Gene MLL4: nuovo bersaglio per il cancro alla pelle

Un nuovo studio della Perelman School of Medicine dell'Università della Pennsylvania, pubblicato sulla rivista scientifica Science Advances, mirare a percorsi alterati dalle mutazioni MLL4 per indurre un corretto ricambio cellulare e la morte offre un nuovo approccio per sopprimere la crescita del tumore

Naviga tra i contenuti

Le mutazioni del gene MLL4 nelle cellule epiteliali della pelle possono inibire il ricambio cellulare sano e possono portare a tumori dei cheratinociti, che complessivamente superano tutti gli altri tumori umani. Secondo un nuovo studio della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania, mirare a percorsi alterati dalle mutazioni MLL4 per indurre un corretto ricambio cellulare e la morte offre un approccio per sopprimere la crescita del tumore.

MLL4

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Science Advances.

Mutazioni del gene MLL4: ecco cosa dice la ricerca

Il gene MLL4 è uno dei geni più comunemente mutati in tutti i tumori umani. Il lavoro precedente ha dimostrato che MLL4 è collegato alla sopressione in una varietà di tumori, ma il suo ruolo nel cancro della pelle era sconosciuto.

MLL4

Per scoprire come l’MLL4 influenzi la crescita del cancro, i ricercatori hanno eliminato solo questo gene nei tessuti epiteliali dei topi e hanno scoperto che le cellule della pelle proliferavano, la pelle si ispessiva e veniva inibita una forma di normale ricambio cellulare e morte delle cellule della pelle, chiamata ferroptosi.

Le cellule della pelle devono essere in grado di subire la morte cellulare”, ha affermato Brian Capell, MD, PhD, assistente professore di Dermatologia e Genetica e autore principale dello studio: “Se le cellule non muoiono, si attaccano, continuano a crescere e diventano cancerose. Abbiamo visto che una perdita di MLL4 compromette la ferroptosi attivando geni che incoraggiano la crescita del tumore e contemporaneamente sopprimendo i geni che prevengono la proliferazione cancerosa”.

Per combattere lo sviluppo delle cellule cancerose in individui con mutazioni genetiche MLL4, i ricercatori ritengono che farmaci specifici che possono promuovere la ferroptosi possano essere un modo futuro per inibire la crescita del cancro e incoraggiare il ricambio cellulare sano.

“La buona notizia è che attualmente sono disponibili prodotti farmaceutici che correggono e promuovono i percorsi che sono compromessi quando l’MLL4 è mutato”, ha affermato Capell. “Il nostro laboratorio prevede di studiare se questi farmaci che promuovono la ferroptosi possono essere efficaci per trattare i tumori della pelle come il carcinoma a cellule squamose. Un’altra potenziale strada per il trattamento consiste nel testare se questi farmaci possono essere somministrati in combinazione con altri farmaci antitumorali come le immunoterapie per migliorare le capacità di ciascuno di fermare i tumori”.

MLL4

A parte il cancro, gli scienziati della Penn ritengono che la modulazione della ferroptosi possa avere un impatto significativo anche su altri disturbi della pelle caratterizzati da un ricambio cutaneo aberrante, come la psoriasi. Secondo l’American Academy of Dermatology Association, si stima che oltre 85 milioni di americani soffrano di qualche tipo di malattia della pelle.

I tumori della pelle possono essere suddivisi in due gruppi principali: melanoma e non melanoma. Nel 2018, il melanoma rappresentava circa il 22% delle diagnosi di cancro della pelle e i tumori non melanoma rappresentavano circa il 78% delle diagnosi di cancro della pelle. I tumori non melanoma più comuni sono il carcinoma basocellulare e il carcinoma squamocellulare.

Il melanoma è il 19° tumore più comune negli uomini e nelle donne, con quasi 300.000 nuovi casi in tutto il mondo nel 2018.

Il cancro della pelle non melanoma è il quinto tumore più comune negli uomini e nelle donne, con oltre 1 milione di diagnosi in tutto il mondo nel 2018. Tuttavia, di solito non è incluso nelle stime dei tassi di cancro globali e nazionali. I dati sul cancro della pelle non melanoma sono generalmente meno accurati e meno completi rispetto ad altri tumori.

Nel  Continuous Update Project  (CUP) – la più grande fonte al mondo di ricerca scientifica sulla prevenzione del cancro e sulla sopravvivenza attraverso la dieta, l’alimentazione e l’attività fisica – analizziamo la ricerca globale su come determinati fattori dello stile di vita influenzano il rischio di sviluppare il cancro della pelle. 

L’esposizione ai raggi UV è la causa principale del cancro della pelle. Il ruolo del danno solare è supportato dall’associazione tra le misurazioni della sensibilità al sole e l’incidenza del cancro della pelle, che è maggiore nelle persone che hanno la pelle pallida che brucia senza abbronzarsi, occhi azzurri e capelli rossi.

MLL4

Sia la durata che la gravità dell’esposizione sono importanti: esiste una relazione dose-risposta tra il numero di episodi di scottature solari durante qualsiasi periodo della vita (infanzia, adolescenza o età adulta) e il rischio di melanoma.

Le radiazioni UV possono indurre cambiamenti cellulari coerenti con i segni distintivi del cancro, tra cui l’induzione di instabilità e mutazione genomica, la resistenza alla morte cellulare, l’attivazione della segnalazione proliferativa sostenuta e la crescita cellulare, nonché l’avvio di risposte infiammatorie che promuovono il tumore.

Le radiazioni UV possono danneggiare direttamente il DNA e anche creare ambienti cellulari dannosi per il DNA, ad esempio attraverso la generazione di specie reattive dell’ossigeno. L’attivazione delle vie infiammatorie croniche aiuta a generare un ambiente favorevole allo sviluppo e alla progressione del cancro ed è associata alla progressione dalla cheratosi attinica al carcinoma a cellule squamose.

MLL4

Nel complesso, le radiazioni UV hanno una serie di effetti sulle cellule della pelle, interessando diverse vie metaboliche che insieme creano un microambiente cellulare favorevole allo sviluppo e alla progressione del cancro. Questi effetti possono essere modulati da fattori genetici.

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Credi sia un’informazione utile per combattere meglio il cancro alla pelle? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI