MGMT

Nuovo gene MGMT aumenta il rischio di Alzheimer nelle donne 

Un'equipe di studiosi dell'Università di Chicago e della Boston University School of Medicine (BUSM) ha individuato, in una recente ricerca un nuovo gene, denominato MGMT che aumenta il rischio di incidenza del morbo di Alzheimer nelle donne. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Alzheimer's Disease & Dementia: The Journal of the Alzheimer's Association

Un squadra di  ricercatori dell’Università di Chicago e della Boston University School of Medicine (BUSM) ha individuato un nuovo gene chiamato MGMT che aumenta il rischio di Alzheimer nelle donne. Si tratta di una malattia che solo negli Stati Uniti colpisce oltre 5,8 milioni di persone, mentre in Italia ottava tra i paesi con il maggior numero di persone affette, si stimano 1,4 milioni di malati, oltre 600.000 dei quali colpiti da Alzheimer e nel mondo i casi arrivano a circa 50 milioni di persone colpite da demenze, il 60-70% delle quali soffrono di Alzheimer.

MGMT
Questo diagramma stilistico mostra un gene in relazione alla struttura a doppia elica del DNA e ad un cromosoma (a destra). Il cromosoma è a forma di X perché si divide. Gli introni sono regioni che si trovano spesso nei geni degli eucarioti che vengono rimossi nel processo di splicing (dopo che il DNA è stato trascritto in RNA): solo gli esoni codificano la proteina. Il diagramma etichetta una regione di sole 55 basi circa come gene. In realtà, la maggior parte dei geni sono centinaia di volte più lunghi. Credito: Thomas Splettstoesser/Wikipedia/CC BY-SA 4.0

Gli scienziati hanno scoperto alcune varianti genetiche che aumentano il rischio di sviluppare l’Alzheimer: il più noto di questi per le persone di età superiore ai 65 anni è l’allele APOE ε4. Circa il 60 per cento delle persone di origine europea con Alzheimer è portatore di questa variante genetica, rispetto a solo il 26 per cento della popolazione generale, il che implica che altri geni contribuiscono alla composizione genetica della malattia.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Alzheimer’s Disease & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association

Gene MGMT: ecco cosa ha rivelato la ricerca

La squadra di scienziati ha sviluppato una ricerca di associazione sull’intero genoma (GWAS) per l’Alzheimer in due set di dati indipendenti utilizzando metodi diversi: un metodo si è concentrato sulla demenza in una grande famiglia allargata di hutteriti, una popolazione fondatrice di origini dell’Europa centrale che si è stabilita nella regione centro-occidentale del paese.

MGMT

Le hutteriti sono spesso studiate per i determinanti genetici della malattia perché hanno un pool genetico relativamente piccolo a causa della loro coltura insulare isolata. In questo studio, le persone con Alzheimer erano tutte donne. Il secondo approccio, basato su prove che suggeriscono un legame tra l’Alzheimer e carcinoma mammario, ha studiato attentamente le informazioni genetiche da un gruppo nazionale di 10.340 donne prive di APOE ε4. In entrambi i set di dati, il nuovo gene MGMT è stato significativamente associato allo sviluppo del morbo di Alzheimer nelle donne.

Questa è una delle poche e forse le più forti associazioni di un fattore di rischio genetico per l’Alzheimer specifico per le donne“, ha affermato Lindsay Farrer, capo della genetica biomedica presso BUSM e aurice senior dello studio: “Questa scoperta è particolarmente solida perché è stata scoperta indipendentemente in due popolazioni distinte utilizzando approcci diversi. Mentre la scoperta nel grande set di dati era più pronunciata nelle donne che non hanno APOE ε4, il campione hutterite era troppo piccolo per valutare questo modello con qualche certezza”.

I ricercatori hanno quindi valutato ulteriormente il gene MGMT utilizzando più tipi di dati molecolari e altri tratti correlati all’Alzheimer derivati ​​dal tessuto cerebrale umano. Dopo uno studio approfondito, gli scienziati hanno scoperto che quell’espressione genica regolata epigeneticamente (cioè uno dei modi in cui le cellule controllano l’attività genica senza modificare la sequenza del DNA) di MGMT, che ha un ruolo nella riparazione del danno al DNA, è significativamente associata allo sviluppo del segno distintivo Proteine ​​del morbo di Alzheimer, amiloide-β e tau, soprattutto nelle donne.

Questo studio ha evidenziato il valore delle popolazioni fondatrici per gli studi di mappatura genetica di malattie come l’Alzheimer“, ha affermato Carole Ober, Chair of Human Genetics presso UChicago e autore senior dello studio: “L’ambiente relativamente uniforme e la ridotta variazione genetica negli hutteriti aumentano il nostro potere di trovare associazioni in campioni di dimensioni inferiori rispetto a quanto richiesto per gli studi sulla popolazione generale”.

MGMT

La convalida dei nostri risultati nel più ampio set di dati utilizzato dal gruppo della Boston University è stata enormemente gratificante e, in definitiva, ha portato a meccanismi epigenetici di supporto che collegavano entrambi i set di risultati GWAS al gene MGMT“, ha concluso l’ esperta.

Secondo i ricercatori, questo studio dimostra l’importanza della ricerca di fattori di rischio genetici per la malattia di Alzheimer che possono essere specifici per un genere. Sono necessari ulteriori studi per capire perché MGMT influenza il rischio di AD maggiore nelle donne rispetto agli uomini.

MGMT

Ritieni importante la scoperta del gene MGMT? Credi che possa diventare un target terapeutico per nuovi trattamenti personalizzati per il morbo di Alzheimer nelle donne? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI