenuto e presentato un nuovo farmaco sperimentale come sponsor.

Abbiamo scoperto che la combinazione di cellule staminali con un virus fa sì che il nuovo farmaco reagisca come un missile in cerca di cancro che prende di mira ke cellule canceri nel cervello “, ha affermato il ricercatore principale, il dott. Maciej Lesniak, professore di Michael J. Marchese e presidente di chirurgia neurologica. alla Northwestern University Feinberg School of Medicine e neuro-oncologo alla Northwestern Medicine. “Se funziona negli esseri umani, potrebbe essere un’arma potente contro il cancro al cervello e un’opzione di cui i nostri pazienti sono alla disperata ricerca”.

Una delle ragioni per la quale il glioma maligno ricorre così spesso è perché una piccola sottopopolazione di cellule tumorali, spesso in profondità nel tessuto cerebrale, è altamente resistente alla chemioterapia e alle radiazioni.

Il lavoro preclinico svolto da Lesniak e dal suo team ha dimostrato che l’approccio testato presso la Northwestern Medicine può colpire questa popolazione di cellule resistenti alla terapia, ritardando ulteriormente e talvolta persino prevenendo la recidiva del tumore. Le cellule staminali utilizzate nella ricerca provengono da una collaborazione di ricercatori di City of Hope.

“Non abbiamo visto progressi significativi nell’ultimo decennio per i pazienti con un tumore al cervello, ed è per questo che è fondamentale fare tutto il possibile per trovare un trattamento migliore per i tumori cerebrali“, ha affermato il dott. Roger Stupp, un co-investigatore che sta lavorando a fianco di Lesniak su questo studio clinico. “Combinando una nuova terapia con l’esperienza medica, siamo in grado di fare un passo avanti verso l’eradicazione di questa malattia letale”.

Lesniak e il suo team di scienziati stanno iniziando a testare la sicurezza e il dosaggio del trattamento nei pazienti del Northwestern Memorial Hospital. Lesniak ha iniziato la ricerca più di dieci anni fa mentre era all’Università di Chicago e l’ha completata quando si è trasferito alla Northwestern nel 2015.

La terapia farmacologica contiene cellule staminali neurali per rilasciare un potente virus responsabile del comune raffreddore, l’adenovirus oncoliotico, progettato per uccidere le cellule del cancro al cervello. Il nuovo trattamento lavora in sinergia con la chemioterapia e le radiazioni per migliorare l’efficacia dei trattamenti antitumorali standard.

Il glioma maligno I gliomi è una forma di cancro più aggressiva che può produrre il proprio apporto di sangue, che alimenta la rapida crescita dei tumori e li aiuta a schiudere i tumori satellite. Ogni tumore invia tentacoli che si infiltrano e scavano in profondità nel normale tessuto cerebrale, rendendo impossibile la rimozione completa delle cellule cancerose. Qualsiasi cellula cancerosa nel cervello lasciata dallo standard di cura può causare la recidiva del tumore.

Lesniak prevede di arruolare fino a 36 pazienti di nuova diagnosi con glioma. Questi pazienti saranno divisi in due gruppi: quelli con tumori che possono essere rimossi e quelli in cui i tumori non sono rimovibili chirurgicamente.

Il prossimo passo, il Northwestern Memorial estenderà questa ricerca ai partner che collaborano al City of Hope Comprehensive Cancer Center di Duarte, in California.

Glioma maligno: il protocollo classico con chemioterapia e radioterapia ne rallenta la crescita

Un regime chemioterapico costituito da procarbazina, CCNU e vincristina (PCV) somministrato dopo la radioterapia ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale negli adulti con gliomi di basso grado, una forma di cancro al cervello, rispetto alla sola radioterapia. I risultati facevano parte dei risultati di uno studio clinico di fase III presentato oggi al 19° incontro annuale della Society for Neuro-Oncology a Miami dall’autore principale dello studio Jan Buckner, MD, vicedirettore, pratica, presso il Mayo Clinic Cancer Center.

“In media, i pazienti che hanno ricevuto PCV hanno vissuto 5,5 anni in più rispetto a quelli che hanno ricevuto le sole radiazioni”, ha affermato il dott. Buckner: “hanno dimostrato che il PCV somministrato con la radioterapia al momento della diagnosi iniziale prolunga la sopravvivenza libera da progressione ma non la sopravvivenza globale”.

Lo studio, RTOG 9802, ha arruolato 251 pazienti con gliomi di basso grado tra ottobre 1998 e giugno 2002 per affrontare il ruolo della chemioterapia dopo il trattamento con radiazioni. I pazienti arruolati erano ad alto rischio rispetto ad altri pazienti con glioma di basso grado perché avevano 40 anni o più o avevano una rimozione chirurgica meno che completa del loro tumore se avevano meno di 40 anni.

I ricercatori hanno anche scoperto che i pazienti con oligodendroglioma avevano esiti migliori rispetto a quelli con astrocitoma o oligoastrocitoma, così come le femmine.

“RTOG 9802 ha coinvolto una rete di ricercatori negli Stati Uniti e in Canada che lavorano attraverso la National Clinical Trials Network del National Cancer Institute“, ha affermato il dott. Buckner. “Questo studio avrebbe potuto essere condotto solo attraverso una rete nazionale di studi clinici finanziata con fondi pubblici”. Il prossimo passo è studiare il tessuto tumorale dei pazienti partecipanti per identificare i biomarcatori che consentiranno ai ricercatori di determinare quali pazienti trarranno i maggiori benefici da terapie specifiche

Glioma maligno: nuova terapia attacca le metastasi l cervello da carcinoma mammario

Purtroppo quando il cancro al seno si diffonde al cervello, la prognosi è infausta: i pazienti infatti hanno solo circa sei mesi di vita.

Glioma maligno

Le donne con carcinoma mammario HER2-positivo tendono a sviluppare metastasi cerebrali fino al 55% dei casi. I farmaci chemioterapici che prendono di mira le cellule del cancro al aeno nel cervello non sono efficaci, perché non possono attraversare la varriera emato-encefalica .

Una nuova terapia combinata mirata ai carcinomi mammari con metastasi nel cervello ha drasticamente ridotto le dimensioni del tumore e aumentato la sopravvivenza in uno studio sui topi, riporta un nuovo studio della Northwestern Medicine. Si stima che il 75% dei topi che presentavano metastasi cerebrali da cancro al seno fossero guariti e non avessero cancro dopo la terapia.

“La nuova terapia combinata che abbiamo identificato può attraversare la barriera emato-encefalica”, ha affermato l’autore principale dello studio Dr. Maciej Lesniak, cattedra di chirurgia neurologica della Northwestern Medicine e professore di neurochirurgia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine. “La terapia si rivolge anche alle metastasi cerebrali e migliora significativamente la sopravvivenza”.

I due farmaci sono l’inibitore della tubulina, la vinorelbina, approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense e disponibile nelle cliniche, e l’inibitore del bromodominio, I-BET-762, approvato dalla FDA per gli studi clinici . L’inibitore del bromodomino ha aumentato la βIII-tubulina, una proteina presente nelle cellule tumorali che metastatizzano al cervello. Sovraespressione di cellule tumorali sensibilizzate alla βIII-tubulina per essere uccise dalla vinorelbina.

“I risultati del nostro lavoro hanno posto le basi per una sperimentazione clinica, in base alla quale i pazienti con metastasi cerebrali da cancro al seno possono essere trattati con la combinazione di questi due farmaci”, ha detto Lesniak. “Ciò offrirà alle pazienti con metastasi cerebrali da cancro al seno, che sono state sistematicamente escluse dagli studi clinici, la possibilità di beneficiare di un nuovo regime terapeutico che si è dimostrato fortemente efficace in contesti sperimentali”.

.
Il cancro al seno si diffonde ad altri organi come cervello, polmone e ossa. La metastasi del cancro al seno al cervello è una malattia terminale e la complicazione più mortale. Mancano terapie mirate per le metastasi cerebrali del cancro al seno, ha affermato il primo autore dello studio Deepak Kanojia, ricercatore associato in chirurgia neurologica presso Feinberg.

I pazienti con metastasi cerebrali sono spesso esclusi dagli studi clinici a causa dei loro scarsi risultati e della scarsa sopravvivenza”, ha detto Kanojia. “Le terapie sistemiche regolari, come l’Herceptin, non attraversano la barriera ematoencefalica in modo efficiente e non offrono alcun beneficio nelle metastasi cerebrali”, ha affermato.

Gli scienziati hanno sviluppato un modello murino in grado di far crescere più metastasi cerebrali per simulare ciò che accade nei pazienti umani. Hanno iniettato cellule tumorali nell’arteria intracarotide, con conseguente formazione di tumori cerebrali multipli . Dopo che i tumori sono cresciuti, gli scienziati hanno trattato i topi con la terapia combinata. I risultati finali hanno rivelato che il 75% dei topi trattati con la combinazione erano guariti e senza cancro.

Glioma maligno: a che punto stiamo in Italia?

L’istituto Oncologico Veneto IRCCS è in prima linea nel combattere il cancro al cervello: è stata presa in cura infatti, una paziente tra le prime al mondo, con recidiva di glioblastoma trattata con una nuova terapia sperimentale che ha introdotto una nuova terapia che combina due farmaci di ultima generazione. La paziente è una donna di 61 anni, proveniente dal Friuli-Venezia Giulia che ha ricevuto la terapia sperimentale: Regorafenib in associazione a Nicolina.

Glioma maligno

Il Regorafenib è un farmaco già sperimentato in altri esperimenti in monoterapia nei tumori cerebrali presso lo IOV, che ha la capacità di ridurre la vascolarizzazione e la proliferazione delle cellule tumorali attraverso l’inibizione di specifiche alterazioni molecolar presenti nelle cellule tumorali; il Nivolumab invece è un farmaco immunoterapico che potenzia il sistema immunitario e lo stimola ad uccidere le cellule tumorali.

La sperimentazione mette in luce l’eccellenza della ricerca dello IOV in ambito neuro-oncologico – afferma il direttore generale, Patrizia Benini – Grazie alla partecipazione dello IOV alle sperimentazioni cliniche nazionali e internazionali che prevedono l’utilizzo di nuove terapie, i pazienti possono avere nuove chance di cura alcuni anni prima della commercializzazione”.

“Il glioblastoma è una forma molto aggressiva di tumore che colpisce il sistema nervoso centrale – spiega il dottor Giuseppe Lombardi, dirigente medico dell’Oncologia 1 – Sebbene si manifesti quasi esclusivamente nel cervello, il glioblastoma può anche apparire nel tronco cerebrale, nel cervelletto e nel midollo spinale. La terapia sperimentale, che prevede la combinazione di Regorafenib e Nivolumab, potrebbe cambiare le prospettive di cura per gli oltre mille pazienti colpiti ogni anno in Italia da glioblastoma recidivato. L’obiettivo dello studio è dimostrare se questo trattamento aumenta in maniera significativa la sopravvivenza, rispetto al percorso di cura più tradizionale”.

“Di notevole importanza è la cura del paziente in ambito multidisciplinare – specifica il dottor Lombardi – dove oltre all’oncologo sono presenti numerosi altri specialisti quali il neurochirurgo, neuro-radiologo, radioterapista, psicologo, medico-nucleare, anatomo-patologo, neurologo, fisiatra, psichiatra e psicologo per valutare insieme ogni singolo paziente ed impostare nel modo migliore il percorso diagnostico e terapeutico”.

In questo modo garantiamo al paziente la possibilità di ottenere la migliore qualità di vita che rimane essenziale soprattutto in questo tipo di tumore che può comportare importanti deficit neurologi – conclui la dottoressa Vittorina Zagonel, responsabile del dipartimento di Oncologia e direttore dell’Oncologia 1 dello IOV – Inoltre, la possibilità di utilizzare terapia sperimentali e quanto più personalizzate risulta fondamentale nel campo neuro-oncologico”. 
.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi di questi studi che si occupano del glioma maligno e delle metastasi al cervello dovute a carcinoma mammario? Trovi i risultati confortanti? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0