Donne con psoriasi

Donne con psoriasi: più a rischio di gravidanze extrauterine

Una ricerca sviluppata dagli scienziati dell'Università della Danimarca ha dimostrato che le donne con psoriasi corrono un rischio maggiore di avere una gravidanza extrauterina. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica JAAD International

Secondo una ricerca condotta dagli esperti dell’Università della Danimarca, le donne con psoriasi corrono un rischio maggiore di avere una gravidanza extrauterina possibilità che è maggiore per quelle con psoriasi da moderata a grave.

Donne con psoriasi

Una gravidanza extrauterina si verifica quando un ovulo fecondato si impianta e cresce al di fuori della cavità principale dell’utero. Essa si manifesta più spesso in una tuba di Falloppio, che trasporta l’ovulo dalle ovaie all’utero. Questo tipo di gravidanza extrauterina è chiamata gravidanza tubarica.

 A volte, una gravidanza extrauterina si verifica in altre aree del corpo, come l’ovaio, la cavità addominale o la parte inferiore dell’utero (cervice), che si collega alla vagina.Una gravidanza extrauterina non può procedere normalmente. L’uovo fecondato non può sopravvivere e il tessuto in crescita può causare emorragie pericolose per la vita, se non trattato.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica JAAD International.

Donne con psoriasi e rischio di gravidanze extrauterine: ecco cosa dice la ricerca

Cæcilie Bachdal Johansen, ricercatrice dell’Università di Copenaghen in Danimarca, insieme alla sua squadra di collaboratori, ha studiato attentamente l’associazione tra donne con psoriasi ed esiti avversi della gravidanza (APO) in uno studio caso-controllo basato su un registro nazionale che coinvolge i dati raccolti dal 1973 al 2017. I casi erano APO, compreso l’aborto spontaneo, EP, morte fetale intrauterina e natimortalità; i controlli erano nati vivi singleton.

Donne con psoriasi

Gli studiosi hanno incluso 42.041 APO e 449.233 controlli (rispettivamente 8,56 e 91,44%). L’unico APO che è stato statisticamente significativamente associato alla psoriasi era EP (odds ratio, 1,34). Le donne con psoriasi da moderata a grave hanno manifestato l’odds ratio più alto per EP (odds ratio, 2,77). Rispetto alle donne senza psoriasi, le donne con psoriasi da moderata a grave corrono un rischio assoluto più alto del 2,48% per EP (3,98 contro 1,50%).

“Poiché l’EP è la principale causa di morbilità e mortalità materna nel primo trimestre di gravidanza, i nostri risultati richiedono un’attenzione particolare per le donne con psoriasi in età riproduttiva, ovvero informare le pazienti sessualmente attive di cercare una valutazione ginecologica di emergenza in caso di dolore all’addome inferiore, assenza non pianificata di mestruazioni e concomitante leggero sanguinamento vaginale“, hanno dichiarato gli autori della ricerca.

La psoriasi è una comune malattia infiammatoria cronica della pelle che può colpire qualsiasi parte del corpo. È una condizione altamente visibile con sintomi che includono la comparsa di macchie rosse, spesse e squamose su braccia, gambe, tronco, piante dei piedi, palmi e unghie, ma più comunemente su gomiti, ginocchia e cuoio capelluto.

Per le donne con psoriasi, la diagnosi e l’inizio delle terapie possono verificarsi durante il momento di maggiore fertilità, fattore che ne complica la gestione. Inoltre, è noto che l’attività della psoriasi può fluttuare con cambiamenti ormonali, compresi quelli che si verificano durante la gravidanza.

Sappiamo che il principale fattore di rischio per la psoriasi è il patrimonio genetico del paziente. Tuttavia, gli ormoni femminili possono influenzare la gravità della malattia“, ha dichiarato Jenny Murase, Professoressa Clinica Associata di Dermatologia presso l’Università della California, San Francisco e Direttrice di Medical Consultative Dermatology, presso la Palo Alto Medical Foundation di Mountain View, California.

Donne con psoriasi

Gli estrogeni, in particolare, hanno un ruolo importante sulla gravità della psoriasi nelle donne. La ricerca ha dimostrato che durante la gravidanza, molte pazienti riferiscono un miglioramento dei sintomi della psoriasi. “Quando i livelli di estrogeni aumentano [durante] la gravidanza, la psoriasi tende a migliorare e quando diminuisce subito dopo la nascita del bambino, peggiora“, ha spiegato la dottoressa Murase.

Uno studio su donne con psoriasi ha mostrato che il 55% delle donne con psoriasi durante la gravidanza  ha manifestato un miglioramento della loro malattia, correlato a un alto livello di estrogeni. Tuttavia, solo il 9% delle pazienti ha riportato un miglioramento durante il periodo postpartum. Non solo, i dati della ricerca hanno rilevato che la superficie corporea della psoriasi è diminuita significativamente tra 10 e 20 settimane di gestazione ed è aumentata significativamente entro 6 settimane dopo il parto.

Inoltre, ci sono prove che i recettori degli estrogeni siano un membro della superfamiglia dei recettori nucleari per gli ormoni steroidei. “Il recettore degli estrogeni è un recettore nucleare. L’estrogeno si lega a questi recettori come fanno la vitamina D, i corticosteroidi e altri ormoni tiroidei e questi farmaci sono stati usati come trattamenti per la psoriasi“, ha concluso la dottoressa Murase.

Donne con psoriasi

È fondamentale sottolineare l’importanza che riveste il proprio medico di fiducia se le donne con psoriasi a conoscenza di questa ricerca, perché è importante parlargliene in modo che risponda ad ogni dubbio legittimo e sappia indirizzarle verso specialisti competenti.

Cosa ne pensi dei risultati di questa ricerca? Ne parlerai col tuo medico di fiducia? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI