estinzione

Estinzione: per gli esseri umani 1 probabilità concreta

Non siamo esenti dall'estinzione, come nessuna specie del Pianeta Terra, ma è davvero possibile che possa accadere prima di quanto pensiamo?

Quasi tutte le specie che siano mai vissute hanno subito l’estinzione. Gli esseri umani saranno diversi? Ci sono giorni in cui è difficile non chiedersi quanto tempo sia rimasto per l’umanità. Che si tratti di guerra, carestia, un altro triste rapporto sul cambiamento climatico o una pandemia che ha ucciso 6 milioni di persone fino ad oggi, la vita su questo pianeta può iniziare a sembrare precaria. A volte, sembra tutto un film d’azione che entra nel suo atto finale.

Ma è davvero possibile che quasi 8 miliardi di esseri umani possano un giorno scomparire? Che il pianeta possa continuare a girare in pace senza di noi?

“La fine del mondo è un ottimo concetto per dare forma alla storia”, afferma Anders Sandberg, ricercatore senior presso il Future of Humanity Institute dell’Università di Oxford. “Vogliamo sapere come va a finire. Vogliamo che ci sia un significato, una tragedia o una commedia. Forse una risata alla fine dell’universo”.

Si scopre che scienziati, studiosi, esperti di politica e altri stanno studiando questa domanda, cercando di decifrare come potrebbe avvenire l’estinzione dell’umanità e se c’è qualcosa che si può fare per prevenirla.

Bene, questo è un pensiero davvero triste, ma il fatto che qualcuno sia preoccupato che gli esseri umani possano estinguersi è relativamente nuovo, afferma Thomas Moynihan, autore del libro X-Risk: How Humanity Discovered Its Own Extinction.

C’erano sussurri marginali nel 1700. Nel 1800 i poeti romantici raccolsero l’idea. The Last Man di Mary Shelley parlava di una piaga che ha quasi ucciso l’umanità. Pochi all’epoca erano ansiosi di leggere una storia così edificante. L’ascesa del darwinismo ha dato alla gente una certa comprensione del fatto che gli esseri umani facevano parte di una lunga catena di organismi.

Nel 1924 Winston Churchill scrisse il saggio Shall We All Commit Suicide? Sul potenziale della guerra di causare un’estinzione di tutti gli esseri umani. Ma secondo Moynihan, forse è stato solo con la detonazione della bomba atomica durante la seconda guerra mondiale che le persone si sono rese conto che avrebbero potuto essere spazzate via.

Gli umani alla fine si sono resi conto che potremmo essere gli unici là fuori esattamente come noi. Qualunque cosa abbiamo, per quanto imperfetta sia, un giorno potrebbe essere vittima dell’estinzione, persa, non solo dal pianeta, ma dall’universo.

“Una volta che una specie è scomparsa, è scomparsa per sempre. L’estinzione è per sempre”, dice Moynihan, “Ora ne comprendiamo le conseguenze”.

C’è altro che possiamo imparare su dove stiamo andando come specie guardando al passato (anche oltre tutti gli umani premoderni che non sono più con noi), in particolare, alla documentazione sui fossili. In un articolo del 2020 sull’estinzione umana in The Conversation, il paleontologo Nick Longrich ha sottolineato che il 99,9% di tutte le specie che siano mai vissute sulla Terra sono ora estinte.

Quindi, forse le nostre probabilità non sono grandi. Inoltre, gli esseri umani hanno anche alcune vulnerabilità chiave che potrebbero rendere difficile sopravvivere a una catastrofe su larga scala: siamo questi grandi animali a sangue caldo che hanno bisogno di molto cibo; le nostre generazioni sono relativamente lunghe e non siamo gli allevatori più prolifici, scrive Longrich.

Essere umani ha anche alcuni vantaggi, però. “Siamo una specie profondamente strana, diffusa, abbondante, estremamente adattabile, e che come suggeriscono in molti, resteremo in giro per un bel po’”, scrive Longrich, osservando che gli umani sono praticamente ovunque. Possiamo adattare le nostre diete in modi in cui altre specie non possono, e possiamo imparare e cambiare i nostri comportamenti.

Estinzione: un affare rischioso

estinzione

Coloro che lavorano nel campo del rischio esistenziale stanno spingendo le persone al giorno d’oggi a fare proprio questo: imparare e cambiare i nostri comportamenti.

Il Future of Life Institute è un’organizzazione di sensibilizzazione con sede a Boston che si concentra su come evitare di commettere grandi errori che mettono fine alla specie con la tecnologia. Il comitato consultivo di FLI è ricco di nomi di istituzioni come il Massachusetts Institute of Technology, l’Università di Harvard e l’Università di Cambridge, oltre a Elon Musk, Morgan Freeman e Alan Alda, per buona misura.

In un’intervista recente il consulente senior per gli affari governativi Jared Brown parlò di qualcosa chiamato il dilemma di Collingridge. Quando viene sviluppata una nuova tecnologia, ne vediamo i vantaggi. Il fuoco, ad esempio, era ottimo per tenerci al caldo e tenere lontani i predatori. Quando una tecnologia diventa radicata nel modo in cui funziona una società, iniziamo a conoscere gli aspetti negativi, come l’incendio di villaggi.

Oppure, tre miglia quadrate di Chicago come nel 1871. Nel complesso, però, prendiamo per lo più il bene e il male insieme. Ogni anno molte persone muoiono a causa di incidenti stradali, ma guidiamo ancora le auto.

“Funziona fino al punto in cui alcuni dei pericoli sono potenzialmente catastrofici o esistenziali. E non impari una lezione due volte”, dice Brown.

Quando FLI esamina le sue quattro principali minacce esistenziali: intelligenza artificiale, cambiamento climatico, armi nucleari e biotecnologia. La tecnologia è al centro di tutte, anche risalendo all’invenzione del motore a combustione.

Ecco perché gruppi come FLI stanno cercando di ottenere i poteri, come i legislatori, per creare salvaguardie ora prima che ne abbiamo bisogno. Non è sempre facile parlare con le persone di un argomento che è in qualche modo grande e spaventoso, ma anche abbastanza astratto da non essere una preoccupazione immediata.

Un’intelligenza artificiale canaglia intesa a massimizzare la produzione di graffette potrebbe un giorno decidere che gli esseri umani stanno rallentando il processo e devono essere eliminati? Ehi, forse. Ma non accadrà la prossima settimana.

“L’istinto naturale è, ‘Questo è un problema di qualcun altro’… O anche, ‘Se ti credo, cosa diavolo farò al riguardo?'”, dice Brown.

In una svolta inquietante, la pandemia ha portato nell’equazione un po’ di pregiudizio dell’attualità, dice. Forse sembra meno un allarmista torcere le mani per preoccuparsi di un evento che apparentemente è venuto fuori dal nulla e ha colpito ogni persona sul pianeta. Per FLI, il punto non è tanto fare un conto alla rovescia per il disastro.

“Non sentiamo necessario essere a conoscenza di una probabilità che nei prossimi 30 anni una minaccia possa essere un problema per noi, ma sapere che c’è abbastanza incertezza sul rischio che dovremmo affrontarla”, dice Brown.

Sopravvivere alla fine

estinzione

Nonostante queste quattro principali aree di rischio, fortunatamente non c’è alcuna garanzia che un disastro eliminerebbe ogni singola persona del pianeta. È un piccolo conforto, ma come dice Sandberg, “Puoi immaginare facilmente qualcuno rintanato in un Walmart con un apriscatole”.

Finché qualsiasi disastro, o confluenza di disastri, che ci accade lascia almeno alcuni sopravvissuti, ci potrebbe essere speranza. Rimane in discussione il numero di esseri umani necessari all’umanità per sopravvivere. A seconda di chi chiedi, potrebbe essere da mille in su. Quelle persone dovrebbero comunque sopravvivere a qualsiasi altra sfida emersa lungo la strada.

“Non comprendiamo ancora davvero la resilienza delle nostre società”, afferma Sandberg. Per quanto incredibilmente cupe possano sembrare le prospettive degli esseri umani, anche alcune di quelle persone che ogni giorno meditano sul rischio esistenziale non pensano che gli esseri umani siano del tutto giù e fuori di testa. Almeno non ancora.

Una differenza fondamentale tra gli esseri umani e ogni altro essere vivente sul pianeta è che gli esseri umani hanno la capacità di cambiare le loro opinioni sul mondo e di correggere la rotta, dice Moynihan. Ma solo perché possiamo cambiare i nostri modi, non significa che lo facciamo sempre.

“Penso che il futuro potrebbe essere migliore in modi che non possiamo nemmeno comprendere”, dice, “Ma questo non significa che lo sarà. Ciò per cui vale la pena lottare è quella capacità per noi di rivedere noi stessi, correggere gli errori del passato, e che continua a confonderti”.

Sandberg, nel frattempo, indossa una medaglia di acciaio inossidabile su una catena al collo ovunque vada. La considera una medaglia secolare di San Cristoforo, il santo patrono dei viaggiatori. Invece di rappresentare il santo del terzo secolo, questa medaglia ha istruzioni su cosa fare con il corpo di Sandberg se muore.

Pompalo pieno di eparina; congelare velocemente.

La testa di Sandberg sarà congelata dalla Alcor Life Extension Foundation e, idealmente, verrà ripresa in un’epoca lontana. La decisione di entrare in Alcor è stata presa, in parte, per curiosità su come sarà il futuro, in attesa di molte, molte domande, sia pratiche che esistenziali sul fatto che questo esperimento funzioni, e in una certa misura, un pizzico di fede nel futuro.

“Sono un ottimista”, dice Sandberg, “il futuro potrebbe essere fantastico. Penso che il mondo sia davvero buono. E potrebbe essere anche migliore, molto migliore, il che significa che abbiamo una ragione per cercare di salvaguardare il futuro. “

Che ne pensi di questa teorizzazione dell’estinzione? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI