Dolcificanti non nutritivi

Dolcificanti non nutritivi alterano la risposta glicemica 

Diverse ricerche hanno dimostrato che i dolcificanti non nutritivi come l'acesulfame potassio e il sucralosio alterano la risposta glicemica e interferiscono con la disintossicazione del fegato. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell e presentati all'incontro annuale dell'American Society for Biochemistry and Molecular Biology durante il meeting Experimental Biology (EB) 2022, che si è tenuta dal 2 al 5 aprile a Filadelfia

Dalla fine del 1800 i dolcificanti non nutritivi hanno garantito la possibilità di dolcificare come lo zucchero ma senza l’apporto di calorie. Si è creduto a lungo che non avessero alcun effetto sul corpo umano, ma una squadra di ricercatori hanno messo in dubbio queste conoscenze scoprendo che questi sostituti dello zucchero non sono inerti e, in effetti, alcuni possono alterare i microbiomi dei consumatori umani in un modo che può cambiare i loro livelli di zucchero nel sangue.

Dolcificanti non nutritivi
I dolcificanti non nutritivi influenzano i microbiomi umani e possono alterare le risposte glicemiche. Credito: Cell/Suez et al.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell.

Dolcificanti non nutritivi: sono realmente innocui?

Nel 2014, l’autore senior Eran Elinav, immunologo e ricercatore sul microbioma presso il Weizmann Institute of Science e il German National Cancer Center (DKFZ), insieme alla sua squadra di collaboratori, ha scoperto che i dolcificanti non nutritivi hanno influenzato il microbioma dei topi in modi da poter influire sulle loro risposte glicemiche. Il gruppo di ricercatori era interessato a sapere se questi risultati sarebbero stati trovati anche negli esseri umani.

Dolcificanti non nutritivi

Per rispondere a questa importante domanda, il team di ricerca ha studiato attentamente oltre 1.300 individui, compresi coloro che evitano rigorosamente i dolcificanti non nutritivi nella loro vita quotidiana, riuscendo a costituire una coorte di 120 individui. I volontari reclutati per questo studio sono stati suddivisi in sei gruppi: due di controllo e quattro che hanno ingerito ben al di sotto delle dosi giornaliere FDA di aspartame, saccarina, stevia o sucralosio.

“Nei soggetti che consumano i dolcificanti non nutritivi, abbiamo potuto identificare cambiamenti molto distinti nella composizione e nella funzione dei microbi intestinali e delle molecole che secernono nel sangue periferico. Ciò sembrava suggerire che i microbi intestinali nel corpo umano sono piuttosto sensibili a ciascuno di essi. di questi dolcificanti”, ha affermato Elinav.

 “Quando abbiamo esaminato i consumatori di dolcificanti non nutritivi come gruppi, abbiamo scoperto che due dei dolcificanti non nutritivi, saccarina e sucralosio, hanno avuto un impatto significativo sulla tolleranza al glucosio negli adulti sani. È interessante notare che i cambiamenti nei microbi erano altamente correlati con le alterazioni notate nelle risposte glicemiche delle persone”, ha continuato l’esperto.

Per stabilire la causalità, i ricercatori hanno trasferito campioni microbici dai soggetti dello studio a topi privi di germi, topi che sono stati allevati in condizioni completamente sterili e non hanno un proprio microbioma.

“I risultati sono stati piuttosto sorprendenti”, ha dit Elinav: “In tutti i gruppi che hanno assunto dolcificanti non nutritivi, ma in nessuno dei gruppi di controllo, quando abbiamo trasferito in questi topi sterili il microbioma degli individui che hanno manifestato una risposta più importante si è osservato in un momento in cui stavano consumando i rispettivi dolcificanti non nutritivi che i topi riceventi hanno sviluppato alterazioni glicemiche che rispecchiavano in modo molto significativo quelle degli individui donatori”.

“Al contrario, i microbiomi dei rispondenti inferiori non erano per lo più in grado di suscitare tali risposte glicemiche”, ha aggiunto lo studioso: “Questi risultati suggeriscono che i cambiamenti del microbioma in risposta al consumo umano di dolcificanti non nutritivi possono, a volte, indurre cambiamenti glicemici nei consumatori in modo altamente personalizzato”.

Dolcificanti nutritivi

Elinav ha dichiarato che si aspetta che gli effetti dei dolcificanti non nutritivi varieranno da persona a persona a causa della composizione incredibilmente unica del nostro microbioma: “Dobbiamo aumentare la consapevolezza del fatto che i dolcificanti non nutritivi non sono inerti per il corpo umano come credevamo inizialmente. Detto questo, le implicazioni sulla salute clinica dei cambiamenti che possono provocare negli esseri umani rimangono sconosciute e meritano un futuro a lungo termine studi”.

“Nel frattempo, dobbiamo continuare a cercare soluzioni alla nostra voglia di dolci, evitando allo stesso tempo lo zucchero, che è chiaramente il più dannoso per la nostra salute metabolica”, ha concluso Elinav: “Secondo me, bere solo acqua sembra essere la soluzione migliore”.

In un altro studio è stato dimostrato che i dolcificanti non nutritivi interferiscono con la disintossicazione del fegato, interrompendo la funzione di una proteina che svolge proprio questa funzione, oltre ad intervenire nel metabolismo di alcuni farmaci.

Dolcificanti non nutritivi
I dolcificanti non nutritivi (NNS) consumati nella dieta entrano nel fegato dalla circolazione sanguigna. I ricercatori hanno scoperto che nelle cellule del fegato, il trasportatore disintossicante glicoproteina P (PGP) esporta NNS preferenzialmente a diversi composti noti del substrato. In un contesto fisiologico, ciò potrebbe lasciare altri substrati PGP come alcuni farmaci intrappolati nelle cellule, portando potenzialmente a tossicità epatica. Credito: Laura Danner, Medical College of Wisconsin. Creato con BioRender.

“Con una stima del 40% degli americani che consumano regolarmente dolcificanti non nutritivi, è importante capire come influenzano il corpo”, ha affermato Laura Danner, ricercatrice  presso il Medical College of Wisconsin: “In effetti, molte persone non si rendono conto che questi dolcificanti si trovano nelle versioni light o senza zucchero di yogurt e snack e persino in prodotti non alimentari come medicinali liquidi e alcuni cosmetici”.

Durante lo sviluppo del nuovo studio, la squadra di ricercatori ha studiato i dolcificanti non nutritivi acesulfame potassio e sucralosio utilizzando le cellule epatiche e saggi privi di cellule, che consentono lo studio di processi cellulari come il trasporto.

Gli studiosi Hmhanno rivelato che l’acesulfame potassio e il sucralosio inibivano l’attività della glicoproteina P (PGP), nota anche come proteina 1 di resistenza multifarmaco (MDR1). PGP fa parte di una famiglia di trasportatori che lavorano insieme per purificare il corpo da tossine, droghe e metaboliti delle droghe.

Dolcificanti nutritivi
“Abbiamo osservato che i dolcificanti hanno avuto un impatto sull’attività del PGP nelle cellule del fegato alle concentrazioni previste attraverso il consumo di cibi e bevande comuni, molto al di sotto dei limiti massimi raccomandati dalla FDA”, ha affermato Stephanie Olivier Van Stichelen, Ph.D., che ha coordinato la squadra di ricercatori: “Per quanto ne sappiamo, siamo il primo gruppo a decifrare il meccanismo molecolare mediante il quale i dolcificanti non nutritivi influiscono sulla disintossicazione nel fegato”.

Gli esperimenti hanno anche mostrato che i dolcificanti non nutritivi stimolano l’attività di trasporto e probabilmente si legano al PGP, e quindi competono e inibiscono il trasporto di altri substrati come xenobiotici, farmaci e loro metaboliti, lipidi a catena corta e acidi biliari.

Sebbene i ricercatori avvertano che lo studio è preliminare e deve essere confermato in studi preclinici e clinici, i risultati suggeriscono che i dolcificanti non nutritivi potrebbero essere problematici per le persone che assumono farmaci che usano il PGP come trasportatore di disintossicazione primario. Questi includono alcuni antidepressivi, antibiotici e farmaci per la pressione sanguigna.

“Se studi futuri confermano che i dolcificanti non nutritivi compromettono il processo di disintossicazione del corpo, sarebbe essenziale studiare le potenziali interazioni e determinare livelli di consumo sicuri per i gruppi a rischio”, ha affermato Danner: “Potrebbe anche essere importante includere quantità specifiche di dolcificanti non nutritivi inclusi nelle etichette degli alimenti in modo che le persone possano monitorare meglio la loro assunzione”.

Sebbene la Food and Drug Administration degli Stati Uniti raccomandi che i dolcificanti non nutritivi rimangano al di sotto di una quantità giornaliera accettabile – la quantità inclusa in circa 35 bibite dietetiche per acesulfame potassio o otto bibite dietetiche per sucralosio al giorno – i produttori di alimenti devono solo elencarli in gli ingredienti. Non devono indicare la quantità di dolcificante non nutritivo utilizzato nel prodotto.

Successivamente, i ricercatori intendono utilizzare modelli più complessi di trasporto dei farmaci per determinare la misura in cui l’acesulfame potassio e il sucralosio potrebbero interferire con la disintossicazione e il metabolismo dei farmaci. Stanno anche studiando miscele di questi dolcificanti, che sarebbero più rappresentative di come si trovano nei prodotti alimentari.

Dolcificanti nutritivi
I ricercatori sottolineano che poiché il PGP è espresso sulle superfici di scambio in tutto il corpo e svolge un ruolo importante nel mantenimento di sistemi come la barriera emato-encefalica, sarà anche importante studiare come l’inibizione del PGP potrebbe interferire con il normale funzionamento delle cellule in altri organi.

Come tutti gli additivi alimentari, i dolcificanti non nutritivi sono sostanze soggette a regolamentazione la cui sicurezza deve essere valutata prima dell’immissione in commercio. Nell’Unione europea (UE) sono la Commissione Europea, il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo che disciplinano l’uso degli additivi alimentari; in particolare la Commissione europea e gli Stati membri decidono quali additivi possono essere usati negli alimenti e in che quantità.

Tutti gli additivi alimentari sono riportati nell’elenco degli ingredienti sulle etichette dei prodotti, che devono indicare sia la funzione dell’additivo alimentare nell’alimento finito (ossia nel dolcificante), sia la sostanza specifica usata, utilizzando il riferimento al relativo codice E o alla sua denominazione (ad esempio E 954 per la “saccarina”).

Fai utilizzo di dolcificanti non nutritivi? Dopo aver letto questo articolo, ne parlerai con il medico di fiducia? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI