Disregolazione della dopamina

Disregolazione della dopamina coinvolta nel dolore cronico

Una nuova ricerca portata avanti da una squadra di studiosi dell'Università di Toronto Mississauga ha scoperto il ruolo della disregolazione della dopamina nel dolore cronico.I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Neuroscience

La disregolazione della dopamina è stata individuata nei topi come causa del dolore infiammatorio cronico. A dichiararlo in una recente ricerca sono stati gli scienziati dell’Università di Toronto Mississauga hanno recentemente condotto uno studio esplorando gli effetti del dolore infiammatorio cronico sul cervello e sullo stato affettivo dei topi.

Disregolazione della dopamina
Immagine al microscopio della corteccia cingolata anteriore (ACC) utilizzata per l’esperimento in corso. Le linee nere sono gli elettrodi di stimolazione utilizzati per evocare le risposte sinaptiche, mentre le linee bianche mostrano il posizionamento dell’elettrodo di registrazione che monitorava l’attività dei neuroni. Credito immagine: Soroush Darvish-Ghane.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Neuroscience.

Disregolazione della dopamina e dolore cronico: ecco che cosa dice la ricerca

Negli ultimi decenni, diversi scienziati neuroscienziati hanno cercato di capire come il cervello dei mammiferi modulasse il dolore, cercando di individuare i meccanismi neurali alla base del dolore cronico. Il dolore cronico è il dolore in parti specifiche del corpo, che persiste per lunghi periodi di tempo, inclusi artrite, mal di schiena, dolore al collo o altre forme di dolore, come la fibromialgia.

Disregolazione della dopamina

Mentre gli studi passati hanno portato a importanti scoperte sulla modulazione del dolore, molte domande rimangono senza risposta. Ad esempio, mentre i neuroscienziati hanno identificato alcune delle regioni cerebrali coinvolte nella modulazione del dolore, il modo in cui le regioni corticali correlate al dolore che ricevono input che interessano la dopamina detti dopaminenergici elaborano il dolore è poco compreso.

Per capire l’eventuale ruolo della disregolazione della dopamina una squadra di studiosi dell’Università di Toronto Mississauga ha recentemente dato vita ad una ricerca che cerca di capire gli effetti del dolore infiammatorio cronico sul cervello e sullo stato affettivo dei topi. Quello che è stato scoperto suggerisce che il dolore infiammatorio può alterare il processo attraverso il quale i neuroni dopaminenergici modulano le sinapsi eccitatorie, facendoli diventare ipersensibili e ansiosi.

Ci sono diverse incognite sul dolore cronico, ma una delle aree più critiche che richiede attenzione sono i meccanismi cerebrali alla base della modulazione delle risposte al dolore“, ha dichiarato a Medical Xpress Loren J. Martin, uno dei ricercatori che ha condotto lo studio: “Il nostro lavoro è stato ispirato da precedenti indagini che hanno esaminato il coinvolgimento della regione corticale del cervello nello sviluppo e nel mantenimento del dolore cronico“.

Inizialmente, Martin, insieme alla sua squadra di collaboratori, ha cercato di determinare se il dolore infiammatorio cronico alterasse l’eccitabilità della corteccia cingolata anteriore (ACC) nel cervello dei topi. La CAA è un’importante regione cerebrale nota per svolgere un ruolo nell’espressione delle emozioni, nell’allocazione dell’attenzione e nella regolazione dell’umore. Nel contesto del dolore, questa regione del cervello può influenzare il modo in cui il dolore viene percepito ed espresso a livello emotivo.

Disregolazione della dopamina
Immagine dell’apparecchiatura di elettrofisiologia utilizzata nell’articolo corrente. Credito fotografico: Sana Khan.

La dopamina, un neurotrasmettitore predominante nel cervello, è spesso disregolata in malattie come il morbo di Parkinson, la schizofrenia e la depressione“, ha spiegato Martin: “Ciò che è sottovalutato in questi disturbi, ad eccezione della depressione, è che hanno fenotipi di dolore sottostanti che vengono spesso ignorati, ma suggeriscono che i cambiamenti complessivi nella segnalazione dopaminergica modificano in modo importante la percezione del dolore“.

La recente ricerca di Martin e dei suoi collaboratori si basa su scoperte passate che alludevano al possibile ruolo della dopamina nella percezione del dolore. I’obiettivo degli scienziati dell’Università di Toronto è quello di determinare se le alterazioni nella trasmissione dopaminergica all’interno della CAA contribuissero al dolore infiammatorio cronico.

Abbiamo utilizzato principalmente la fisiologia sinaptica, l’elettrofisiologia, per esaminare se la trasmissione tra i neuroni fosse alterata nell’ACC durante il dolore infiammatorio“, ha aggiunto Martin: “Abbiamo anche utilizzato l’HPLC per misurare i livelli di dopamina nell’ACC di topi con dolore infiammatorio. Nel complesso, troviamo che i neuroni dell’ACC sono stati potenziati e che la dopamina, che normalmente inibisce la trasmissione nell’ACC, non era così efficiente nell’inibire i neuroni durante l’infiammazione stato“.

Gli esperimenti condotti da questo gruppo di ricercatori hanno prodotto numerosi risultati interessanti. In particolare, hanno svelato una disregolazione globale della dopamina nei topi che soffrono di dolore cronico causato dall’infiammazione delle zampe posteriori. I ricercatori hanno rivelato che i topi hanno manifestato anche ipersensibilità e ansia transitoria.

Disregolazione della dopamina

Il neurotrasmettitore dopamina è conosciuto per essere coinvolto nel comportamento, nella memoria, nel movimento e nella motivazione della ricerca di ricompensa o piacere. L’impatto della disregolazione della dopamina sulle alterazioni dell’umore associate al dolore cronico, tuttavia, non è stato ancora ampiamente studiato.

La recente ricerca di Martin e dei suoi collaboratori potrebbe ispirare altri team a studiare il legame tra dolore infiammatorio cronico e trasmissione dopaminergica nella CAA. Questo potrebbe in definitiva aiutare a comprendere meglio le basi neurali dei problemi emotivi associati al dolore cronico umano: “Ora molto probabilmente esamineremo la connettività dei neuroni della dopamina da e verso l’ACC come una direzione futura per capire come questi neuroni controllano il dolore e i suoi aspetti emotivi“, ha concluso Martin.

Cosa ne pensi di questa importante scoperta sulla disregolazione della dopamina? Ti ispira fiducia per una risoluzione alla radice del dolore infiammatorio cronico? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI