Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Foresta amazzonica in crisi

La foresta amazzonica è in crisi: emessa più Co2 che assorbita

Gli scienziati, per la prima volta, hanno confermato che la foresta pluviale amazzonica è in crisi a tal punto da emettere più anidride carbonica di quanta ne sia in grado di assorbire

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Ormai è inutile girarci intorno, la foresta amazzonica è in crisi, la più grande foresta pluviale del mondo infatti è in bilico su una pericolosa fune, in una situazione che potrebbe rappresentare un ulteriore punto di non ritorno e che renderebbe ancora più drastico il cambiamento climatico già in corso.

Foresta amazzonica in crisi

Secondo un nuovo importante studio, riportato sulla rivista Nature, sembra che la deforestazione e il cambiamento climatico stiano spingendo l’Amazzonia verso un triste punto di svolta, con parti significative della più grande foresta pluviale tropicale del mondo che ora emettono più carbonio di quanto ne assorba.

La maggior parte delle emissioni, e il fatto che la foresta amazzonica è in crisi, sono causate da incendi, molti dei quali deliberatamente destinati a liberare terreni per la produzione di carne bovina e soia tuttavia, anche senza incendi, temperature più calde e siccità hanno fatto si che l’Amazzonia sud-orientale diventasse una fonte di CO2, piuttosto che un pozzo in cui conservarla.

Gli alberi e le piante in crescita hanno assorbito circa un quarto di tutte le emissioni di combustibili fossili dal 1960, con l’Amazzonia che svolge un ruolo importante come la più grande foresta tropicale, tuttavia il fatto che la foresta amazzonica è in crisi, perdere il suo “potere” di catturare la CO2, è un duro avvertimento che ridurre le emissioni dei combustibili fossili è più urgente che mai, hanno detto gli scienziati.

Gli ultimi anni hanno visto un certo numero di scienziati dibattere e ipotizzare se parti dell’Amazzonia avessero fatto questo temuto capovolgimento e, proprio come sospettavano, questo nuovo studio conferma la loro preoccupazione, la foresta amazzonica è in crisi e delle parti non proteggano più dai cambiamenti climatici ma, di fatto, contribuiscano effettivamente alle emissioni di gas serra.

Foresta amazzonica in crisi

Il nuovo studio, condotto dall’Istituto nazionale brasiliano per la ricerca spaziale e dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti, ha esaminato le osservazioni degli aerei sulle concentrazioni di anidride carbonica e monossido di carbonio nella troposfera, lo strato più basso dell’atmosfera terrestre, sopra l’Amazzonia brasiliana dal 2010 al 2018.

Le loro scoperte mostrano che la parte sudorientale della foresta amazzonica è in crisi, risultando essere a tutti gli effetti un emettitore e fonte sostanziale di carbonio, piuttosto che esserne un “ripulitore”.

“Utilizzando quasi 10 anni di misurazioni di CO2 (anidride carbonica), abbiamo scoperto che l’Amazzonia orientale più deforestata e stressata dal clima, in particolare il sud-est, era un emettitore netto di CO2 nell’atmosfera, soprattutto a causa degli incendi”,

ha spiegato in una dichiarazione John Miller , coautore dello studio e scienziato del Global Monitoring Laboratory della NOAA.

“D’altra parte, l’Amazzonia occidentale e centrale, più umida e intatta, non era né un pozzo di carbonio né una fonte di CO2 atmosferica, con l’assorbimento da parte di foreste sane che bilanciava le emissioni degli incendi”.

Uno dei motivi principali di questo spostamento nei cosiddetti “polmoni del pianeta” è la deforestazione.

Le foreste pluviali fungono da serbatoi di carbonio grazie alla loro ricchezza di alberi e piante che “risucchiano” l’anidride carbonica dall’ambiente e la utilizzano per la fotosintesi, il carbonio viene infatti “sequestrato” dalle piante e immagazzinato come biomassa.

Foresta amazzonica in crisi

Un’enorme quantità di carbonio viene anche immagazzinata nel suolo come materia organica morta, come gli alberi in decomposizione; in termini più semplici, meno alberi significa meno potenziale per la foresta pluviale di assorbire carbonio.

D’altra parte, le foreste pluviali emettono carbonio anche attraverso la respirazione di microrganismi che decompongono gli alberi una volta morti ma, gli incendi boschivi, che sono stati molto importanti in Amazzonia negli ultimi anni, rilasciano nell’atmosfera anche enormi quantità di carbonio immagazzinato.

Proprio riguardo al fatto che la foresta amazzonica è in crisi, il governo del presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, è stato duramente criticato per aver incoraggiato una maggiore deforestazione, che è salita al massimo da 12 anni, mentre gli incendi hanno raggiunto il livello più alto a giugno dal 2007.

Tutti questi fattori sono culminati nella sciagurata situazione in cui  la regione sudorientale della foresta amazzonica è in crisi, la quale è stata colpita particolarmente duramente dalla deforestazione negli ultimi 40 anni, registrando circa il 30% della deforestazione totale.

Luciana Gatti, dell’Istituto nazionale per la ricerca spaziale in Brasile e che ha guidato la ricerca, riguardo al fatto che la foresta amazzonica è in crisi, ha dichiarato:

“La prima brutta notizia è che l’incendio delle foreste produce circa tre volte più CO2 di quanto la foresta assorba.

La seconda cattiva notizia è che i luoghi in cui la deforestazione è pari o superiore al 30% mostrano emissioni di carbonio 10 volte superiori rispetto a quelle in cui la deforestazione è inferiore al 20%”.

Meno alberi significavano meno pioggia e temperature più elevate, rendendo la stagione secca ancora peggiore per la foresta rimanente:

“Abbiamo un ciclo molto negativo che rende la foresta più suscettibile agli incendi incontrollati”.

Come si è mosso il mondo alla realtà che la foresta amazzonica è in crisi

Foresta amazzonica in crisi

Per far fronte al fatto che la foresta amazzonica è in crisi, alcune nazioni europee hanno affermato che bloccheranno un accordo commerciale dell’UE con il Brasile e altri paesi a meno che Bolsonaro non accetti di fare di più per affrontare la distruzione dell’Amazzonia, gran parte del legname, della carne bovina e della soia dell’Amazzonia viene infatti esportata dal Brasile.

Abbiamo bisogno di un accordo globale per salvare l’Amazzonia

ha detto Gatti.

“Immaginate se potessimo vietare gli incendi in Amazzonia, potrebbe essere un pozzo di carbonio, ma stiamo facendo il contrario: stiamo accelerando il cambiamento climatico.

La parte peggiore è che non usiamo la scienza per prendere decisioni, la gente pensa che convertire più terra in agricoltura significherà più produttività, ma in realtà perdiamo produttività a causa dell’impatto negativo sulla pioggia”.

Il professore Scott Denning, della Colorado State University, ha affermato che la campagna di ricerca aerea è stata eroica.

“Nel sud-est, la foresta non cresce più più velocemente di quanto non stia morendo. Questo è un male: avere l’assorbitore di carbonio più produttivo del pianeta che passa da un pozzo a una fonte significa che dobbiamo eliminare i combustibili fossili più velocemente di quanto pensassimo».

Uno studio satellitare pubblicato ad aprile ha scoperto che l’Amazzonia brasiliana ha rilasciato quasi il 20% in più di anidride carbonica nell’atmosfera negli ultimi dieci anni rispetto a quella assorbita.

La ricerca che ha monitorato 300.000 alberi in 30 anni, pubblicata nel 2020, ha mostrato che le foreste tropicali assorbono meno CO2 rispetto a prima, il che ha dimostrato, anche secondo Denning, che sebbene siano studi complementari con metodi radicalmente diversi, arrivano a conclusioni molto simili, ovvero che la foresta amazzonica è in crisi.

Foresta amazzonica in crisi

Mentre la foresta amazzonica è in crisi e continua a essere devastata dalla deforestazione e dai cambiamenti climatici incondizionati, i ricercatori ora stanno tenendo d’occhio con impazienza altre parti della foresta pluviale, preoccupandosi se e quando potrebbero violare il punto critico di diventare anche una fonte di carbonio.

“La grande domanda che questa ricerca solleva è se la connessione tra clima, deforestazione e carbonio che vediamo nell’Amazzonia orientale potrebbe un giorno essere il destino dell’Amazzonia centrale e occidentale, se diventano soggette a un impatto umano più forte”

ha avvertito Miller.

Se sei attratto dalla scienza continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Scienze

I virus possono uccidere le larve di vespa che vengono gestate all’interno di bruchi infetti

Scienze

Troppo consumo di caffè può causare demenza e ictus?

Scienze

Steven Weinberg muore a 88 anni, la fisica perde un titano

Samsung

Samsung 21 FE si nega ai fan, non ci sarà all’evento dell’11 agosto

Honor

Honor pronta a lanciare il suo primo smartphone pieghevole?

Nuove tecnologie

Crisi dei chip fino al 2022 e truffe dei grandi Brand

Cosa ne pensi del fatto che la foresta amazzonica è in crisi? Secondo te siamo ancora in tempo per salvarla? Quale potrebbe essere secondo te una delle soluzioni da attuare nell’immediato? Parliamone insieme qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Intel e AMD

20 aprile, 2021

Trump Twitter

20 aprile, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0