DMM, depressione

La depressione è collegata alla temperatura corporea?

Un nuovo studio ha dimostrato una stretta correlazione tra temperatura corporea e depressione

Le persone con depressione hanno una temperatura corporea più alta, suggerendo che potrebbe esserci un beneficio per la salute mentale nell’abbassare la temperatura di chi soffre del disturbo, ha scoperto un nuovo studio condotto dall’UC di San Francisco.

DMM, depressione

I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Scientific Reports.

Temperatura correlata alla depressione

Lo studio non indica se la depressione aumenta la temperatura corporea o se una temperatura più elevata provoca depressione. Non è inoltre noto se la temperatura corporea più elevata osservata nelle persone affette da depressione rifletta una ridotta capacità di auto-raffreddamento, una maggiore generazione di calore da parte dei processi metabolici o una combinazione di entrambi.

I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 20.000 partecipanti internazionali che indossavano un dispositivo che misurava la temperatura corporea e hanno anche riferito quotidianamente la loro temperatura corporea e i sintomi della depressione. Lo studio, durato sette mesi, è iniziato all’inizio del 2020 e includeva dati provenienti da 106 paesi.

I risultati hanno mostrato che con ogni aumento del livello di gravità dei sintomi della depressione, i partecipanti avevano una temperatura corporea più elevata . I dati sulla temperatura corporea hanno mostrato anche una tendenza verso punteggi di depressione più alti nelle persone la cui temperatura aveva meno fluttuazioni nell’arco di 24 ore, ma questo risultato non ha raggiunto la significatività.

I risultati fanno luce su come potrebbe funzionare un nuovo metodo di trattamento della depressione, ha affermato Ashley Mason, Ph.D., autore principale dello studio e professore associato di psichiatria presso l’UCSF Weill Institute for Neurosciences. Un numero limitato di studi causali esistenti ha scoperto che l’uso di vasche idromassaggio o saune può ridurre la depressione, possibilmente stimolando il corpo ad auto-raffreddarsi, ad esempio attraverso la sudorazione.

“Ironia della sorte, riscaldare le persone può effettivamente portare a un abbassamento della temperatura corporea che dura più a lungo rispetto al semplice raffreddamento diretto delle persone, come attraverso un bagno di ghiaccio”, ha affermato Mason, che è anche psicologo clinico presso l’UCSF Osher Center for Integrative Health. “E se potessimo monitorare la temperatura corporea delle persone affette da depressione per cronometrare bene i trattamenti a base di calore?”

“A nostra conoscenza, questo è il più grande studio fino ad oggi volto a esaminare l’associazione tra la temperatura corporea – valutata utilizzando sia metodi di autovalutazione che sensori indossabili – e sintomi depressivi in un campione geograficamente ampio”, ha aggiunto Mason. “Dato il crescente tasso di depressione negli Stati Uniti, siamo entusiasti delle possibilità di una nuova strada per il trattamento.”

In uno studio clinico randomizzato e controllato condotto su adulti con depressione da moderata a grave, coloro che hanno partecipato a sessioni di yoga riscaldate hanno sperimentato riduzioni significativamente maggiori dei sintomi depressivi rispetto a un gruppo di controllo.

I risultati dello studio, condotto da ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH), membro fondatore del Mass General Brigham (MGB), e pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry , indicano che lo yoga riscaldato potrebbe essere una valida opzione di trattamento. per i pazienti affetti da depressione .

Nello studio di otto settimane, 80 partecipanti sono stati randomizzati in due gruppi: uno che ha ricevuto sessioni di 90 minuti di Bikram yoga praticate in una stanza a 105°F e un secondo gruppo che è stato inserito in una lista d’attesa (i partecipanti in lista d’attesa hanno completato l’intervento yoga dopo il loro periodo di lista d’attesa). Nell’analisi sono stati inclusi un totale di 33 partecipanti nel gruppo yoga e 32 nel gruppo in lista d’attesa.

Ai partecipanti al gruppo di intervento sono state prescritte almeno due lezioni di yoga a settimana, ma nel complesso hanno frequentato una media di 10,3 lezioni in otto settimane.

Dopo otto settimane, i partecipanti allo yoga hanno avuto una riduzione significativamente maggiore dei sintomi depressivi rispetto ai partecipanti in lista d’attesa, come valutato attraverso la cosiddetta scala IDS-CR (Inventario della sintomatologia depressiva clinicamente valutata).

Inoltre, i ricercatori hanno osservato che il 59,3% dei partecipanti allo yoga aveva una diminuzione dei sintomi pari o superiore al 50%, rispetto al 6,3% dei partecipanti in lista d’attesa. Inoltre, il 44% nel braccio yoga ha ottenuto punteggi IDS-CR così bassi che la depressione è stata considerata in remissione, rispetto al 6,3% nel braccio lista d’attesa.

I sintomi depressivi sono stati ridotti anche nei partecipanti che hanno ricevuto solo la metà della “dose” di yoga prescritta, suggerendo che sessioni di yoga riscaldate solo una volta alla settimana potrebbero essere utili.

“Lo yoga e gli interventi basati sul calore potrebbero potenzialmente cambiare il corso del trattamento dei pazienti affetti da depressione fornendo un approccio non basato sui farmaci con ulteriori benefici fisici come bonus”, afferma l’autrice principale Maren Nyer, Ph.D., direttrice dello Yoga. Studi presso il Depression Clinical and Research Program presso il Massachusetts General Hospital e professore assistente di Psichiatria presso la Harvard Medical School.

“Stiamo attualmente sviluppando nuovi studi con l’obiettivo di determinare i contributi specifici di ciascun elemento – calore e yoga – agli effetti clinici che abbiamo osservato nella depressione”.

Depressione maggiore

I partecipanti hanno valutato positivamente le sessioni di yoga riscaldate e non hanno riscontrato effetti avversi gravi associati all’intervento.

“Sono necessarie ricerche future per confrontare lo yoga riscaldato con quello non riscaldato per la depressione per esplorare se il calore ha benefici oltre a quelli dello yoga per il trattamento della depressione, soprattutto date le prove promettenti dell’ipertermia di tutto il corpo come trattamento per il disturbo depressivo maggiore “, ” afferma l’autore senior David Mischoulon, MD, Ph.D., direttore del programma di ricerca e clinica sulla depressione presso il Massachusetts General Hospital.

Le persone che presentano sintomi di depressione possono avere un rischio maggiore di avere un ictus, secondo un ulteriore studio. I ricercatori hanno anche scoperto che le persone con sintomi di depressione avevano maggiori probabilità di avere un recupero peggiore dopo un ictus.

“La depressione colpisce persone in tutto il mondo e può avere una vasta gamma di impatti sulla vita di una persona”, ha affermato l’autore dello studio Robert P. Murphy, MBBS, dell’Università di Galway in Irlanda. “Il nostro studio fornisce un quadro ampio della depressione e del suo legame con il rischio di ictus esaminando una serie di fattori tra cui i sintomi dei partecipanti, le scelte di vita e l’uso di antidepressivi. I nostri risultati mostrano che i sintomi depressivi erano collegati a un aumento del rischio di ictus e il rischio era simile in diversi gruppi di età e in tutto il mondo.”

Lo studio ha coinvolto 26.877 adulti dello studio INTERSTROKE e ha incluso persone provenienti da 32 paesi in Europa, Asia, Nord e Sud America, Medio Oriente e Africa. I partecipanti avevano un’età media di 62 anni. Dei partecipanti, più di 13.000 hanno avuto un ictus. Sono stati abbinati a più di 13.000 persone che non avevano avuto un ictus ma erano simili per età, sesso, identità razziale o etnica.

I partecipanti hanno completato dei questionari all’inizio dello studio riguardanti i fattori di rischio cardiovascolare, tra cui l’ipertensione e il diabete. I ricercatori hanno raccolto informazioni riguardanti i sintomi della depressione nell’anno precedente allo studio. È stato chiesto loro se si fossero sentiti tristi, depressi o depressi per due o più settimane consecutive negli ultimi 12 mesi.

Tra i partecipanti allo studio, il 18% di coloro che hanno avuto un ictus presentavano sintomi di depressione rispetto al 14% di coloro che non hanno avuto un ictus.

Dopo aver aggiustato i dati per età, sesso, istruzione, attività fisica e altri fattori legati allo stile di vita, le persone con sintomi di depressione prima dell’ictus avevano un rischio aumentato del 46% di ictus rispetto a quelli senza sintomi di depressione.

Più sintomi avevano i partecipanti, maggiore era il rischio di ictus. I partecipanti che riferivano cinque o più sintomi di depressione avevano un rischio di ictus maggiore del 54% rispetto a quelli senza sintomi, mentre quelli che riferivano da tre a quattro sintomi di depressione e quelli che riferivano uno o due sintomi di depressione avevano un rischio maggiore del 58% e del 35%. rischio, rispettivamente.

Depressione maggiore

Anche se le persone con sintomi di depressione non avevano maggiori probabilità di avere ictus più gravi, avevano maggiori probabilità di avere esiti peggiori un mese dopo l’ictus rispetto a quelli senza sintomi di depressione.

“In questo studio abbiamo acquisito conoscenze più approfondite su come i sintomi depressivi possono contribuire all’ictus”, ha aggiunto Murphy. “I nostri risultati mostrano che i sintomi della depressione possono avere un impatto sulla salute mentale , ma anche aumentare il rischio di ictus. I medici dovrebbero cercare questi sintomi di depressione e possono utilizzare queste informazioni per guidare iniziative sanitarie incentrate sulla prevenzione dell’ictus.”

Una limitazione dello studio era che i partecipanti compilavano questionari sui sintomi della depressione solo all’inizio dello studio, quindi non è stato possibile misurare gli effetti della depressione nel tempo.

Sebbene la depressione sia un problema comune per le persone che hanno avuto un ictus, alcune persone potrebbero avere sintomi di depressione anni prima dell’ictus. I ricercatori hanno scoperto che, nelle persone che hanno sviluppato un ictus, i sintomi della depressione hanno preceduto l’insorgenza dell’ictus e sono ulteriormente peggiorati dopo l’ictus.

“La depressione è uno dei problemi più urgenti nelle persone che hanno avuto un ictus ed è così comune che viene definita depressione post-ictus “, ha affermato l’autrice dello studio Maria Blöchl, Ph.D., dell’Università di Münster in Germania. “Ma il nostro studio ha scoperto che i sintomi depressivi non solo aumentano notevolmente dopo l’ictus, ma ha anche scoperto che le persone avevano già sviluppato alcuni sintomi depressivi prima ancora che si verificasse l’ictus.”

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato 10.797 adulti con un’età media di 65 anni e senza storia di ictus all’inizio dello studio. I partecipanti sono stati seguiti per un massimo di 12 anni. Durante quel periodo, 425 persone hanno avuto un ictus. Sono stati abbinati a 4.249 persone che non avevano avuto un ictus ma erano simili per età, sesso, identità razziale o etnica e altre condizioni di salute .

I partecipanti hanno partecipato a un sondaggio ogni due anni chiedendo se avevano manifestato sintomi di depressione nell’ultima settimana, tra cui: sentirsi depressi; sentirsi soli; sentirsi triste; tutto era uno sforzo; e sonno agitato. Più sintomi avevano i partecipanti, più alto era il loro punteggio.

I ricercatori hanno scoperto che sei anni prima del momento dell’ictus, le persone che in seguito avevano avuto un ictus e quelle che non lo avevano avuto avevano punteggi più o meno gli stessi, circa 1,6 punti. Ma circa due anni prima dell’ictus, il punteggio delle persone che avevano avuto un ictus ha iniziato ad aumentare, in media di 0,33 punti. Dopo l’ictus, i sintomi depressivi sono aumentati di ulteriori 0,23 punti per questo gruppo, raggiungendo un totale di circa 2,1 punti e sono rimasti così alti per 10 anni dopo l’ictus. Al contrario, i punteggi delle persone che non hanno avuto un ictus sono rimasti più o meno gli stessi durante lo studio.

Nel valutare se le persone potessero essere considerate clinicamente depresse, ottenendo un punteggio pari o superiore a tre punti sulla scala, i ricercatori hanno scoperto che è emerso un modello di risultati leggermente diverso. Nella valutazione prima dell’ictus, il 29% delle persone che stavano per avere un ictus soddisfacevano i criteri per avere una probabile depressione, rispetto al 24% di coloro che non avevano avuto un ictus.

Al momento dell’ictus, il 34% delle persone che avevano avuto un ictus soddisfacevano i criteri per avere una probabile depressione, rispetto al 24% di coloro che non avevano avuto un ictus. Quei numeri erano più o meno gli stessi sei anni dopo l’ictus.

“Ciò suggerisce che l’aumento dei sintomi della depressione prima dell’ictus sono per lo più cambiamenti sottili e potrebbero non essere sempre rilevabili clinicamente. Ma anche un leggero aumento dei sintomi depressivi, in particolare dei sintomi legati all’umore e all’affaticamento, può essere un segnale che un ictus sta per verificarsi, “, ha osservato Blöchl.

DMM

“La depressione non è solo un problema post-ictus, ma anche un fenomeno pre-ictus”, ha affermato Blöchl. “Non è chiaro se questi cambiamenti pre-ictus possano essere utilizzati per prevedere chi avrà un ictus. Il motivo esatto per cui i sintomi depressivi si verificano prima dell’ictus dovrà essere studiato in ricerche future. Inoltre, lo studio sottolinea perché i medici devono monitorare i sintomi della depressione a lungo termine in persone che hanno avuto ictus.”

Una limitazione dello studio era che i ricercatori non disponevano di dati sufficienti sui trattamenti per la depressione. Quindi, è possibile che alcune persone abbiano ricevuto antidepressivi che avrebbero potuto migliorare i sintomi della depressione a seguito di un ictus.

 

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI