Discriminazione razziale

La discriminazione razziale attacca la microstruttura cerebrale

Una ricerca di un team di scienziati del Dipartimento di Psichiatria e Scienze comportamentali della Emory University, Atlanta, ha dimostrato che la discriminazione razziale oltre a rendere più vulnerabili alle malattie, causa la microstruttura cerebrale in chi la subisce. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging

Una nuova ricerca ha dimostrato che l’esperienza della discriminazione razziale colpisce la microstruttura del cervello, oltre ad aumentare il rischio di disturbi della salute. Ricerche precedenti avevano determinato che essere discriminati per l’etnia aumenta il rischio di malattie fisiche e mentali e le donne nere soffrono di malattie a tassi significativamente più alti rispetto alle donne bianche. Come le esperienze traumatiche come la discriminazione aumentino la vulnerabilità alla malattia rimane oggetto di intensa ricerca.

Discriminazione razziale

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging.

Discriminazione razziale: ecco che cosa dice la nuova ricerca

Lo studio, è stato coordinato da Negar Fani, Dipartimento di Psichiatria e Scienze comportamentali della Emory University, Atlanta, che ha dichiarato: ” Qui vediamo un percorso attraverso il quale le esperienze razziste possono aumentare il rischio di problemi di salute attraverso effetti su percorsi cerebrali selezionati sensibili allo stress. In precedenza, abbiamo scoperto che la discriminazione razziale ha un impatto negativo sulla sostanza bianca del cervello. Oggi possiamo vedere che questi cambiamenti possono aumentare il rischio di esiti negativi per la salute, possibilmente influenzando i comportamenti normativi”.

Discriminazione razziale

Per poter dare vita alla ricerca, il team di arudiosi ha reclutato 79 donne nere da un ospedale della contea di Atlanta, in Georgia. Le donne sono state valutate clinicamente per traumi e per disturbi medici che vanno dall’asma al diabete al dolore cronico. Oltre la metà delle donne ha riportato un grave svantaggio economico, con un reddito familiare inferiore a $ 1.000 al mese, per il quale i ricercatori hanno controllato nelle loro analisi.

Le volontarie sono state anche sottoposte a una scansione cerebrale mediante risonanza magnetica (MRI). I ricercatori hanno misurato l’anisotropia frazionaria (FA) del cervello, un riflesso del movimento dell’acqua attraverso la sostanza bianca del cervello, in particolare i lunghi tratti adiposi che collegano regioni distanti del cervello. I cambiamenti nell’AF possono derivare da interruzioni strutturali dei tratti di sostanza bianca.

Le donne che hanno subito una maggiore discriminazione razziale hanno mostrato una FA più bassa in tratti cerebrali selezionati, incluso il fascio del cingolo anteriore e il corpo calloso, che collega i due emisferi del cervello. Inoltre, l’integrità strutturale di questi due trattati specifici ha mediato il rapporto tra discriminazione razziale e disturbi medici in queste donne: “Questo indica un possibile meccanismo cerebrale per esiti negativi sulla salute”, ha aggiunto il dottor Fani.

Cameron Carter, editrice di Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging , ha dichiarato, riferendosi a questa ricerca, che “Questi risultati forniscono nuove importanti prove che possono verificarsi cambiamenti nel cervello misurati utilizzando la risonanza magnetica, in associazione con una serie di problemi di salute cronici in corso, sulla scia delle continue esperienze di discriminazione razziale nelle donne afroamericane. Tali intuizioni possono contribuire alla nostra comprensione delle origini delle disparità di salute nelle comunità minorizzate e dell’impatto negativo che la discriminazione razziale può avere sulla salute umana”.

Discriminazione razziale

L’équipe di ricercatori ha ipotizzato che il peso del trauma e della discriminazione razziale possa influenzare l’integrità della materia cerebrale attraverso il sistema dello stress. I tratti colpiti sono coinvolti nella regolazione emotiva e bei processi cognitivi, che a loro volta possono portare a cambiamenti comportamentali, come un aumento del consumo di farmaci o alimenti, che aumentano il rischio per le condizioni di salute.

I tassi di demenza incidente e morbo di Alzheimer (AD) sono più alti negli afroamericani rispetto ai bianchi americani. In diverse ricerche pregresse, gli afroamericani più anziani hanno ottenuto risultati peggiori nei test cognitivi neuropsicologici rispetto ai bianchi americani. Le esperienze di discriminazione razziale sono comuni tra gli afroamericani, con il 50% o più di intervistati a un sondaggio nazionale del 2017 che riporta tali esperienze. Queste forme istituzionali e quotidiane di razzismo sono state associate a maggiori rischi di varie condizioni che possono compromettere la cognizione, tra cui depressione, scarso sonno, diabete di tipo 2 e ipertensione.

Grazie i dati del Black Women’s Health Study (uno studio prospettico di coorte istituito nel 1995, quando 59.000 dinne nere di età compresa tra 21 e 69 anni si sono arruolate completando questionari sulla salute), i ricercatori dello Slone Epidemiology Center della Boston University hanno quantificato l’associazione tra esperienze di discriminazione razziale e SCF, basandosi su sei domande su memoria e cognizione.

“I nostri risultati di un’associazione positiva di esperienze di razzismo con una funzione cognitiva soggettiva più scarsa sono coerenti con lavori precedenti che dimostrano che uno stress psicologico  percepito più elevato è associato a un maggiore declino della memoria soggettiva”, spiega l’autrice senior Lynn Rosenberg, epidemiologa presso lo Slone Epidemiology Center alla Boston University e ricercatore principale del Black Women’s Health Study.

Discriminazione razziale

 “Il nostro lavoro suggerisce che lo stress cronico associato alla discriminazione razziale può contribuire alle disparità razziali nella cognizione e nell’AD”, ha aggiunto Rosenberg, che è anche professore di epidemiologia alla Boston University School of Public Health.

Eri a conoscenza delle ripercussioni sulla salute di chi subisce discriminazione razziale? Pensi siano necessarie più campagne di sensibilizzazione? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI