Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Il furetto dai piedi neri Elizabeth Ann

Furetto dai piedi neri Elizabeth Ann, il 1º clonato

Il furetto dai piedi neri Elizabeth Ann potrebbe rappresentare una speranza per evitare l'estinzione della sua specie

Il furetto dai piedi neri Elizabeth Ann ha solo 2 mesi, ma la sua vita straordinaria sta già facendo la storia.

Questo furetto dai piedi neri è un clone di un animale morto più di 30 anni fa ed è il primo clone di successo di una specie in via di estinzione originaria degli Stati Uniti.

L’US Fish and Wildlife Service giovedì ha dichiarato che la nascita del furetto dai piedi neri Elizabeth Ann, il 10 dicembre, è stato un “audace passo avanti” negli sforzi per aumentare la diversità genetica e la resistenza alle malattie dei furetti dai piedi neri, che un tempo si pensava fossero estinti.

La specie è stata elencata come a rischio di estinzione dal 1967 ed è l’unico furetto nativo del Nord America.

Il furetto dai piedi neri Elizabeth Ann

“Sebbene questa ricerca sia preliminare, è la prima clonazione di una specie autoctona in via di estinzione in Nord America e fornisce uno strumento promettente per i continui sforzi per conservare il furetto dai piedi neri”

ha detto Noreen Walsh, direttore della US Fish and Wildlife Regione di Mountain-Prairie di Service.

Gli unici furetti viventi dai piedi neri oggi sono discendenti di sette individui, ha detto il Fish and Wildlife Service, che crea “sfide genetiche uniche” negli sforzi di recupero e conservazione.

Una mancanza di diversità genetica può far sì che una specie diventi più suscettibile a malattie e anomalie genetiche e può diminuire le possibilità di riproduzione di successo.

https://twitter.com/i/status/1362456141536526338

Le origini del furetto dai piedi neri Elizabeth Ann

Le origini del furetto dai piedi neri Elizabeth Ann risiedono in Willa, una tra le ultime specie selvatiche a essere trovate e catturate nel 1981, secondo quando detto dal Fish and Wildlife Service.

Lei, tra le altre trovate in quel momento, è stata inserita in un programma di riproduzione in cattività nel Wyoming Game and Fish Department nel tentativo di salvare la specie.

Il furetto dai piedi neri Elizabeth Ann

Secondo il Fish and Wildlife Service, Willa non dovrebbe avere discendenti viventi, tuttavia nel 1988 i suoi geni e campioni di tessuto furono conservati nel Frozen Zoo di San Diego Zoo Global.

Una perdita di habitat e prede sono le maggiori minacce per questa specie di furetto –secondo un report del Fish and Wildlife Service– e, quando è allo stato brado nelle praterie degli Stati Uniti, la specie fa molto affidamento sui cani della prateria per sopravvivere.

Insieme ai cani della prateria che costituiscono circa il 90% della loro dieta, i furetti dai piedi neri si affidano anche alle tane dei cani della prateria per ripararsi.

Oltre a rendere possibile la vita del furetto dai piedi neri Elizabeth Ann, le cellule di Willa possiedono “tre volte più variazioni uniche rispetto alla popolazione vivente” di furetti dai piedi neri.

Se il furetto dai piedi neri Elizabeth Ann sarà in grado di riprodursi, farà sì che la sua prole aggiunga più diversità alla popolazione di furetti dai piedi neri, rendendo la specie potenzialmente più resistente alle sfide naturali attuali e future.

Walsh ha affermato che il mantenimento e l’aumento delle popolazioni selvatiche della specie, oltre a preservare un habitat adatto, è “essenziale” affinché la specie si riprenda completamente.

Il furetto dai piedi neri Elizabeth Ann

“Il successo della clonazione genetica non diminuisce l’importanza di affrontare le minacce basate sull’habitat per la specie o l’attenzione del Servizio sull’affrontare la conservazione e la gestione dell’habitat per recuperare i furetti dai piedi neri”

ha detto Walsh.

Il furetto dai piedi neri Elizabeth Ann non verrà rilasciata in natura, bensì sarà oggetto di ulteriori ricerche mentre gli scienziati tentano di produrre ulteriori cloni di furetto dai piedi neri.

Ryan Phelan, il direttore esecutivo dell’organizzazione per la conservazione della fauna selvatica Revive and Restore, che ha collaborato con il Fish and Wildlife Service, ha detto che la genomica di Willa “ha rivelato il valore genetico che Willa potrebbe portare alla sua specie”.

“E ‘stato un impegno a vedere questa specie sopravvivere che ha portato alla nascita di successo di Elizabeth Ann. Vederla ora fiorente inaugura una nuova era per la sua specie e per le specie dipendenti dalla conservazione ovunque, ed è una vittoria per la biodiversità e per il salvataggio genetico”.

ha detto Phelan.

Se sei attratto dalla scienza, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tumori coesina-mutati: arriva una nuova importante scoperta

Samsung

In arrivo la One UI 3.1 su Galaxy S10 Lite e Galaxy M51

Carbon 1 MK II

Carbon 1 MK II: il primo smartphone in carbonio è qui

Huawei P50

Huawei P50 in arrivo a fine Marzo?

Xcloud

xCloud su browser e su iOS: tutte le ultime novità

Scienze

Astrociti: ecco il loro ruolo nella depressione

Cosa ne pensi dell’utilizzo della clonazione per mantenere vive alcune specie in via d’estinzione? Dicci la tua qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
tronsmart apollo q10

05 marzo, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0