Allattamento al seno, madri con autismo

Depressione post partum: allattare ne riduce l’incidenza?

Secondo una ricerca portata avanti da un team di studio del Christine E. Lynn College of Nursing della Florida Atlantic University, basata su un campione di 29.685 donne e pubblicata sulla rivista scientifica Public Health Nursing, allattare potrebbe ridurre il rischio di una donna di essere colpita depressione postpartum: all'aumentare del numero di settimane in cui le donne allattavano, la loro depressione postpartum diminuiva. Non solo, lo studio ha dimostrato che la depressione correlata al parto aumenta la morbilità materna ed è associata a maggiori rischi di riscontro di malattie cardiovascolari, ictus e diabete di tipo 2

Naviga tra i contenuti

La depressione post partum si presenta tra l’11 e il 20% delle donne che ogni anno partoriscono e secondo una nuova ricerca di un team di studio del Christine E. Lynn College of Nursing della Florida Atlantic University l’allattamento al seno ne influenza l’incidenza.

Depressione post partum

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Public Health Nursing.

Depressione post partum e allattamento al seno: ecco cosa dice la ricerca

Considerata la percentuale di donne che soffrono di depressione post partum, che come è già stato detto si aggira tra l’11 e il 20%, se si prende in considerazione che ci sono circa 4 milioni di nascite annuali solo negli Stati Uniti, questo equivale a quasi 800.000 donne con depressione postpartum. Un dato non trascurabile visto che ignorare la malattia può portare a tendenze suicidarie e infanticidi.

Depressione post partum

Gli attuali modelli biologici e psicosociali dell’allattamento al seno raccontano che allattare potrebbe ridurre il rischio di una donna di essere colpita depressione post partum. Tuttavia, studi precedenti hanno esaminato solo l’inizio dell’allattamento al seno e la sua durata.

 Inoltre, campioni piccoli e spesso omogenei hanno prodotto risultati non generalizzabili privi di potere statistico con risultati distorti a causa di livelli più elevati di istruzione, reddito e proporzioni di partecipanti caucasiche rispetto alla popolazione generale del paese campione (Gli Stati Uniti).

I ricercatori del Christine E. Lynn College of Nursing della Florida Atlantic University sono stati i primi ad osservare lo stato attuale dell’allattamento al seno in associazione al rischio di riscontrare la depressione post partum, servendosi di un ampio set di dati basato sulla popolazione nazionale di 29.685 donne che vivono in 26 stati.

Depressione post partum

I risultati della ricerca hanno evidenziato che che la depressione post partum è un problema di salute significativo tra le donne americane con quasi il 13% del campione a rischio. Gli esiti dello studio hanno dimostrato che le donne che stavano attualmente allattando al seno al momento della raccolta dei dati avevano un rischio statisticamente inferiore di depressione postpartum rispetto alle donne che non allattavano. Inoltre, esiste una relazione inversa statisticamente significativa tra la durata dell’allattamento al seno e il rischio di essere colpite dalla malattia in questione.

Infatti, all’aumentare del numero di settimane in cui le donne allattavano, la loro depressione postpartum diminuiva. Una scoperta inaspettata è stata che non c’era alcuna differenza significativa nel rischio di incorrere nella depressione dopo il parto tra le donne con diverse intenzioni di allattamento al seno (sì, no, incerto).

Le donne che soffrono di depressione postpartum, che si verifica entro quattro settimane e fino a 12 mesi dopo il parto, sopportano sentimenti di tristezza, ansia e estrema stanchezza che rendono difficile la loro quotidianità“, ha affermato Christine Toledo, Ph.D., autrice senior e professoressa assistente nel Christine E. Lynn College of Nursing della FAU: “Anche le donne con depressione postpartum che non vengono trattate possono avere esiti negativi, tra cui difficoltà a legare e prendersi cura dei propri figli, pensieri di fare del male a se stesse o al proprio bambino, e sono anche a maggior rischio di abuso di sostanze“.

Depressione post partum

Le donne che hanno sperimentato la depressione dopo il parto hanno un rischio aumentato del 50% di soffrire di ulteriori episodi di depressione nei parti successivi. Inoltre, hanno un rischio aumentato del 25% di soffrire di ulteriori disturbi depressivi non correlati al parto fino a 11 anni dopo. L’incidenza alla depressione correlata al parto aumenta la morbilità materna ed è associata a maggiori rischi di malattie cardiovascolari, ictus e diabete di tipo 2.

Per lo studio, Toledo e collaboratori della University of Miami School of Nursing and Health Studies, University of North Carolina School of Nursing, Chapel Hill, Seattle University of Nursing e The University of British Columbia School of Nursing, hanno analizzato il set di dati del 2016 e il questionario sul sistema di monitoraggio della valutazione del rischio di gravidanza (PRAMS) per indagare l’associazione con l’allattamento al seno, valutando varianti significative come età, razza, stato civile, istruzione, abuso prima e durante la gravidanza e fumare sigarette.

“I risultati di questo importante studio suggeriscono che l’allattamento al seno è un comportamento sano ed efficiente in termini di costi che può ridurre il rischio di una donna per la depressione post partum“, ha spiegato Safiya George, Ph.D., preside, FAU Christine E. Lynn College of Nursing: “Gli infermieri, in particolare, svolgono un ruolo importante nell’educare e promuovere sia i benefici per la salute materna dell’allattamento al seno che i benefici per i bambini, come fornire i nutrienti necessari e proteggerli da allergie, malattie e infezioni”.

Eri a conoscenza dei benefici di cui godono le madri nell’allattare? Conosci studi accreditati che invece raccontano il contrario? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Linda

Per esperienza personale, da quando ho smesso di allattare al seno è andato tutto meglio. Mi creava parecchio stress, non sapevo mai quanto mangiava e non avevo più vita. Forse lo studio è applicato a chi di latte ne aveva abbastanza, nel caso mio non lo era e quindi è stato un incubo. Ho passato il primo mese e mezzo a piangere, a desiderare di non svegliarmi più, e non ero felice. Poi ho iniziato con l’artificiale, sto meglio io e conseguentemente anche la bimba. Aggiungo, ho sentito molte donne smettere di allattare perché stressante quindi non credo allo studio… Leggi il resto »

1
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI