Emofilia B

Emofilia B: nuova terapia genica riduce il rischio di sanguinamento

Un un recente studio i ricercatori dell'UCL hanno dato prova dell'efficienza di una nuova terapia genica nel trattamento dell'emofilia B. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica New England Journal of Medicine

In una ricerca sviluppata dagli studiosi dell’UCL, è stato dimostrato che una singola iniezione di terapia genica potrebbe ridurre drasticamente il rischio di sanguinamento che devono affrontare le persone con diagnosi di emofilia B. Gli esperti dell’UCL, del Royal Free Hospital e della società di biotecnologie Freeline Therapeutics hanno testato e continuano a valutare un nuovo tipo di candidato alla terapia genica del virus adeno-associato (AAV), chiamato FLT180a, per il trattamento casi gravi e moderatamente gravi della condizione.

Emofilia B

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica New England Journal of Medicine.

Emofilia B: ecco come funziona la nuova terapia genica

L’emofilia B è una malattia emorragica genetica rara ed ereditaria causata da bassi livelli della proteina fattore IX (FIX) , necessaria per formare coaguli di sangue che aiutano a prevenire o fermare l’emorragia. Il gene responsabile della produzione della proteina FIX si trova sul cromosoma X, quindi la forma grave di emofilia B è molto più comune negli uomini.

Emofilia B

Ad oggi, i pazienti con diagnosi di emofilia B devono somministrarsi regolarmente, di solito settimanalmente, il FIX ricombinante, cioè una terapia sostitutiva regolare per prevenire un’emorragia eccessiva. Nonostante i progressi nel trattamento, i pazienti possono continuare a vedere danni articolari debilitanti.

Lo studio clinico multicentrico di Fase I/II, denominato B-AMAZE, e il relativo studio di follow-up a lungo termine hanno dimostrato che il trattamento una tantum con FLT180a ha portato a una produzione prolungata di proteina FIX dal fegato in nove pazienti su dieci, in quattro diversi livelli di dose, eliminando la necessità di una terapia sostitutiva regolare.

Su 17 pazienti maschi di età pari o superiore a 18 anni sottoposti a screening, dieci con emofilia B grave o moderatamente grave hanno partecipato come volontari alla ricerca della durata di 26 settimane di FLT180a. I volontari dibo stati inoltre tutti arruolati nello studio di follow-up a lungo termine per valutare la sicurezza e la durata dell’espressione di FIX per 15 anni.

L’autrice principale, la Professoressa Pratima Chowdary (Royal Free Hospital, UCL Cancer Institute), ha dichiarato che: “Rimuovere la necessità per i pazienti emofilici di iniettarsi regolarmente la proteina mancante è un passo importante per migliorare la loro qualità di vita. Lo studio di follow-up a lungo termine monitorerà i pazienti per la durata dell’espressione e la sorveglianza per gli effetti tardivi”.

Emofilia B

La terapia genica AAV ha funzionato sfruttando un imballaggio delle proteine ​​che si trovano nel rivestimento esterno del virus, per fornire una copia funzionale di un gene direttamente ai tessuti del paziente per compensare uno che non funziona correttamente. Le proteine ​​di nuova sintesi vengono rilasciate nel sangue e un’infusione una tantum può ottenere effetti di lunga durata.

I soggetti con emofilia B devono assumere farmaci immunosoppressori per diverse settimane o diversi mesi, per impedire al loro sistema immunitario di rifiutare la terapia e tutti gli effetti collaterali noti segnalati. Sebbene il trattamento sia stato generalmente ben tollerato, tutti i pazienti hanno manifestato una qualche forma di effetto collaterale, con un coagulo sanguigno anormale in uno che ha ricevuto la dose più alta di FLT180a e aveva i livelli più alti di proteina FIX.

Il co-fondatore di Freeline, il Professor Amit Nathwani (UCL Medical Sciences), coautore dello studio, ha spiegato che: “La terapia genica è ancora un campo giovane che spinge i confini della scienza per le persone con gravi malattie genetiche. I dati a lungo termine di B-AMAZE si aggiungono al crescente corpo di prove che la terapia genica ha il potenziale per liberare i pazienti dalle sfide di dover aderire ad una terapia per tutta la vita o potrebbe fornire un trattamento dove oggi non esiste”.

In nove partecipanti alla ricerca su dieci, il trattamento ha portato a un aumento sostenuto della produzione di proteine ​​FIX, che ha portato a una diminuzione del sanguinamento eccessivo. Inoltre, non sono state più  necessarie le iniezioni settimanali di proteine ​​FIX. Dopo 26 settimane, cinque pazienti hanno manifestato livelli normali di proteina FIX, tre hanno manifestato livelli bassi ma aumentati e un paziente trattato alla dose più alta ha manifestato un livello anormalmente alto.

Emofilia B

Pamela Foulds, Chief Medical Officer di Freeline, ha specificato che: “I dati a lungo termine di B-AMAZE continuano a supportare la nostra fiducia che una singola dose di FLT180a potrebbe proteggere le persone con emofilia B dal sanguinamento e dalla necessità di una sostituzione permanente del FIX attraverso espressione di FIX a livelli protettivi“. Il Professor Geraint Rees (UCL Vice-Provost Research, Innovation and Global Engagement, and Non-Executive Director of UCL Business), ha aggiunto che “I risultati di questo importante studio sono un perfetto esempio di come la ricerca e l’innovazione dell’UCL possano tradursi nel mondo reale e impatto che cambia la vita”.

Luigi Naldini, direttore dell’IstitutoTelethonSan Raffaele per la terapia genica, ha dichiarato: “L’obiettivo è certamente il miglioramento della qualità della vita dei malati, per ora di coloro che soffrono di emofilia di tipo B, la forma meno frequente. Ma la strada della terapia genica potrebbe essere percorsa, se i risultati ci daranno ragione, anche per i malati di emofilia di tipo A, più diffusa.”

Siamo di fronte ad una malattia genetica. Chi ne è affetto ha un difetto in uno dei geni coinvolti nella coagulazione del sangue e deve subire ogni 2-3 giorni, per tutta la vita, la somministrazione per via endovenosa del fattore mancante, che il gene “difettoso” non è in grado di produrre.
Con la terapia genica l’obiettivo è di inserire al posto giusto il gene mancante“, ha continuato l’esperto.

Lo si fa iniettando nel circolo sanguigno un cosiddetto vettore lentivirale, una sorta di camioncino che raggiunge il fegato – sede naturale di produzione del fattore della coagulazione mancante in questi malati – dove deposita una copia funzionante del gene, che si integra nel posto giusto. Le cellule del fegato così corrette possono quindi immettere continuativamente il fattore nel circolo sanguigno, all’interno del quale potrà svolgere la sua funzione quando necessario“.

Emofilia B

È differente l’approccio di chi è affetto da malattie potenzialmente letali e senza possibilità di cura convenzionale rispetto a chi può disporre di una terapia efficace, per quanto impegnativa e non risolutiva. Per i primi la terapia genica può talvolta rappresentare l’unica strada da percorrere, per i secondi invece vale la possibilità di un miglioramento sostanziale della qualità di vita”.

“È evidente che il rapporto rischio-beneficio sarà molto diverso nei due casi e che quando vi sono trattamenti disponibili la giustificazione per sperimentare una nuova terapia genica dovrà anche basarsi su solide evidenze di sicurezza. Lo scopo del nostro lavoro e di tanti gruppi di ricercatori in tutto il mondo è ampliare l’applicazione di questa tecnica a più ambiti, migliorandone efficacia e sicurezza“, ha concluso Luigi Naldini.

Cosa ne pensi della nuova terapia genica per il trattamento dell’Emofilia B? Ti piacerebbe partecipare allo studio? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI